In copertina: Frank Vogel (Katelyn Mulcahy, Getty Images)

La dolce vittoria dei Los Angeles Lakers contro gli Utah Jazz alla Crypto.com Arena (qui il recap della gara) si porta con sé fatti dal peso notevole. Come riportato Bill Oram e Sam Amick di The Athletic, infatti, sembra che coach Frank Vogel abbia evitato il licenziamento vincendo, e con grande stile, contro la squadra di Salt Lake City.

Si sa, i Lakers avevano già reso chiaro che il progetto con Vogel sarebbe stato tenuto attentamente d’occhio ad opera in corso, e per questo motivo ad agosto è sì avvenuto il rinnovo, ma per una sola stagione.

Nonostante le rassicurazioni ricevute da Jeanie Buss a Dicembre, secondo le indiscrezioni l’ownership e il front office – nelle persone di Rob Pelinka e Kurt Rambis – non sono per nulla soddisfatte della stagione. Pur considerando tutte le attuenuanti del caso.

Le ombre sul futuro di Frank Vogel

Conosciamo bene anche la situazione attuale dei gialloviola: dopo il discusso mercato, sembra che le mosse della dirigenza siano ancora lontane dal ripagare gli sforzi estivi. In più, oltre alla poca chimica di squadra, ecco l’infortunio di Anthony Davis (che, proprio secondo Vogel, dovrebbe tornare a giocare al massimo tra due settimane) e le tante assenze per Covid-19, culminate con la positività dell’head coach.

Con David Fizdale i Lakers hanno perso ben 5 partite su 6, per poi tornare a vincere ma infilare un’ulteriore striscia negativa di 3 sconfitte, tra cui l’ultima sanguinosissima contro i Denver Nuggets per 133-96. Il record, dopo questo caotico percorso, recita 22-22.

Proprio la gara in Colorado è stata – legittimamente – la causa del polverone venuto a sollevarsi successivamente. Dalle dichiarazioni di Magic Johnson, al tweet di LeBron James, che ha promesso che le cose cambieranno a breve.

https://platform.twitter.com/widgets.js

Anche lo stesso Vogel si è espresso in merito:

«Apprezziamo che le leggende Lakers si preoccupino della squadra e di come stiamo giocando, ma se c’è qualcuno che non è contento, quelli siamo noi. Siamo pronti a lavorare molto duramente per cambiare le cose.»

«Il tweet di James è segno di grande leadership. Ha capito che nessuno qui è felice per come stanno andando le cose, specialmente dopo la gara contro Denver.»

«Non vedere i risultati arrivare è pesante: impieghiamo ore nel lavorare di squadra, spesso non raggiungendo i nostri obiettivi. I miglioramenti arriveranno.»

Frank Vogel

Insomma, se la situazione è delicata da un po’, ora il punto di non ritorno sembra vicino, nonostante la prova convincente della notte. Resta da capire se la svolta, a Los Angeles, arriverà con o senza Frank Vogel.

Leggi anche:

Categories:

Our Podcast
Most Recent