Si è appena concluso un decennio più amaro che dolce per i Los Angeles Lakers. Per celebrare la fine degli anni Dieci, la crew di LakeShow Italia ha deciso di scegliere insieme ai propri lettori ed ascoltatori la top five dei peggiori e migliori giocatori che hanno indossato la canotta gialloviola nel decennio.

NB: gli atleti sono stati suddivisi per ruolo sulla base della categorizzazione del sito Basketball Reference. Il sondaggio è stato proposto sull’account Twitter ed il canale Telegram di LakeShow Italia.

All-Decade Worst Team

Game W/L%PPGRPGAPGeFG%
Marcelo Huertas, PG76.1713.91.53.144.3
Nick Young, SG220.29513.12.31.050.3
Luol Deng, SF57.3167.55.21.344.7
Carlos Boozer, PF71.25411.86.81.344.9
Timofey Mozgov, C54.3087.44.90.851.5
Byron Scott, Coach164.232

Worst Five, Point Guard: Marcelo Huertas

L’indimenticabile fenomeno brasiliano Marcelo Huertas (35.9%) ha battuto di un soffio Steve Nash (35.4%).

Marcelo Huertas
Marcelo Huertas (Kelvin Kuo, AP Photo)

Una serie di giocate hanno reso memorabile il biennio in California di Marcelino: dalla steal ai danni di Goran Dragic dopo essersi nascosto dietro Erik Spoelstra al circus shot con il quale è entrato a pieno titolo tra i fenomeni di Shaqtin’ a Fool.

Honorable Mention: Rajon Rondo (20%), Ramon Sessions (5.6%).


Worst Five, Shooting Guard: Nick Young

Nick Young (37.5%) si è conquistato lo spot da titolare superando l’ex compagno ed avversario alle NBA Finals 2018 Jordan Clarkson (30.9%).

Nick Young
Nick Young (AP Photo)

Una carriera costellata di sconfitte (quasi il 70% di L primo dell’arrivo nella Baia) terminata con la conquista dell’anello con i Golden State Warriors. Ad L.A. Swaggy P si è ritagliato un ruolo da protagonista negli anni del tanking, alternando prestazioni da 40 e passa punti o con 8 triple a bersaglio a periodi di slump e comportamenti eccessivi fuori dal campo.

Highlight della permanenza ad El Segundo il feud con D’Angelo Russell, il game winner contro i Thunder rubato a Lou Williams e soprattutto…

The Swaggy Shot

Honorable Mention: D’Angelo Russell (16.9%), Lance Stephenson (12,5%).


Worst Five, Small Forward: Luol Deng

Quasi un plebiscito per Luol Deng (69.8%) che ha sbaragliato la concorrenza di Lance Stephenson e Wesley Johnson (10.1% per entrambi).

Luke Walton and Luol Deng
Luke Walton and Luol Deng (Michael Reaves, Getty Images)

Eppure il sudsudanese aveva iniziato discretamente (due doppie doppie nelle prime cinque gare, il mese di Dicembre in doppia cifra di media), ma i problemi fisici e la necessità di far giocare i giovani – chi ha detto tanking? – lo hanno fatto scivolare ai margini delle rotazioni, finendo per disputare una sola gara nella stagione 2017/18.

In California però non dimenticano i tanti dollari (54.544.067 per l’esattezza) che Deng-erous percepirà fino all’ultimo centesimo, ovvero 127.737 $ per ogni punto segnato.

Honorable Mention: Corey Brewer (7.9%), Matt Barnes (0.7%).


Worst Five, Power Forward: Carlos Boozer

Un po’ a sorpresa, Carlos Boozer (41.4%) ha conquistato il posto in quintetto ai danni di Ryan Lelly Kelly (40.3%).

Carlos Boozer
Carlos Boozer (Brian Spurlock, USA TODAY Sports)

Forte di due partecipazioni all’All-Star Game ed un inclusione nel terzo quintetto All-NBA, il prodotto di Duke arrivò nella City of Angels per far da mentore a Julius Randle. L’infortunio all’esordio del rookie ed i problemi di salute di Kobe Bryant affondarono la nave lacustre, con Boozer – in compagnia del sopracitato Young – incapace di invertire la rotta.

Anche Booz si è reso protagonista di giocate che hanno lasciato il segno.

Honorable Mention: Julius Randle (15.2%), Josh McRoberts (13.1%).


Worst Five, Center: Timofey Mozgov

In un altro arrivo in volata tra due leggende degli anni bui dei Lakers, Timofey Mozgov (40.4%) ha avuto la meglio su Robert Sacre (34.2%).

Timofey Mozgov
Timofey Mozgov (Thearon W. Henderson, AFP Photo)

Colpo, con Deng, della nefasta Free Agency 2016, il centro russo sbarcò ai Lakers sull’onda delle ottime NBA Finals 2015 – grazie agli assist di LeBron James – e la conquista, da comprimario, dello storico titolo l’anno seguente.

A differenza di Luol, Mo$gov venne subito spedito ai Nets da Magic Johnson. Tuttavia nell’unica stagione disputata, è riuscito a produrre notevoli capolavori.

Nelle prime clip, le due easy dunk sbagliate a pochi possessi di distanza contro i Cavs
Nelle successive, il russo concede il bis contro i Jazz, prima una schiacciata sbagliata, poi un autocanestro.

Honorable Mention: Roy Hibbert (17.4%), Chris Kaman (8.1%).


Worst Five, Coach: Byron Scott

Un solido biennio da Tank Commander ha consentito a Byron Scott (46.7%) di resistere all’assalto di Luke Walton (24.3%).

Byron Scott
Byron Scott, artwork by Caniggia

Protagonista dello Showtime in mezzo al campo, Scott ottiene risultati importanti alla sua prima esperienza da Head Coach, ovvero due NBA Finals con i New Jersey Nets griffati Jason Kidd. L’esperienza successiva con gli allora New Orleans Hornets culmina con il premio di 2008 NBA Coach of the Year.

Con l’approdo ai Cavs nel 2010 Lord Byron trova la sua dimensione: condurre le franchigie nei bassifondi del ranking, giocando tutte le carte possibili per scalare le posizioni nella Lottery. Dopo tre stagioni in Ohio (.278 il record complessivo) ed un anno sabbatico, Scott torna nella sua L.A. per conquistare le seconde scelte con cui i lacustri sceglieranno Russell e Brandon Ingram.

Honorable Mention: Mike Brown (14.9%), Mike D’Antoni (14.2%).


Categories:

No responses yet

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Our Podcast
Most Recent
Scores and Schedule
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: