Facendo seguito alle anticipazioni dei vari insider, i Los Angeles Lakers hanno iniziato ad ufficializzare i colpi messi a segno nella free agency.

Dwight Howard

Il primo annuncio di Rob Pelinka è stato il ritorno di Dwight Howard. Come al solito non sono stati forniti i dettagli dell’accordo, ma stando ai report degli insider l’ex Superman dovrebbe aver accettato un contratto annuale al minimo per veterani di circa 2.64 milioni di dollari.

Dopo l’annuncio, Howard ha parlato con i media spiegando le motivazioni che lo hanno spinto a tornare nella Città degli Angeli.

«Mi ha spinto a tornare l’amore per il gioco e per questa città, ovviamente anche l’opportunità di giocare per vincere. Dovremo fare tanti sacrifici per costruire la chimica di squadra, ma è necessario se davvero vuoi conquistare l’anello.»

«Il mio contributo sarà quello di sempre: rimbalzi, difesa, convertire i passaggi dei compagni. Mi focalizzerò su questi aspetti del gioco.»

Dwight Howard

Howard, alla sua diciottesima stagione nella NBA, ha messo a referto 16.2 punti con il 58.6% dal campo, 12.1 rimbalzi e 1.9 stoppate in 1.182 gare disputate tra Orlando, Houston, Atlanta, Charlotte, Washington, Philadelphia e Lakers. L’otto volte All-Star torna a Los Angeles dopo aver contribuito alla storica conquista del titolo 2020.

Dwight è stato nominato tre volte Defensive Player of the Year, ha guidato cinque la Lega per rimbalzi catturati ed è stato due volte il miglior stoppatore.

Wayne Ellington

Poco dopo, il Vice President of Basketball Operations nonché General Manager californiano ha annunciato l’accordo raggiunto con Wayne Ellington, che ha accettato un contratto annuale analogo a quello di Howard.

Nel corso della sua presentazione, il tiratore da North Carolina si detto consapevole dell’importanza dei tiratori quanto siano importanti i tiratori nel basket d’oggi.

«Quando in squadra hai dei giocatori in grado di attaccare le difese, è fondamentale avere dei tiratori affidabili a cui poter scaricare. Sono davvero eccitato per quest’occasione.»

Wayne Ellington

Nella passata stagione Ellington ha disputato 46 gare con i Detroit, mettendo a segno 9.6 punti con il 42.2% da tre, 1.8 rimbalzi e 1.5 assist in 22 minuti a partite. Wayne ha disputato una stagione con i Lakers nel 2014/15, chiusa con 10 punti di media e il 37% dalla lunga distanza.

In 12 anni con le canotte di Minnesota, Memphis, Cleveland, Dallas, Brooklyn, Miami, Detroit, New York e Lakers è sceso in campo in 727 partite, in cui ha realizzato 8.1 punti con il 38.2% dall’arco, 2.2 rimbalzi e 1.1 assist in 21 minuti di media.

Trevor Ariza

Il front office gialloviola ha poi confermato un altro gradito ritorno ad El Segundo, quello di Trevor Ariza. Anche il veterano uscito da UCLA ha inchiostrato un contratto annuale al minimo per veterani come Howard ed Ellington.

Ariza – che torna in California dopo aver conquistato il titolo 2009 al fianco di Kobe Bryant e contro Dwight – ha dichiarato di essere focalizzato sul presente pur ricordando con piacere la precedente esperienza angelena.

«Sono emozionato e felice. Volevo essere qui.»

«Siamo una squadra con tanti veterani, l’unica cosa da fare è essere responsabile e fare tutto quello che serve per vincere. L’unica cosa che conta è il successo della squadra.»

Trevor Ariza

Nella passata stagione Ariza ha disputato 30 gare con Miami, chiuse con 9.4 punti, 4.8 rimbalzi, 1.8 assist ed 1 recupero in 28 minuti di media. Nei due anni sotto la guida di Phil Jackson ha messo a referto 8.3 punti, 4.1 rimbazli, 1.7 assist e 1.5 recuperi.

In 17 stagioni spese tra New York, Orlando, Houston, New Orleans, Washington, Phoenix, Sacramento, Portland, Miami e Lakers, Trevor ha disputato 1.094 partite mettendo a referto 10.5 punti con il 35.2% da tre, 4.8 rimbalzi, 2.1 assists e 1.5 recuperi (1.615 steal in carriera).

Kent Bazemore

Infine, Pelinka ha annunciato il quarto ritorno in maglia Lakers: Kent Bazemore. L’ex Hawks e Warriors ha accettato un contratto annuale al minimo per veterani da 2.4 milioni di dollari.

Nella Baia lo scorso anno Bazemore ha disputato 67 gare mettendo a referto 7.2 punti con il 40.8% da tre (career high), 3.4 rimbalzi, 1.6 assist e 1 recupero in 19.9 minuti di media. Nel 2013/14 con gli angeleni disputò 23 partite chiuse con 13.1 punti, 3.3 rimbalzi, 3.1 assist e 1.3 recuperi.

Nelle nove stagioni disputate tra Golden State, Atlanta, Portland, Sacramento e Lakers, Kent ha disputato 618 partite con 8.5 punti (35.6% da tre), 3.2 rimbalzi, 1.8 assist e 1 recuperi in 21 minuti ad allacciata di scarpe.

Leggi anche:

Categories:

No responses yet

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Our Podcast
Most Recent
Scores and Schedule
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: