In copertina: Rob Pelinka and Darvin Ham, Los Angeles Lakers vs San Antonio Spurs (Ringo H.W. Chiu, AP Photo)

Al termine della terza vittoria di fila ottenuta ai danni dei San Antonio Spurs, coach Darvin Ham è radioso e fiero dei suoi ragazzi, che finalmente possono raccogliere i frutti del loro duro lavoro.

L’allenatore dei Los Angeles Lakers ha elogiato in particolare Davis, punta di diamante in assenza di LeBron, ed ha parole al miele anche per Reaves e Westbrook. Gli stessi Anthony e Russ poi hanno risposto alle domande dei media, benedicendo il momento di forma della squadra.

Leggi anche:

💪 Ham: «Sono fiero dei miei ragazzi»

Coach Darvin Ham ha messo in evidenza le principali ragioni che hanno portato i suoi Lakers a mettere insieme la mini-streak di tre vittorie. Ham si è soffermato sulla solidità difensiva e sulla gran vena offensiva dei suoi, nonostante l’assenza di LeBron James.

«Sono fiero dei miei ragazzi, fin qui abbiamo sofferto molto e dovuto digerire tanti bocconi amari. Abbiamo continuato a lavorare a testa bassa e finalmente le cose hanno iniziato a girare. I nostri punti forti sono stati certamente la solidità difensiva, già mostrata anche a inizio stagione, ed il fatto di saper capitalizzare al meglio le nostre occasioni»

«Riavere Dennis e Thomas a disposizione è una gran bella notizia. Purtroppo LeBron è infortunato e la sua assenza si sente sempre, ma i ragazzi hanno mantenuto la concentrazione e questa mentalità vincente, continuando sempre a pensare di partita in partita. AD sta giocando in maniera fantastica, così come Lonnie e Austin. Sono davvero contento di vedere i miei ragazzi in queste condizioni»

«Russ ha già ampiamente dimostrato di essere sempre pronto quando chiamato in causa. La sua grinta, la sua aggressività ci aiutano sempre nei momenti difficili delle partite. Lo vedo sempre in costante miglioramento, è sempre più decisivo»

Successivamente il coach losangelino ha sottolineato quanto sia importante riuscire a ribattere colpo su colpo ai canestri avversari, grazie soprattutto allo stato di forma di Anthony Davis:

«Anthony è davvero un fenomeno. Quando sta bene è consapevole di avere mezzi infiniti per poter segnare e difendere ad alti livelli. Se è in forma si tratta solo di scendere in campo e divertirsi, il resto vien da sè. Sta finalmente riuscendo ad allenarsi con costanza, si prende cura del suo corpo ottimamente e questo lo rende un’arma letale in fase offensiva»

«Per noi è stato fondamentale riuscire a mantenerci a contatto dei nostri avversari quando loro tentavano la fuga. Siamo riusciti a giocare a ritmo alto mantenendo il nostro. Sono davvero contento di come abbia giocato Austin, ma anche per tutti gli altri»

«I ragazzi stanno giocando bene e divertendosi. Sono sempre stati un gruppo molto unito, hanno una gran fiducia reciproca. Riescono a mettere in atto al meglio il nostro sistema di gioco e questo ci sta regalando, finalmente, le prime soddisfazioni e risultati»

Poi Ham ha parlato di Austin Reaves, che ha chiuso la partita con 21 punti ed è alla quarta prestazione consecutiva in doppia cifra. Gli è stato chiesto quali differenze sostanziali abbia visto nella giovane guardia – a parte il maggiore spazio a disposizione a causa dell’assenza di James – per riuscire ad aumentare così tanto il suo rendimento:

«Austin è un ragazzo molto serio e concentrato, questo lo aiuta ad essere sempre efficiente per se stesso ed i compagni. Ultimamente poi non ha sbagliato nulla: né un passaggio, né una penetrazione o uno scarico»

«Lo ritengo uno dei nostri migliori playmaker, è un ragazzo che adoro perché ascolta sempre ciò che gli si dice e cerca di dare il massimo. Ma non è il solo in questo gruppo. Ci sono tanti ragazzi con la sua stessa attitudine e sono felice di allenarli. Ama giocare a basket e vuole solo scendere in campo e dimostrarlo»

«Austin non è il solo a giocare bene in questo momento. Anche Lonnie si è fatto trovare sempre pronto, sono felice delle sue prestazioni. I ragazzi sanno che dobbiamo continuare così»

〰️ Davis: «Diamo sempre il massimo»

Anthony Davis è reduce da una serie di partite di alto livello, risultando decisivo su entrambi i versanti del campo. Gli è stato chiesto come si sente e quali sono state le sue motivazioni a spingerlo così in alto:

«È bello aver vinto tre partite di fila. Sono contento dei nostri risultati, conoscevamo il nostro valore anche prima di queste vittorie. Mi sento bene, finalmente abbiamo riportato con costanza il segno W a casa»

«Noi mettiamo sempre la stessa voglia, la stessa aggressività a prescindere dal nostro avversario. Tutti stanno avendo la loro chance di giocare e stanno dimostrando di valere ogni minuto che gli viene concesso. Ognuno sta dando il massimo, sia in difesa che in attacco, e continuando così riusciremo ad ottenere buoni risultati»

The Brow poi ha parlato del season-high di Austin Reaves ed il suo momento di forma, e cosa ne pensasse in generale di quello del resto della squadra:

«Austin sta facendo tutto in maniera perfetta. Che siano tiri, passaggi, farsi trovare in uscita dai blocchi o scaricare sul compagno libero. Sono contento per lui, finalmente conosce i suoi pregi e difetti e questo lo sta aiutando a fare sempre la giocata giusta»

«Ha fatto davvero un gran passo in avanti rispetto all’anno scorso. Il suo playmaking è nettamente migliorato, riesce spesso a fare giocate intelligenti. Si diverte a giocare e si vede, mi fa molto piacere per lui»

A questo punto della stagione, senza LeBron, Davis ha dovuto prendere in mano la squadra. In estate Darvin Ham aveva sottolineato la crescente importanza dell’ex Pelicans all’interno del gruppo, avendoglielo comunicato direttamente. È stato chiesto ad AD se e quanto credesse nelle parole del suo allenatore:

«Mi aveva parlato di quanto importante fossi in termini di leadership e del fatto che avrei portato sempre più spesso il peso della squadra su di me. Ora si tratta solo di trasmettere ai miei compagni il mio ritmo, il mio pensiero per poter essere ben coordinati in campo e permettermi di essere quel giocatore dominante di cui la squadra necessita»

«Nelle ultime partite siamo riusciti a prendere ottimi tiri, segnandone anche di incredibili. Siamo anche riusciti a tenere bene in difesa, chiudendo bene gli spazi e non lasciando giocare gli avversari al proprio ritmo»

«Dobbiamo continuare a giocare così. Cercare di essere sempre al posto giusto e al momento giusto e mantenere questa mentalità: solo così potremo sbagliare il meno possibile»

🆙 Westbrook: «So come far rendere meglio i miei compagni»

L’ultimo a presenziare in conferenza stampa è Russell Westbrook, uscito dalla sfida contro San Antonio con un problema al pollice. Secondo Brodie, tutta la squadra dovrebbe prendere come insegnamento dal periodo in corso:

«Penso che la difesa sia l’aspetto principale, il più importante. Abbiamo difeso bene e con intensità, questo ci servirà anche in futuro. Un’altra cosa che conta, secondo me, è il ritmo a cui riusciamo a giocare. Se tieni la palla tu, ti stai già difendendo»

«So come far rendere al meglio i miei compagni. È quello che faccio in questa lega da ormai tanto, tanto tempo. E spero di riuscire a farlo ancora per anni, perchè adesso mi sto divertendo davvero»

Altre domande rivolte a Russ, stavolta riguardanti i suoi compagni Davis, Thomas Bryant e Reaves:

«Ho un bel rapporto con tutti i miei compagni in realtà. Certo, con Thomas ci conosciamo già dai tempi degli Wizards, so che persona è e quanto riesca a dare e sacrificarsi per i compagni. Sono felice e fiero di averlo rivisto in campo, mi fa piacere per lui»

«Austin invece è stato bravo a prendersi i suoi tiri senza avere alcun dubbio o esitazione. Ciò ha fatto un’enorme differenza per noi, dandoci una grossa mano a portare a casa le tre vittorie di fila»

«AD è importantissimo per noi. Per adesso è il nostro terminale offensivo ed è importante quando riesce a cambiare marcia ed imporsi sui nostri avversari. Penso che sia uno dei migliori ad attaccare gli avversari dal pitturato»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte – alle 4:00 italiane – tra Martedì 22 e Mercoledì 23 Novembre per affrontare i Phoenix Suns al Footprint Center.


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


Categories:

Our Podcast
Most Recent