Game 66: Los Angeles Lakers vs Washington Wizards. In copertina: LeBron James (Adam Pantozzi, NBAE via Getty Images)

Reduci dalla doppia sconfitta in Texas contro San Antonio e Houston, i Los Angeles Lakers 💜💛 (28-37) tornano in California per la prima sfida stagionale contro i Washington Wizards (29-35). Tra i tanti vip presenti nel pubblico spiccano Vlade Divac e Rashad McCants, che accende la crypto.com Arena indossando una canotta di Kobe Bryant.

I gialloviola sono privi di Anthony Davis (🎂 29 oggi) e Kendrick Nunn; la squadra della capitale non dispone di Bradley Beal. Vogel conferma lo starting five composto da Westbrook, Monk, Reaves, Johnson e James; Unseld Jr. replica con Neto, Kispert, Caldwell-Pope, Kuzma e Porziņģis.

🏀 Lakers vs Wizards: Game Recap

In avvio Washington cerca Porzingis (23 cm più alto di Johnson) in post, ma il lettone dimostra ancora una volta di non amare le battaglie in post. L’attacco dei californiani è nelle mani di James, che segna cinque punti e manda un paio di volte a canestro i compagni. Kispert e Malik Monk segnano le prime triple della gara, con l’ex Hornets che arriva anche al ferro imbeccato dal solito LeBron. 15-11 con 7:25 sul cronometro.

Durante il primo timeout arriva il tributo dei Lakers a Caldwell-Pope e Kuzma, quattro anni in gialloviola e elementi chiave nella run del titolo 2020. Da elogiare il contributo del GM Tommy Sheppard, che – cedendolo – ha liberato tutti dall’imbarazzo legato all’eventuale presenza di Montrezl Harrell.

Dopo una schiacciata a testa di Kuzma e James, i due coach danno il via alle rotazioni. Le second unit guidate da Anthony e dallo spauracchio Ish Smith sono poco produttive e per qualche possesso i canestri latitano. James torna in campo e, dopo aver segnato due liberi, in transizione arma Melo sul perimetro; ma l’allungo dei Lakers (+9) viene subito azzerato da due canestri da tre di Rui Hachimura. 26-26 dopo dodici minuti di gioco.

2️⃣ I Lakers subiscono l’allungo degli Wizards

Le due contendenti provano ad alzare il ritmo ed entrambi gli attacchi ne beneficiano. James colpisce due volte dalla lunga distanza, Westbrook realizza il primo layup della sua gara e Talen Horton-Tucker aggiunge due pregevoli canestri. Washington, però, risponde colpo su colpo e resta in scia con le triple di Kispert e quattro punti di Kristaps Porziņgis. Coach Frank Vogel poi schiera una discutibile lineup (Reaves, Monk, Gabriel, Melo e Johnson) priva dei principali ball handler della squadra, che inevitabilmente fatica a costruire in attacco. 42-42 a sei minuti dall’intervallo lungo.

Con Daniel Gafford e Hachimura gli Wizards dominano sotto entrambe le plance e grazie ai primi segni di vita di Kuzma e KCP provano ad allungare. I Lakers faticano, ma tengono botta con una tripla di Stanley Johnson e la produzione degli Arkansas Boys Austin & Malik. Nel finale di tempo James e soprattutto Westbrook collezionano una sequenza di errori, che consente alla squadra di coach Wes Unseld Jr. di chiudere il tempo avanti 52-59.

Negli ultimo 4:18 (…) del secondo quarto, padroni di casa di casa a segno solo con un layup di LeBron. Inoltre, i californiani soffrono troppo a rimbalzo (dieci seconde chance concesse per 13 punti subiti).

3️⃣ The LeBron James Show

Al rientro in campo Washington continua a dominare sotto canestro (altri cinque rimbalzi offensivi conquistati) ma spreca le tante opportunità e muove il punteggio solo con un tap-in di Porzingins e una tripla di Kyle Kuzma (per Kuz anche 1/4 dalla lunetta). Dopo un paio di minuti in linea con lo scempio visto nel finale del quarto precedente, i californiani si rimettono finalmente in moto: Westbrook segna un layup e premia due tagli di Austin Reaves, preludio allo show di LeBron James. Il numero 6 colpisce due volte dalla lunga distanza, completa un gioco da tre punti, segna un paio di jumper e inchioda la schiacciata del 74-71 con 5:50 sul cronometro. 16 punti nel quarto per il quattro volte MVP, di cui 12 consecutivi negli ultimi due minuti di gioco.

James allunga la sua striscia dalla lunetta, poi una tripla di Kuzma interrompe lo show di LeBron e il digiuno degli Wizards. Il finale della frazione è nervoso, con la terna arbitrale che raffredda gli animi con tre tecnici. I Lakers allungano ancora con THT e cinque punti di Wenyen Gabriel, che stimolato dalle critiche ricevute dallo Stretto segna da tre e schiaccia con veemenza.

4️⃣ James travolge gli Wizards

In poco più di due minuti L.A. vanifica l’ottimo terzo quarto: Westbrook e Horton-Tucker non trovano la via del canestro e Washington torna ad un solo punto di distanza con la quinta tripla di Corey Kispert e due canestri di Tomas Satoransky. Tocca quindi al solito James – appena rientrato – rivitalizzare l’attacco dei suoi, seguito da Monk che ristabilisce le distanze con due #MonkBomb. 99-91 a sette minuti dalla sirena.

Il timeout chiesto da Unseld non sortisce effetti, poiché i gialloviola allungano ancora (+11) con un paio di canestri di James e due belle combinazioni THT to Monk. Gli Wizards provano a resistere con Kispert e Kuzma, ma LeBron è deciso a chiudere la gara: assist per Reaves, turnaround fadeaway dall’angolo, and-one in transizione e tripla con cui tocca quota 50 punti. 119-101 con 1:41 sul cronometro e standing ovation meritata per il quattro volte MVP.

Neto, Satoransky e Monk fissano il punteggio finale: 122-109. Lakers Win! Un successo buono per il morale, soprattutto in vista di quanto propone il calendario nei prossimi dieci giorni. Auguri!

^Back to Top

📊 Stats & Box Score

James chiude la gara con 50 punti (18/25 dal campo, 6/9 dall’arco e 8/8 dalla lunetta), 7 rimbalzi, 6 assist, 3 recuperi e 1 palla persa con +22 di Plus/Minus in quasi 36 minuti di gioco. Grazie alla quattordicesima gara con almeno cinquanta punti a referto, LeBron diventa il miglior realizzatore della NBA con 29.71 punti a partita, scavalcando Joel Embiid (29.68) e Giannīs Antetokounmpo.

Westbrook non brilla contro la sua ex squadra e mette a referto appena 5 punti (2/11 al tiro e 1/4 ai liberi), 3 rimbalzi, 9 assist, 1 turnover e 2 stocks. Per Brodie la magra soddisfazione del sorpasso ai danni di Andre Miller all’undicesimo posto nella classifica All-Time degli assist della NBA. Buona prova dei giovani Monk (21+3+4 con 5/7 da tre), Reaves (12+5+3 con 6/10 al tiro) e Johnson (7+6 con 2 recuperi). Dalla panca prova in chiaroscuro per Horton-Tucker (15+5+3 con 7/16 dal campo e 2 recuperi) mentre Melo (7+3 con 2/6 al tiro) non brilla. Venti minuti senza contribuire per Augustin, mentre Gabriel chiude con 5 punti, 4 rimbalzi e altrettanti falli commessi.

Il top scorer degli Wizards è Kuzma (23+7+3 con 9/18 dal campo e 3/9 dalla lunetta). In doppia cifra anche Kispert (21 con 5/11 da tre), Hachimura (15+6+1), Porzingis (14+14 con 3/13 dal campo) e Satoransky (14+3+4). Male KCP (4+1+1 con 1/6 al tiro in quasi 30 minuti), Gafford chiude con 5 punti, 7 rimbalzi e 3 stoppate.

Box Score at NBA.com

^Back to Top

🏆 Lakers vs Wizards: Fan Survey

^Back to Top

🚦 Key Takeaways

Leggi l’analisi degli aspetti positivi e negativi della partita della crypto.com Arena:

🗨️ Post Game Quotes

«È davvero bravo, questo è LeBron James (ridendo). La lega non ha mai visto nessuno fare ciò che sta facendo a questo punto della sua carriera. Il suo ginocchio? Stasera stava meglio rispetto a Houston. Io continuo a credere nella mia squadra, nel nostro sistema e nel nostro lavoro. La gran parte di questa fiducia deriva dall’avere LeBron dalla nostra parte.»

«Gabriel è un giovane interessante. Usa bene le sue lunghe leve in difesa, rolla discretamente e può allargare il campo. Sicuramente avrà dei minuti nelle prossime partite. Monk, Reaves e Horton-Tucker sono un’altra delle ragioni per cui credo che abbiamo ancora una chance. Vederli giocare come hanno fatto stasera mi rende molto fiducioso.»

«Westbrook (in panca negli ultimi otto minuti dalla gara, nda) ha giocato bene servendo 9 assist a fronte di una sola persa. Ma nel finale dovevo schierare i cinque che ci avrebbero dato maggiori chance di vincere. Ci serviva la difesa di Johnson e i tre giovani stavano giocando bene, per questo ho puntato su di loro.»

Frank Vogel

«Mi sento bene, perché abbiamo ottenuto la vittoria con un gran lavoro di squadra.»

«Io e Kyle ci siamo sfidati diverse volte durante la gara, è stato bello rivedere lui e KCP, siamo fratelli. Kuzma è cresciuto molto, sia nel playmaking che nel tiro. È sempre un piacere ritrovare dei compagni, soprattutto quando hai vinto un titolo con loro.»

«I tifosi dei Lakers sanno riconoscere una brutta pallacanestro, così come quando si gioca bene. Hanno il diritto di ricevere quello che desiderano, anche perché hanno visto tante grandi squadre giocare per loro.»

LeBron James

«Quando ho visto LeBron iniziare a segnare, ho capito che avremmo dovuto fidarci di lui. I canestri contro Kuzma e KCP? Loro me ne hanno fatto tanti quand’ero un rookie, è stato bello ricambiare durante una partita.»

«Mi è stata diagnosticata una distorsione alla caviglia di grado 2, ma sto provando a giocarci sopra nonostante il dolore non sia passato.»

Talen Horton-Tucker

«L’accoglienza che ho ricevuto è stata fantastica, la Laker Nation sarà sempre nel mio cuore. Abbiamo vinto un titolo e fatto grandi cose. Tutto sommato sono solo un ragazzo da Flint nel Michigan, essere arrivato fino a Los Angeles da una piccola città e aver lasciato il segno… È il sogno americano che si avvera.»

Kyle Kuzma

^Back to Top

📺 Lakers vs Wizards: Highlights

^Back to Top

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte – alle 2:00 italiane – tra Domenica 13 e Lunedì 14 Marzo per affrontare i Phoenix Suns al Footprint Center.

^Back to Top



Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:

Lakers Legends:

Mamba Moments:

NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent