In copertina: Damian Jones, Lonnie Walker IV, Troy Brown Jr. and Juan Toscano-Anderson (Mark J. Terrill, Sue Ogrocki, Eric Gay and Steven Senne via AP Photo)

Poche ore prima dell’inizio ufficiale della free agency, tutta l’NBA è stata scossa dalla richiesta di cessione di Kevin Durant. Una mossa a sorpresa, arrivata nonostante l’esercizio della player option da parte dell’amico Kyrie Irving.

La decisione di KD – oltre a sconvolgere il futuro dei Brooklyn Nets – ha riavviato le indiscrezioni sull’approdo di Uncle Drew ai Los Angeles Lakers. Nell’attesa di scoprire l’epilogo di una vicenda destinata a cambiare gli equilibri della lega, i gialloviola sono stati molto attivi sul mercato raggiungendo l’accordo con quattro free agent.

💪 Il ritorno di Damian Jones

Il primo accordo è stato raggiunto con Damian Jones. Secondo Adrian Wojnarowski di ESPN, il centro ha accettato il biennale offerto dai Lakers. Per Woj, il contratto prevede una player option per Jones; stando a Dave McMenamin di ESPN, l’accordo è al minimo salariale.

Jones (classe 1995, 211 cm per 111 kg) torna a Los Angeles dopo i due contratti decadali firmati nel corso della stagione 2020/21. In gialloviola Damian ha giocato 8 partite, mettendo a referto 5.4 punti con il 94.1% dal campo e il 91.7% dalla lunetta, 3.3 rimbalzi e 0.9 stoppate in 14 minuti. Nell’ultima stagione con i Kings, il prodotto di Vanderbilt ha realizzato 8.1 punti e 4.4 rimbalzi in 18.2 minuti di media.

💵 L’investimento Lonnie Walker IV

Per firmare Lonnie Walker IV, secondo Shams Charania of The Athletic, i Lakers hanno dovuto investire il loro asset economico più rilevante: la taxpayer mid-level exception da 6.5 milioni di dollari. Per Shams, il contratto della guardia ex Spurs è per una sola stagione.

Stando a Yossi Gozlan di HoopsHype, l’utilizzo della TPMLE costringerà i californiani ad offrire al rookie Max Christie un contratto biennale minimo salariale.

Walker (classe 1998, 193 cm per 92 kg) nell’unico anno con l’Università di Miami ha messo a referto 11.5 punti con 2.6 rimbalzi e 1.9 assist, venendo inserito nell’ACC All-Freshman Team. Nel 2018, gli Spurs hanno selezionato Lonnie con la 18esima scelta assoluta. Nei quattro anni in Texas, l’ex Hurricanes ha giocato 208 partite con 9.4 punti (34.3% da tre), 2.4 rimbalzi e 1.6 assist in 20.4 minuti di media.

🏀 Troy Brown Jr.

Il terzo accordo della notte è stato raggiunto con l’ala Troy Brown Jr., che secondo Shams Charania ha accettato il contratto al minimo salariale offerto dai Lakers.

Brown (classe 1999, 201 cm per 97 kg) ha disputato un’ottima stagione con l’Università dell’Oregon, chiusa con 11.3 punti, 6.2 rimbalzi, 3.2 assist e 1.6 recuperi. Con Team USA, Troy ha vinto la medaglia d’oro alla FIBA Under-17 Basketball World Cup.

L’ex Ducks è stato selezionato dagli Wizards con la 15esima chiamata assoluta nel draft del 2018. Dopo un’ottima stagione da sophomore, è stato ceduto ai Bulls nel marzo del 2021. Troy – con le maglie di Washington e Chicago – ha disputato 221 partite, mettendo a referto 6.4 punti (33.7% da tre), 3.8 rimbalzi e 1.6 assist in 18.5 minuti di media.

🏆 Juan Toscano-Anderson

Per finire – stando a Chris Haynes di Yahoo Sports – è arrivato l’accordo con Juan Toscano-Anderson. Pur non essendo stato riportato, è verosimile che il fresco campione NBA abbia accettato un contratto annuale al minimo per veterani. JTA, Brown e Walker sono rappresentati dalla Klutch Sports di Rich Paul.

Dopo un quadriennio non particolarmente brillante con Marquette, l’ala nativa di Oakland ha giocato tre stagioni tra Messico e Venezuela. Nel 2018/19 si è accasato con i Santa Cruz Warriors di G League, preludio al contratto triennale firmato nel 2020 con Golden State.

Nei tre anni con gli Warriors, Toscano-Anderson ha messo a referto 4.8 punti con il 36.1% dall’arco, 3.3 rimbalzi, 2.2 assist e 0.7 recuperi in 17.1 minuti di media. Nel 2022 Juan ha partecipato allo Slam Dunk Contest.

🔥 Il roster e l’addio di Malik Monk

Con queste firme i Lakers hanno sicuramente ringiovanito la squadra, poiché i quattro hanno un’età compresa tra i 22 e i 29 anni. Tuttavia, il roster appare squilibrato sugli esterni, potendo contare sui soli Anthony Davis, Wenyen Gabriel e Jones sotto canestro.

Il sovrappopolamento nel reparto esterni – nell’attesa della conclusione della saga Irving – potrebbe essere anche il preludio di una cessione di uno o più tra Russell Westbrook, Talen Horton-Tucker e Kendrick Nunn.

Tanti benvenuti ma anche un arrivederci: Malik Monk lascia Los Angeles per Sacramento. Per Shams Charania of The Athletic, l’esterno ha accettato il biennale da 19 milioni offerto dai Kings. In California, Monk ha disputato la sua migliore stagione in carriera: 13.8 punti con il 39.1% da tre.

Leggi anche:

Potrebbe interessarti:

NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent