In copertina: Russell Westbrook (Lakers Twitter)

I Los Angeles Lakers, al termine dell’allenamento del martedì, hanno inserito Russell Westbrook nell’injury report. Il numero 0 dei gialloviola è in dubbio per la gara in casa dei Denver Nuggets a causa del riacutizzarsi del problema ai legamenti del ginocchio sinistro.

Il problema ai tendini aveva afflitto Westbrook già nell’ultima partita di preseason, quando Ham aveva deciso di farlo partire dalla panchina. Al termine della gara contro gli Warriors, Russ aveva candidamente dichiarato che tale scelta aveva provocato l’infortunio, poiché aveva minato l’abituale routine pre-partita (sic!).

🗣 Ham incoraggia Westbrook

Prima dell’aggiornamento sulle condizioni di Westbrook, i media hanno chiesto all’allenatore dei Lakers se avesse in mente di confermare lo starting five delle prime tre gare stagionali. Darvin Ham ha risposto con due parole:

«Non oggi.»

Il coach gialloviola poi ha commentato le critiche che hanno investito Russ, considerate esagerate.

«Bisogna solo riuscire a gestirle senza dargli troppe attenzioni. Occorre focalizzarsi sul lavoro che stai facendo con i compagni e rimanere concentrato con loro. Non pensare a quello che un blog, Twitter o chiunque altro dicano.»

«Queste cose non ci riguardano e non ci creano problemi.»

Durante l’allenamento Ham ha riprodotto alcune situazioni di gioco, per mostrare ai suoi giocatori gli errori commessi. Tra le sezioni incriminate, anche gli ultimi minuti della gara contro i Trail Blazers.

Tuttavia, ancora una volta l’allenatore losangelino ha voluto elogiare il lavoro svolto nella propria metà campo.

«Credo che l’impegno visto in difesa sia l’aspetto più rilevante. Così si gettano le fondamenta per una nuova costruzione.»

«I successi ottenuti dai Lakers, soprattutto recentemente, sono stati costruiti sulla difesa. Sono molto fiducioso sul livello che abbiamo raggiunto e su dove possiamo arrivare.»

L’ex assistente dei Bucks continua a ridimensionare le preoccupazioni per le difficoltà dei Lakers nell’esecuzione offensiva. Il 97.2 di Offensive Rating e il 21.2% nel tiro da tre sono di gran lunga i peggiori della NBA.

«I tiri prima o poi entreranno e l’attacco eguaglierà la nostra difesa. Ma questo non deve fermarci dal competere, non dobbiamo smettere di difendere.»

Infine, Ham ha elogiato la prova dell’esordiente Troy Brown Jr.

«L’ho trovato benissimo. È sceso in campo fornendo un ottimo contributo, sarà un elemento fondamentale delle nostre rotazioni.»

Dichiarazioni sorprendenti, ma fino ad un certo punto. Già lo scorso Febbraio il numero 0 aveva dichiarato: «[…] non sono abituato a rimanere seduto per lunghi periodi per poi rialzarmi e muovermi rapidamente. Mi sono sentito un po’ irrigidito e mi sono portato dietro questa sensazione fino al giorno dopo.»


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


Categories:

Our Podcast
Most Recent