In copertina: LeBron James ed Anthony Davis nel corso della gara tra Lakers e Jazz (Adam Pantozzi, NBAE via Getty Images)

I Los Angeles Lakers si impongono per 128 a 117 sugli Utah Jazz ma, complici le contemporanee vittorie dei Los Angeles Clippers e dei Golden State Warriors, concludono la stagione regolare al settimo posto della Western Conference e dovranno aggiudicarsi l’ingresso ai Playoff 2023 tramite il Play-In.

L’ultima partita della Regular Season vede i giallo-viola imporsi nel finale grazie a LeBron James (36 punti) ed Anthony Davis (16+13) contro dei Jazz ampiamente rimaneggiati in cui si mette in mostra il “nostro” Simone Fontecchio con 20 punti.

Ecco le parole dei protagonisti dopo la gara, già proiettati alla partita contro i Minnesota Timberwolves di questa notte, che in caso di vittoria garantirebbe l’accesso alla postseason.

Leggi anche:

Davis: «Grazie ai fan che ci hanno supportato sempre, anche nelle difficoltà»

Anthony Davis apprezza il supporto dei fan anche nelle fasi più complicate della stagione e si proietta già alla prima partita del Play-In di martedì:

«Voglio sfruttare questi giorni per recuperare, passare la Pasqua in famiglia. Tra poche ore sapremo chi dovremo affrontare e domani inizieremo a prepararci per la partita. La cosa positiva è che non dobbiamo viaggiare.»

«È stata dura, ma i tifosi dei Lakers ci hanno supportato sempre, nonostante siamo partiti 2-10. Il fatto di chiudere al 50%, anzi più del 50%, e avere una chance di entrare tra le prime 6 è una piccola vittoria.»

«Il nostro lavoro però non è finito, c’è ancora molto da fare sui due lati del campo. Ora l’importante è godersi questo giorno e da domani iniziare a prepararsi per l’avversario.»

AD ha poi risposto alle domande sulla difesa della squadra, molto positiva dopo gli scambi alla trade deadline, ma che ha lasciato un po’ a desiderare in queste ultime gare:

«Dobbiamo tornare a comunicare meglio. La nostra comunicazione è stata scarsa ultimamente. Questa squadra [Utah] ha segnato molti punti in area, penso che nelle ultime 10 sia prima per punti nel pitturato.»

«Questa sera hanno segnato tutti a piacimento nel pitturato, specialmente Kris Dunn. Le nostre guardie devono contenere meglio l’uomo con la palla e noi lunghi dobbiamo proteggere meglio il ferro aiutando le guardie.»

«Domani scenderemo in campo, guarderemo i filmati e ci prepareremo in base al nostro avversario. Per quanto ci riguarda dobbiamo tornare ad avere la mentalità dura difensivamente a partire dal prossimo avversario.»

Il numero #3 dei Lakers ha poi risposto alle domande sulla prossima cruciale gara di Play-In:

«È positivo che se vinciamo martedì abbiamo un paio di giorni di riposo prima di andare dove dobbiamo andare. Non voglio spingermi troppo avanti con la mente, ma per noi è di nuovo una gara da dover vincere per avere giorni liberi per recuperare gli infortunati come Dennis[Schroder] e altri ragazzi che convivono con vari dolori, per arrivare ai Playoff in piena salute.»

James: «Sappiamo cosa ci aspetta: saremo pronti»

LeBron James si è mostrato felice per aver potuto guardare il figlio Bronny giocare per Team USA e concentrato in vista della prossima partita contro i Timberwolves:

«Ieri ho avuto l’opportunità di vedere mio figlio giocare ad alto livello, in rappresentanza di Team USA, che è sempre un onore, e lui era molto eccitato per l’opportunità di giocare a Portland al Nike Hoop Summit. È stato bello che la famiglia è potuta andare a vederlo, e io oggi ho potuto aiutare i ragazzi. È stato un weekend positivo per la mia famiglia.»

«Ora abbiamo Minnesota. Inizieremo la preparazione stile playoff da domani e saremo pronti per martedì. Di solito in postseason abbiamo più giorni per prepararci, qui invece è un solo giorno, e una mezza giornata il giorno della partita. Per noi è positivo che non dobbiamo viaggiare, ci siamo spostati molto ultimamente, ma questo non ci deve far sentire a nostro agio, dobbiamo essere sul chi vive per la partita.»

«È una sfida contro chiunque, non c’è differenza. Quando giochi contro giocatori come Karl-Anthony Towns ed Anthony Edwards, ognuno di loro può segnarne 40 e metterti sotto pressione. Hanno una point guard cerebrale e solida in Mike Conley che ha giocato molte partite di Playoff. Sappiamo cosa ci aspetta. Ora godiamoci il resto della giornata in famiglia, ma domani dobbiamo tornare concentrati su ciò che dobbiamo fare martedì.»

King James ha poi commentato la difesa della squadra nelle ultime gare e speso parole d’apprezzamento per Rui Hachimura:

«Il problema è stato la difesa. Sappiamo quanto sia importante. Siamo consapevoli che siamo forti quando difendiamo, prendiamo il rimbalzo, ci proteggiamo a vicenda e poi andiamo in transizione. Abbiamo avuto dei cali in questi ultimi giorni di Regular Season, ma sappiamo cosa ci aspetta: saremo a posto.»

«[Hachimura] È un grande agonista. Vuole essere grande e mi chiede continuamente cosa può fare per aiutare la squadra, non solo sul parquet, ma lui vuole stare in campo. Penso che ci completiamo bene a vicenda con anche AR[Austin Reaves]. Io e AR ci completiamo bene, e tutti sappiamo cosa siamo capaci di fare io ed AD insieme. Rui quando ha minuti dimostra ciò che è in grado di fare.»

LeBron ha poi fatto un bilancio della stagione e ha commentato l’ottima run finale che ha portato la squadra al settimo posto:

«Ci siamo messi nella posizione di poter avanzare. Ovviamente abbiamo avuto un inizio molto a rilento con 2 vittorie e 10 sconfitte, e abbiamo avuto gare che avremmo potuto e dovuto vincere e invece non sono andate come speravamo.»

«Sappiamo dove siamo adesso, possiamo essere felici ma non soddisfatti. Come ha detto il coach, dobbiamo prepararci domani per andare a dar battaglia martedì.»

James ha poi concluso con l’importanza di avere un bel gruppo:

«Questi ragazzi sono divertenti. Amo i miei compagni e penso di essermi innamorato di loro ancor di più quando non stavo giocando. Avete visto molti miei tweet su quanto amo questa squadra. Quando ero in riabilitazione ho speso molte ore cercando di accelerare il rientro. È bello essere in un bel gruppo, abbiamo una grande energia e ci nutriamo l’uno dell’energia dell’altro. Speriamo di poter andare avanti, non solo martedì ma anche oltre.»

Le parole di Austin Reaves e Malik Beasley

Dagli spogliatoi le parole di Austin Reaves:

«Ovviamente avremmo voluto essere una delle sei che hanno già un posto ai Playoff, ma è andata così ed è molto meglio rispetto a come eravamo messi prima. Sono contento di come abbiamo concluso, dalla trade deadline abbiamo giocato uno dei migliori basket della lega e abbiamo avuto fuori a turno LeBron, AD e D-lo.»

«Minnesota è una buona squadra che gioca molto duro con giocatori di talento. Dobbiamo rispettarla e giocare una buona gara. »

Reaves ha poi commentato l’importanza di avere alcuni ex T’Wolves che conoscono bene gli avversari:

«Aiuterà un sacco. Ogni volta che hai un giocatore che ha giocato per l’altra squadra, ogni volta che chiamano un gioco comunicano cosa sta accadendo, perché conoscono il sistema. Penso ci servirà, ne parleremo.»

La guardia dei Lakers ha poi espresso il suo stato d’animo al termine di una lunga stagione:

«Sto alla grande. Abbiamo vinto. Primo Play-In e Playoff, non vedo l’ora.»

«AD ha ragione, possiamo migliorare in difesa. Personalmente non ho difeso bene nelle ultime due gare, ma è stato un anno lungo, siamo un po’ stanchi ma dobbiamo combattere questa stanchezza. Per fortuna abbiamo AD quando veniamo battuti, anche stasera ha avuto 3-4 stoppate.»

Uno degli ex Timberwolves della squadra, Malik Beasley, commenta l’accoppiamento per la sfida di play-in:

«Non vedo l’ora di affrontarli ed avere la mia rivincita, io, Vanderbilt e D-lo. È una preparazione per Memphis. Siamo vogliosi di vendicarci ed accedere ai playoff per poi provare a vincere il titolo.»

«Non mi importa di loro, sono concentrato sul cercare di essere il migliore possibile per questa squadra. Penso che abbiamo finito alla grande, avrei voluto esserci per tutto l’anno, credo che saremmo tra le migliori 4 o 5 squadre se fosse successo, senza dover giocare questo play-in.»

«Siamo consapevoli di cosa dobbiamo fare. Sto trovando il mio ritmo, le posizioni da cui tirare e sto ritrovando le mie gambe. È una delle prime stagioni in cui ho giocato 82 partite, senza infortuni, e sono contento di questo.»

«Sono molte partite che giochiamo con l’obbligo di vincere e questo ci aiuterà per la partita di martedì. È solo una partita, siamo pronti e non vediamo l’ora di giocarla.»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:00 🇮🇹) tra Martedì 11 e Mercoledì 12 Aprile per affrontare i Minnesota Timberwovles alla crypto.com Arena, nella prima gara dell’AT&T Play-In Tournament.


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


Categories:

Our Podcast
Most Recent