In copertina: Austin Reaves and Chris Paul (Andrew D. Bernstein, NBAE via Getty Images)

Altro successo preziosissimo per i Los Angeles Lakers, che contro i Phoenix Suns vincono e convincono in vista di un possibile ritorno ai Playoff.

I tanti protagonisti della nottata alla crypto.com Arena hanno parlato ai microfoni della stampa dopo la vittoria. Ecco le loro parole.

Leggi anche:

🆙 Ham: «Una vittoria di squadra»

È un coach Darvin Ham ancora contento di quanto visto sul parquet di casa quello che si presenta ai microfoni. Da Austin Reaves (nuovo career-high negli assist) a tutti gli altri, si può ritenere molto soddisfatto:

«È stato incredibile, ci ha aiutati molto fin dall’inizio. Sa giocare bene in contropiede, sa prendere fallo e sa segnare da ogni punto. E oggi ha mostrato anche le sue abilità di playmaking. È stato un pezzo importante della squadra da inizio anno, ora è in grande forma. È consapevole di ciò che stiamo provando a raggiungere. Abbiamo fatto vedere di che pasta siamo fatti, ciò di cui parlo da tutto l’anno. Una grande vittoria di squadra, da AD e Schröder. Phoenix è una squadra forte, e lo sarà ancora di più quando Kevin Durant tornerà. Abbiamo compiuto un grande passo verso la giusta direzione.»

L’attenzione è passata poi su Jarred Vanderbilt, che senza LeBron James ha dovuto spesso difendere ali minacciose e non solo, e sul tentativo di rimonta dei Suns verso la fine del terzo quarto.

«Sa mancare chiunque ed è molto versatile in difesa, sa fare tutto. In NBA tendiamo a lodare la versatilità offensiva, mai quella difensiva, ma lui è un esempio di questo. L’hanno sfidano, ha accettato gli accoppiamenti e ha fatto bene.»

«Non abbiamo perso fiducia. Penso che oggi stiamo vedendo il maggior insieme talento di sempre in NBA, e con il tiro da 3 preferito agli altri il pace è altissimo, quindi è facile vedere un distacco importante sciogliersi in pochi possessi. Ogni possesso conta e noi abbiamo fatto attenzione su questo. Sono i Phoenix Suns, c’è una ragione se sono in alto. Noi però abbiamo un gruppo enormemente competitivo, e penso che la gente ci abbia fatto caso oggi.»

💬 I commenti di Reaves e Russell

Ormai la rarità è vedere Austin Reaves che non ci sforna una prestazione di cui parlare il giorno dopo.

«Coach Ham mi ha preso da parte in allenamento ieri, dicendomi che sarei partito titolare, ma il mio mindset è rimasto lo stesso: penso solo a vincere, è tutto ciò che importa davvero. Devon giocare come so fare, partendo da titolare o meno.»

Le prossime settimane, con così tante squadre in così poche vittorie di differenza, richiederà una grande intensità, e Reaves lo sa:

«Faremo come negli ultimi giorni o settimane. Non vorremmo essere qui ovviamente, vorremmo essere primi ma non è così. Sarà tutto sulle nostre spalle, abbiamo molto talento e potremmo battere chiunque, ma dovremo dimostrarlo ancora in momenti alta pressione come questi.»

«Da quando James è assente, abbiamo bisogno di più persone che facciano di più, perché lui è il primo a fare di tutto sul parquet. Sto cercando di essere già aggressivo offensivamente e di coinvolgere di più i compagni. »

Anche D’Angelo Russell ha parlato della gara, dopo un’altra bella prestazione condita da 26 punti e il 69% dal campo.

«Avere guardie competenti rende il tutto più facile. Giocare accanto a chi sa segnare e a chi sa creare gioco nel modo giusto è sempre positivo.»

«Sono stato qui in passato e ricordo com’era l’ambiente. Se i fan ti vedono giocare bene adorano tifare come sanno fare. Adorano Reaves ad esempio. Se riusciamo a ricambiare il favore giocando bene si crea un’atmosfera positiva per entrambe le parti.»

〰️ Davis: «Non prendiamo questa gara come esempio»

Tra i tanti giocatori positivi in campo c’è anche, ovviamente, Anthony Davis, perno della difesa e responsabile di un grande stretch in attacco quando necessario.

«Abbiamo giocato tutti bene in difesa, tutti hanno fatto un passo in più per vincere. Sapevamo quanto fosse importante questa gara. Essere aggressivi come sono stato nel terzo quarto aiuta. Nel terzo quarto ho segnato di più, merito del gameplan che mi ha messo nella condizione di farlo. Io sono stato pi aggressivo e ho sfruttato la situazione. »

AD ha poi parlato di quanto Russell abbia portato ai Lakers dal suo arrivo, e di come non si possa parlare di partita “modello” per il futuro, viste le circostanze.

«Ci ha dato molto. È affidabile, sa comunicare bene, ha un ottimo playmaking e segna sempre tiri importanti. Avere un giocatore così ti porta via un po’ di pressione dalle spalle, sopratutto per quanto riguarda le altre guardie. »

«Non possiamo prendere questa partita come esempio per un ipotetico scontro ai Playoff, visto che KD e James sono fuori. Ma è stata comunque una vittoria preziosa, se li incontrassimo sarebbe un bel duello.»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (3:30 🇮🇹) tra Venerdì 24 e Sabato 25 Marzo per affrontare gli Oklahoma City Thunder alla crypto.com Arena.


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


Vent’anni, torinese, appassionato di sport dalla nascita e di pallacanestro NBA da qualche anno dopo. Nel tempo libero studio Economia Aziendale.

Categories:

Our Podcast
Most Recent