Did you know that we’re only two weeks away from the start of Lakers training camp? Two weeks!

Oct 2, 2018; Los Angeles, CA, USA; Los Angeles Lakers forward LeBron James (23) and forward Kyle Kuzma (0) celebrate on the court in the first half of the game against the Denver Nuggets at Staples Center. Mandatory Credit: Jayne Kamin-Oncea-USA TODAY Sports

Meno di due settimane all’inizio del training camp e l’insider che segue i Lakers da vicino ha aperto la sua casella mail per rispondere a tutte le domande sul mondo GialloViola.

Roster GialloViola 2019-2020:

PG: Avery Bradley, Alex Caruso, Rajon Rondo, Quinn Cook
SG: Danny Green, Kentavious Caldwell-Pope, Troy Daniels
SF: LeBron James, Kyle Kuzma, Talen Horton-Tucker
PF: Anthony Davis, Jared Dudley, Kostas Antetokounmpo (2 way)
C: Dwight Howard, JaVale McGee

  • Le domande che sono arrivate con più insistenza sono state quelle sulla potenziale lineup e sulla rotazione:

Ho dato un’occhiata più a lungo a Caruso e penso che abbia la possibilità di guadagnarsi il quintetto. Anche se questo ovviamente dipenderà dalla condizione di Bradley e da cosa pensa Vogel di Rondo e Cook. Un fattore che pende a favore di Caruso, anche se con un numero di partite ridotto, è che rende molto meglio in campo vicino a LeBron rispetto a Rondo la scorsa stagione:

  • Rondo + LeBron: 105,5 ORTG. 110.9 DRTG. -5.4 NET in 602 minuti (35 partite)
  • Caruso + LeBron: 111,7 ORTG. 102.6 DRTG. +9.1 NET in 147 minuti (10 partite)

Definirei McGee come il centro di partenza per aprire il campo, ma dovremo anche aspettare e vedere come Dwight Howard tornerà da una stagione in cui ha giocato solo nove partite. Per gli spot SG e SF dovremmo ragionare in maniera diversa tra difesa e attacco. Green è il giocatore che penso possa difendere qualsiasi SG o SF (e tenere anche su PG), mentre altri ragazzi si dividono in modo diverso: KCP / Caruso = PG, SG e SF piccoli; Kuzma = alcuni SG, SF e piccoli PF; Dudley = alcuni SG, SF e PF. Kuz potrebbe partire titolare con molte squadre, ma nessun altro team (a parte LAC) ha due potenziali prime punte All-NBA; poiché AD preferisce giocare con un centro classico e LeBron difende più spesso sui 3 o 4, il che significa che Kuzma sarebbe molto probabilmente il sesto uomo.

  • Un’altra domanda riguarda il pace dei Lakers e la possibilità di vedere un’altro centro al posto di Howard e McGee:

I Lakers hanno terminato la stagione quarti per pace (103,6), e mi aspetto che scenderanno considerevolmente. Davis, Kuzma, Caruso e KCP hanno tutti più o meno 26 anni e possono correre, ma L.A. avrà un tale vantaggio nella metà campo offensiva grazie alla presenza di LeBron e AD che non dovranno spingere per creare un bell’attacco. Questo è stato più spesso il caso della scorsa stagione con un gruppo di giovani giocatori che si stavano ancora sviluppando in situazioni di metà campo. Per quanto riguarda un altro centro, probabilmente sarà Davis o LeBron quando la squadra andrà di small ball. Potrebbe essere un quintetto molto versatile sia in attacco che in difesa (penso a Davis, LeBron, Kuzma, Green e Caruso per la difesa, oppure i primi quattro più Cook per l’attacco). Questo non vuol dire che uno stretch 5 non avrebbe alcun valore nel roster, ma sono sicuro che il front office valuterà tutte le opzioni man mano che la stagione procede, come sempre.

  • Domanda da un utente italiano, @G_d_P_: Considerando i punti di forza e di debolezza del roster, le esperienze passate del nostro allenatore e la preferenza di AD per giocare come 4 che tipo di difesa possiamo immaginare? Cercheremo di far tentare il tiro da 3 oppure li canalizzeremo in area?

Frank Vogel ha risposto alla tua domanda nella sua conferenza stampa di presentazione, quindi lo citerò: “Con tutto il discorso sulla linea da 3 punti, è ancora più importante costruire la tua difesa sia dentro che fuori. Il canestro è ancora la massima priorità. Il pitturato è ancora la massima priorità. E poi corri fuori e proteggi la linea dei 3 punti.” Tra Davis, McGee e Howard, hai tre dei migliori stoppatori della NBA (combinati fanno 6.0 stoppate per partita), e LeBron può essere devastante dal lato debole e come rim protector. Mentre Caruso, Bradley e Green sono tutti buoni difensori perimetrali, sembra che la canalizzazione che hai citato sia adatta ai giocatori. Anche se, nella moderna NBA, devi costantemente mostrare molteplici aspetti e schemi difensivi.

  • Entrando nel suo terzo anno, su cosa si è concentrato Kuzma nella off season e cosa vuole che i fan si aspettino da lui dalla prossima stagione?

Il sempre fiducioso Kuz ha dichiarato di voler diventare un All-Star, e ha aggiunto durante le exit-interview che essere uno “shooter totalmente diverso” può essere la differenza più grande rispetto alla scorsa stagione (18,7 ppg, ma solo il 30,3% da 3) . Il suo tiro da 3 punti è sembrato molto migliorato durante l’esperienza con Team USA prima che l’infortunio alla caviglia finisse per tenerlo fuori dall’elenco finale della Coppa del Mondo. Penso che la sua esperienza con il Team USA, anche se interrotta, lo aiuterà considerevolmente ad iniziare la stagione. Le cose che gli sono state chieste di fare – giocare in difesa, andare a rimbalzo, fare molti tagli in area, prendere i tiri da 3 con spazio – tutto si traduce direttamente in ciò che dovrà fare per Frank Vogel.

  • Quale pensi che sia una percentuale da 3 soddisfacente per questa stagione? Considerando soprattutto l’aggiunta di Green e il miglioramento di Kuzma?

La scorsa stagione, i Lakers hanno raggiunto solo il 33,3% da 3, che lì ha fatti classificare al 29 ° posto nella NBA (solo Phoenix dietro). Ecco cosa ha aggiunto GM Rob Pelinka: Danny Green (45,5% nella scorsa stagione / 40,4% in carriera); Quinn Cook (40,5% / 41,8%); Troy Daniels (38,1% / 40,0%) e Jared Dudley (35,1% / 39,2%). Davis ha appena rilasciato un’intervista affermando che si è concentrato sul tiro da 3 punti in offseason. La scorsa stagione Caruso ha girato molto bene da tre (48% su 50 tentativi) e KCP ha avuto momenti in cui è stato caldo, specialmente a fine stagione. Alla fine, con LeBron e Davis sul campo insieme, gli avversari dovranno lasciare aperti alcuni tiratori e questo dovrebbe aumentare ulteriormente la percentuale complessiva. Per quanto riguarda una percentuale specifica? Diciamo che il 36,0% sarebbe un buon obiettivo, solo sette squadre hanno tirato meglio di quella percentuale la scorsa stagione.

  • Quanto cambierà l’approccio della gestione degli infortuni e della prevenzione rispetto alle altre stagioni? L’anno scorso è stata solo sfortuna?

Prima di tutto, è probabile che i fan dei Lakers ricordino la rispettata dottoressa Judy Seto dalla sua precedente esperienza con la squadra e soprattutto con Kobe Bryant, beh, è ​​tornata! A maggio, la dott. Seto è stata assunto come direttrice delle prestazioni sportive. Dal comunicato stampa del team: “Seto riferirà al direttore generale Rob Pelinka e supervisionerà l’assistenza medica e ottimizzerà la salute e le prestazioni dei giocatori dei Lakers”. Il team ha anche annunciato la promozione di Nina Hsieh a Head Athletic Trainer, dopo tre stagioni come l’assistente trainer.

  • Se a metà stagione ci fosse una spaccattura all’interno dello spogliatoio tra i giocatori, quale coach o assistente si occuperà di ciò?

Ogni coaching staff è diverso, ma quella situazione ipotetica suona come qualcosa che gli assistenti spesso affrontano. Un vantaggio di avere ex allenatori come Lionel Hollins e Jason Kidd nello staff di Frank Vogel è che non c’è quasi una situazione di spogliatoio che non hanno visto in tutti i loro anni sia come giocatori che come allenatori, ma ciò non significa che siano loro a dare “ossigeno”. Più specificamente, dipenderà totalmente dalla situazione e da quali giocatori sono stati coinvolti, perché alcuni assistenti sono più stretti con alcuni giocatori rispetto ad altri. A proposito, non scartiamo Phil Handy, che è eccezionale nel trattare con i giocatori, e molto rispettato da molte stelle NBA (incluso LeBron).

  • Pensi sia credibile vedere Davis per una intera stagione senza infortuni?

Dato che Davis non ha giocato 70 partite in nessuna delle sue prime quattro stagioni (64, 67, 68, 61), abbiamo iniziato a pensare a lui in un certo modo in termini di infortuni. Ma in realtà ha giocato in 75 partite nelle stagioni 2016-17 e 2017-18, ed è stato per lo più sano la scorsa stagione, in cui ha perso diverse partite e ha giocato meno minuti a causa della situazione della potenziale trade. Non l’ho chiesto a Davis, ma sembra che si sia evoluto su come rimanere forte e mantenere la sua salute durante una stagione, il che a volte può richiedere ai giocatori diversi anni.

  • I Lakers hanno in programma di acquisire altri free agent o giocatori tagliati?

Rob Pelinka sarebbe in grado di rispondere al meglio, ma so che in passato ha menzionato che un front office della NBA non deve mai essere soddisfatto e deve provare sempre a migliorare il roster. Quindi, se si presenta l’opportunità di migliorare la squadra, sia prendendo un giocatore, prendendo qualche giocatore tagliato, sia facendo uno scambio, immagino che ci penserebbero.

  • Kuzma partirà titolare o inizierà come sesto uomo?

Per rispondere a questa domanda devo pensare alla situazione del centro e di Davis: per iniziare le partite e all’inizio del secondo tempo, vedremo quasi sempre un centro vicino a Davis (McGee / Howard). Ma nell’attuale NBA, la maggior parte delle squadre usa lo small ball e quindi giocare “centro” contro un quintetto piccolo non è lo stesso del giocare centro a inizio partita. In altre parole, se i Lakers mettono un quintetto con Davis nel ruolo di centro l’altra squadra potrebbe essere costretta a mettere un giocatore più tenga sia sul perimetro che nel pitturato Davis. Quel matchup sarebbe favorevole ai Lakers soprattutto in area. Davis comunque ha già ricoperto quel ruolo per un’intera serie di playoff contro i Blazers, ed è stato fantastico (33,0 ppg, 11,8 rpg, 2,8 bpg, 1,8 spg).

  • Quali giocatori del backcourt giocheranno più di 22 minuti di media nella prima metà di stagione?

Questa è una buona domanda, perché non sono sicuro che Frank Vogel conosca ancora la risposta … almeno a parte Green, che possiamo inserire come SG iniziale che dovrebbe giocare a 30+ mpg. I candidati più probabili: Bradley, Caruso e KCP, poiché tutti e tre possono giocare su entrambe le estremità del campo.

  • Penberthy è davvero tornato come allenatore?

Davvero. Dal comunicato stampa dei Lakers: “(Mike) Penberthy faceva parte dello staff dei Pelicans durante le ultime due stagioni. In precedenza ha lavorato come allenatore privato per alcuni dei migliori talenti della lega ed è stato assistente allenatore con i Minnesota Timberwolves nel 2014-15. Penberthy ha disputato due stagioni per i Lakers dal 2000 al 2001 ed è stato membro della squadra del campionato del 2001. ”Ovviamente ha una relazione con Davis dal loro tempo a New Orleans.

FINE PRIMA PARTE

Leggi anche:

Categories:

No responses yet

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Our Podcast
Most Recent
Scores and Schedule
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: