In copertina: Lonnie Walker IV e Lebron James al termine di Gara 4 tra Lakers e Warriors alla crypto.com Arena. (Andrew D. Bernstein, Getty Images)

Al termine di Gara 4 tra Los Angeles Lakers e Golden State Warriors, la scena è tutta per l’outsider Lonnie Walker IV che, sostituendo l’impalpabile D’Angelo Russell, disputa una quarta frazione sontuosa con 15 punti a referto. L’abbraccio finale di LeBron James è la cartolina della partita.

Leggi anche:

🤩 Lonnie Walker IV: «Questo finale è ciò che sogni fin da bambino»

È uno SkyWalker entusiasta quello presentatosi in sala stampa. Le luci della ribalta sono tutte per lui, che non si tira indietro e risponde a cuore aperto ai cronisti presenti. Le prime domande, ovviamente, sono sul suo stato d’animo:

«Sono orgoglioso di me stesso e di tutto il lavoro che ho svolto in questi mesi per farmi trovare pronto nel momento giusto.»

«Questa partita dimostra tutta la mia caparbietà e la mia forza d’animo. Sono rimasto in silenzio e ho lavorato in palestra, aspettando il mio momento.»

L’intervista prosegue e la prima domanda di “campo” è sul jumper che ha portato in vantaggio i Lakers a due minuti dalla fine.

«Mi sentivo caldo e in fiducia, avevo già preso altri tiri nel quarto periodo.»

«Quando senti i tuoi allenatori disegnare uno schema per te, quando vedi LeBron James servirti assist… Sono tutte cose che ti aiutano a sentirti supportato e ti danno la sicurezza necessaria per tentare un tiro difficile.»

E infine, da grande uomo ancor prima che da giocatore, Lonnie Walker IV dispensa un pensiero per i suoi compagni di squadra

«Stasera tocca a me essere qui, altre sere è toccato ad altri miei compagni di squadra. La verità è che siamo profondi e talentuosi e ognuno di noi si è fatto trovare pronto.»

«Rui (Hachimura ndr), ha giocato un’ottima serie contro Memphis, DLo (D’Angelo Russell ndr) è un grande comunicatore, Vando (Vanderbilt ndr) ha tenuto altissimo il suo livello difensivo.»

«Austin (Reaves ndr) è al suo esordio ai Playoff e li sta disputando come un veterano.»

💪 Ham: «Abbiamo giocato con la testa e non con il cuore.»

Il coach gialloviola, visibilmente soddisfatto, analizza la prestazione dei suoi ragazzi e del protagonista di serata con il numero 4 sulla canotta:

«È un professionista esemplare, ha continuato a lavorare duro a testa bassa nonostante un infortunio e diverse sfortune.»

«Durante tutti questi Playoff ha ascoltato con attenzione tutte le informazioni che davamo alla squadra. Così, quando è stato il suo momento, ha saputo come comportarsi in campo.»

La discussione si sposta sulla partita e Darvin Ham analizza le difficoltà incontrate dai suoi e la risposta corale della squadra

«Giocano talmente bene, ad un ritmo talmente alto, che ci si può scoraggiare facilmente. Ed è li che nascono i loro parziali.»

«Siamo stati bravi a rimanere aggrappati alla partita, non ci siamo mai persi d’animo. Mentalmente, siamo rimasti sempre in partita.»

Infine, gli viene chiesto se avesse ascoltato o meno i consigli di LeBron James.

«Uno come lui va sempre ascoltato. Conosce gli avversari, sa perfettamente cosa sono i Playoff. Alcune cose le può vedere e capire solo chi calpesta il parquet: sarei stupido a non ascoltarlo.»

«Non farò nomi, ma in passato alcuni coach testardi non ascoltavano i ragazzi. A me non è mai piaciuto, lo sport è collaborazione che inizia nella sala video e termina in campo.»

📅 Next Game

Gara 5 tra Golden State Warriors e Los Angeles Lakers è in programma nella notte (4:00 🇮🇹) tra Mercoledì 10 e Giovedì 11 Maggio al Chase Center di San Francisco.


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


Categories:

Our Podcast
Most Recent