Game 55: Los Angeles Lakers vs Milwaukee Bucks. In copertina: Giannis Antetokounmpo (Gary A. Vasquez, USA TODAY Sports)

Nelle ore in cui impazzano rumor e trade, i Los Angeles Lakers 💜💛 (26-28) ospitano i Milwaukee Bucks (34-21). Nella gara di Novembre in Wisconsin, successo per i cervi trascinati da un superlativo Antetokounmpo.

I gialloviola, tornati al successo contro New York, sono ancora privi di Carmelo Anthony, Dwight Howard e Kendrick Nunn. I Campioni NBA, reduci da sette vittorie nelle ultime nove gare, non dispongono di George Hill e Brook Lopez. Vogel vara il 27esimo starting five della stagione schierando Westbrook, Monk, James, Ariza e Davis; Budenholzer replica con Holiday, Allen, Middleton, Giannis e Portis.

🏀 Lakers vs Bucks: Game Recap

I primi possessi della sfida tra le vincitrici degli ultimi due anelli sono monopolizzati dai due pluri-MVP. Antetokounmpo schiaccia tre volte e piazza un paio di stoppate, James colpisce due volte da tre. L.A. fatica contro la difesa schierata e prova ad aprirla continuando a sparare da tre, ma trova il bersaglio solo con Trevor Ariza e Monk (4/10 di squadra); Milwaukee replica con un due canestri di Middleton, una tripla di Giannis e un paio di transizioni. 15-24 con 5:22 sul cronometro e coach Frank Vogel costretto a due timeout in pochi minuti.

Le rotazioni non cambiano l’inerzia della gara. I Lakers – incapaci di attaccare efficacemente contro il mix uomo/zona avversario – sono improduttivi, collezionano turnover e muovono il punteggio solo con qualche giocata tutta effort di Davis. I Bucks controllano la gara e quando non possono correre si affidano alle iniziative dei suoi Holiday e Middleton. Russell Westbrook lotta a rimbalzo ma non incide (5 rimbalzi, 4 errori dal campo e 2 perse), James chiude il quarto con un acrobatico layup. 24-38 dopo dodici minuti di gioco.

2️⃣ Giannis travolge i Lakers

Vogel riparte con la Small ‘Bron Lineup composta da Bradley, Reaves, THT, James e Johnson. I cinque producono qualcosa ma vengono sbaragliati dallo scatenato Grayson Allen, a segno tre volte consecutive. Stanimal commette un flagrant e regala un gioco da quattro punti a Khris Middleton, sull’extra possesso poi DiVincenzo segna la tripla del +23. Austin Reaves prova a scuotere i compagni e l’ammutolita crypto.com Arena con una tripla, una schiacciata e un bel floater; la squadra del Wisconsin non molla e risponde con i canestri dalla lunga distanza di Khash Money e Connaughton. 37-59 a 6:35 dall’intervallo lungo.

Portis segna la quinta tripla della frazione dei Bucks, che al momento tirano con l’irreale 92% nel quarto. I Lakers provano a resistere con la seconda #MonkBomb e i layup di Westbrook (due) e Ariza. Nel finale di tempo Giannis Antetokounmpo mostra tutti i progressi fatti nelle ultime stagioni: prima segna da tre in faccia a Davis, poi piazza un bel turnaround fadeaway contro James. Il greco però resta “umano” e commette un paio di errori dalla lunetta. Per Giannis primo tempo da 25 punti (8/8 dal campo con due triple e 5/9 ai liberi), 6 rimbalzi, 5 assist e 2 stoppate. I losangelini mitigano il passivo con le schiacciate di LeBron & The Brow: 56-78 a metà gara.

Come altre volte in stagione, californiani completamente inermi contro avversari ben organizzati. I campioni in carica dominanti sotto ogni punto di vista: 68.2% dal campo con 19 assist a referto, 17 punti dalle 9 perse dei padroni di casa, vantaggio nel pitturato e in transizione. Inoltre, in una gara interna L.A. non aveva mai subito 78 punti nel primo tempo.

3️⃣ Lakers in balia dei Bucks

Al rientro in campo il leitmotiv della gara resta lo stesso. I californiani provano qualche aggiustamento difensivo dirottando James su Antetokounmpo, ma in attacco restano osceni. Davis e Westbrook cercano qualche giocata di energia, ma poi sprecano dalla lunetta (2/6 combinato). Russ perde anche un paio di palloni e la squadra di coach Mike Budenholzer scappa via con le triple di Portis (due) e Jrue Holiday. Il prodotto uscito da UCLA si fa sentire anche in difesa e vince un paio di duelli con LeBron. Monk segna da tre, Milwaukee dilaga con i canestri dalla lunga distanza di Allen e Bobby Portis Jr. 69-99 a metà terzo quarto e gara chiusa per manifesta inferiorità, sottolineata dai Boo dei tifosi.

Con Antetokounmpo e Middleton in panchina i Lakers provano a rendere meno pesante il passivo: Anthony Davis si fa sentire sotto entrambi i canestri, Johnson aggiunge cinque punti. Ma l’illusorio – per chi!?!? – parziale (8-0) viene subito fermato dal rientrante Giannis e Holiday. La frazione si chiude con un paio di canestri di Donte DiVincenzo e LeBron James. 85-109 all’ultimo mini-break.

4️⃣ I Bucks controllano il rientro dei Lakers

Come spesso accade, James è l’ultimo a mollare e apre la quarta frazione con cinque punti, ma Antetokounmpo replica colpo su colpo. L’unico a supportare LeBron è Stanley Johnson, ma è comunque troppo poco – anzi pochissimo – contro i cervi. Il quattro volte MVP torna in panchina dopo aver superato quota 25 per la ventesima gara consecutiva, ma i compagni continuano a lottare. L’effort di Stanimal contagia Reaves (tripla e sfondamento subito) e Davis, così Malik Monk in transizione può schiacciare il 108-118 con cinque minuti da giocare.

James torna precipitosamente in campo, ma i Bucks spengono il tentativo di riaprire la gara con Giannis e Jrue. Le giocate di Monk e un gioco da tre punti di The Brow servono solo a rendere meno pesante il passivo: 116-131 il punteggio finale.

^Back to Top

📊 Stats & Box Score

James chiude la gara con 27 punti (11/19 dal campo, 3/7 dall’arco e 2/4 dalla lunetta), 5 rimbalzi, 8 assist e 4 perse in 34 minuti chiusi con -25 di Plus/Minus. Per Davis 22 punti (8/10 al tiro, 6/10 ai liberi), 9 rimbalzi, 4 assist, 1 turnover, 1 recupero e 3 stoppate in 37 minuti. Westbrook mette a referto 10 punti (3/11 dal campo e 4/7 dalla lunetta), 10 rimbalzi, 5 assist e 4 perse; Russ gioca appena 26 minuti e resta in panchina per tutto l’ultimo quarto.

Monk (20+3+5 con 7/16 al tiro e 3/10 da tre) si accende nel finale, Ariza (7+1+2) ci prova ma non sembra più avere il passo per queste sfide. Dalla panca ottima prova per Johnson (16+6 con 7/13 al tiro e +4 di Plus/Minus); discreto anche Reaves (10 punti con 2/4 da tre). Poco incisivo THT (4+5+3 in oltre 29 minuti), male Bradley (1 rimbalzi, 1 persa e 2 errori dal campo in un quarto d’ora sul parquet).

Il top scorer dei Bucks è Antetokounmpo (44+14+8 e 3 stocks con 17/20 dal campo e 8/13 ai liberi). In doppia cifra anche Portis (23+7 con 5/9 da tre), Middleton (21+5+4), Holiday (15+7+10) e Allen (12+1+4). Dalla panca 8 punti a testa per Connaughton e DiVincenzo.

Box Score at NBA.com

^Back to Top

🏆 Lakers vs Bucks: Fan Survey

^Back to Top

🚦 Key Takeaways

Leggi l’analisi degli aspetti positivi e negativi della partita della crypto.com Arena:

🗨️ Post Game Quotes

«Vorremmo avere uno starting five stabile, ma non abbiamo vinto a sufficienza per farlo. Nelle ultime due partite abbiamo giocato dei primi tempi orribili dal punto di vista difensivo. La nostra energia come gruppo in questo momento non è adeguata. Westbrook? Sicuramente lo reputo uno che può chiudere le partite.»

«Le conversazioni con il front office in vista della deadline ovviamente sono private. Ma se c’è un modo per migliorare la nostra squadra, lo faremo.»

Frank Vogel

«Loro hanno giocato con un senso d’urgenza che a noi è mancato. I boo dei fan? Li prendo come una sorta di segno di rispetto. Io posso solo continuare a giocare a basket e aiutare le persone nel mondo con i miei progetti. Questo è quanto.»

«Ho detto a Bron e AD che avrei voluto aiutarli, ma non ero in campo in quel momento. Non spetta a me decidere. Penso di meritare di stare in campo nel finale. Non ho avuto chiarimenti in merito, ma rispetto le decisioni di Vogel e dello staff.»

«Il mio compito è quello di essere professionale, avere un approccio positivo e lavorare sodo. Faccio il mio lavoro sfruttando al massimo le mie capacità e incoraggio sempre i miei compagni.»

Russell Westbrook

«I Bucks hanno giocato meglio, sono stati fisici ed hanno imposto il loro ritmo all’inizio.»

«Dobbiamo provare a rigirare la frittata prima che si metta davvero male.»

Anthony Davis

«Io voglio aiutare AD, voglio aiutare Russ. AD vuole aiutare Russ così come lui vuole aiutare noi. Nel finale era dispiaciuto per non aver potuto contribuire come avrebbe voluto, mentre noi non abbiamo fatto un buon lavoro per aiutarlo.»

«Non importa chi sono i cinque sul parquet, dobbiamo scendere in campo e dare il massimo. Dobbiamo provare a fare meglio, incluso il coaching staff.»

«Se penso che possiamo raggiungere Milwaukee? No. Loro sono i campioni in carica, non a caso.»

LeBron James

^Back to Top

📺 Lakers vs Bucks: Highlights

^Back to Top

📅 Next Game

Back-to-back per i Los Angeles Lakers, che tornano in campo nella notte – alle 4:00 italiane – tra Mercoledì 9 e Giovedì 10 Febbraio per affrontare i Portland Trail Blazers al Moda Center.

^Back to Top



Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:

Lakers Legends:

Mamba Moments:

NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent