L’estate dei come back in casa Los Angeles Lakers si chiude con l’inatteso ritorno di Avery Bradley. Poche ore dopo l’annuncio dell’accordo raggiunto con il rookie Jay Huff, il General Manager dei gialloviola Rob Pelinka ha ufficializzato la firma del veterano da Tacoma.

Per Avery Bradley un contratto non garantito

Ironia della sorte, durante la sfida di preseason contro Golden State gli angeleni avevano dedicato un video tributo ad Avery Bradley per il contributo fornito durante la regular season nella stagione chiusa con l’anello. Pochi giorni dopo la guardia scelta da Boston nel 2010 è stata tagliata dagli Warriors.

Bradley si aggiunge agli veterani reduci dal titolo tornati in estate nella Città degli Angeli, ovvero Dwight Howard e Rajon Rondo. Non l’innesto di Avery il roster californiano è al completo, potendo contare su 15 membri effettivi e 2 two-way player. Stando ai report degli insider, il contratto del due volte All-Defensive Team è un non garantito.

Di conseguenza, i Lakers possono tagliare Bradley in un qualunque momento prima dell’8 Gennaio riducendo al minimo l’impatto sulla luxury tax. Avery aggiunge difesa tra gli esterni, soprattutto in considerazione degli infortuni patiti da Talen Horton-Tucker e Trevor Ariza.

Anche sull’ex #11 gialloviola grava l’incognita degli infortuni, ma si tratta di una scommessa a basso costo e dalle scarse controindicazioni. Welcome back Avery!

Leggi anche:

Our Podcast
Most Recent
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: