In copertina: LeBron James ed Anthony Davis durante Gara 4 tra Lakers e Nuggets alla crypto.com Arena di Los Angeles. (Harry How, Getty Images)

Per i Los Angeles Lakers 💜💛, dopo la sconfitta subita in Gara 3 dai Denver Nuggets, il quarto atto delle Western Conference Finals è senza alternative: win or go home. I gialloviola puntano ad allungare la serie e fare comunque la storia della franchigia, dato che nelle otto occasioni precedenti in cui erano sotto 0-3 hanno sempre subito uno sweep.

Ham si gioca il tutto per tutto e cambia lo starting five: fuori Russell e Vanderbilt, dentro Schröder e Hachimura insieme a Reaves, James e Davis. Tutto come sempre per Malone, che replica con Murray, Caldwell-Pope, Porter Jr., Gordon e Jokic.

🏀 Lakers vs Nuggets: Game Recap

In avvio Denver spara a salva da tre, mentre i californiani sono determinati ad allungare la serie e vanno a segno con tutti gli starter. Michael Malone non apprezza e ferma subito la gara. La ramanzina scuote Denver, che prima torna sotto con le triple di Kentavious Caldwell-Pope, poi pareggia con Jokic a dirigere le operazioni: 15-15 a metà primo quarto.

I Lakers si affidano a LeBron James, autore di 11 punti consecutivi con due triple e un and-one. I Nuggets reggono l’urto con KCP e Gordon, ma il numero 6 gialloviola è on fire e colpisce altre due volte dalla lunga distanza. Murray segna i primi canestri della sua gara, poi un jumper di Russell e i liberi di Jeff Green chiudono la frazione, con L.A. avanti 34 a 28 grazie ai 21 punti del quattro volte MVP.

Porter Jr. dimezza subito lo svantaggio, ma James è presente anche nella propria metà campo e recupera un paio di palloni, assistendo l’and-one di Reaves e una bimane di Thompson. LeBron segna anche il +10, poi ha un faccia a faccia con Gordon, chiuso con un doppio tecnico. Denver produce con Jokic, Dennis Schröder segna due volte da tre e lancia il Prescelto in transizione, per il 55-43 a 5:18 dall’intervallo lungo.

I Nuggets si affidano a Jokic e Murray, mentre i Lakers conservano la testa della gara con le giocate di Rui Hachimura e Reaves. Le triple di Aaron Gordon e Porter Jr. riducono le distanze, ma Davis e compagni capitalizzano i viaggi in lunetta (8/9 negli ultimi 90″) e chiudono il tempo avanti 73 a 58.

Due quarti irreali per LeBron James: 31 punti (11/13 dal campo con 4/4 dall’arco e 5/5 dalla lunetta), 4 rimbalzi, 4 assist e 2 recuperi con +15 di Plus/Minus.

🔄 Lakers bruciati nel finale dai Nuggets

Al rientro in campo Denver difende con maggiore intensità costringendo Davis ad un paio di errori e con i canestri di Jamal Murray e Jokic dimezza lo svantaggio, obbligando Darvin Ham al timeout. L.A. non riesce a coinvolgere James e muove il punteggio col solo Austin Reaves, mentre le pepite accorciano ancora con la coppia Nikola & Jamal: 81-78 con 6:04 sul cronometro.

I Lakers soffrono a rimbalzo (ben 8 seconde chance concesse in metà quarto) e i Nuggets piazzano il sorpasso con KCP, poi allungano con le triple di Michael Porter Jr. e Gordon. Gli angeleni sono in confusione totale e restano in scia solo con le giocate di James. 16-36 il parziale incassato nella frazione dai californiani, sotto 89-94 all’ultimo mini-break.

Il ritorno in campo di Thompson è un’iniezione energia per i losangelini, che pareggiano col veterano e DLo. Denver non si scompone, ricomincia ad eseguire su entrambi i lati del campo e ritorna avanti con Bruce Brown. James sembra senza energie, ma ha la lucidità per costringere Jokic a due falli offensivi (5 totali), entrambi seguiti dai canestri di Anthony Davis: 102-102 a 5:02 dalla sirena.

I Nuggets sfidano i tiratori dei Lakers e sfruttano gli errori per tornare sul +5. LeBron attacca Jokic dal palleggio, ma The Joker risponde con una tripla incredibile allo scadere dei 24″. Austin Reaves risponde al serbo, poi un paio di buone difese di squadra consentono a Davis di pareggiare dalla lunetta: 111-111 con 73″ sul cronometro.

Gli angeleni danno tutto nella propria metà campo, ma Nikola Jokic sfrutta tutto il suo talento per segnare in avvicinamento, superando AD e Schröder. James prova a replicare ma il suo fadeaway si spegne sul tabellone, anche i Nuggets sbagliano e i Lakers hanno ancora 4″ per pareggiare o vincere la gara. LeBron attacca il ferro ma viene egregiamente contenuto da Gordon e Murray.

111-113 è il punteggio finale, L.A. non evita lo sweep. Al settimo tentativo Denver supera i californiani ai Playoff e raggiunge per la prima volta le NBA Finals.

📊 Stats & Box Score

James riposa solo 4″ e chiude la gara con 40 punti (15/25 dal campo con 4/7 dall’arco e 6/7 dalla lunetta), 10 rimbalzi, 9 assist, 2 recuperi e 1 persa. Davis mette a referto 21 punti (6/15 al tiro e 9/10 ai liberi), 14 rimbalzi, 1 assist, 1 recupero e 3 stoppate in 40 minuti.

In doppia cifra anche Reaves (17+2+3 con 6/11 dal campo), Schröder (13+2+5 con 3/6 da tre) e Hachimura (10+7 con 3/12 al tiro). A referto anche Russell (4+2+2), Thompson (4+1) e Walker IV (2 punti).

Il top scorer dei Nuggets è Jokic (30+14+13 con 11/24 dal campo, 3/6 dall’arco, 5/6 ai liberi e 4 stocks). Il serbo conquista meritatamente il Magic Johnson Western Conference Finals MVP. In doppia cifra anche Murray (25+3+5 con 10/18 al tiro), Gordon (22+6+5 con 3/5 da tre), Porter Jr. (15+10+1) e KCP (13+4+1).

Box Score at NBA.com

📺 Lakers vs Nuggets

🗨️ Post Game Quotes

Leggi le dichiarazioni dei protagonisti della gara tra Lakers e Nuggets:

🚦 Plus & Minus

Leggi l’analisi degli aspetti positivi e negativi della partita della crypto.com Arena:

  • Coming Soon

🏆 Nuggets vs Lakers: Fan Survey

📅 Next Game

Coming Soon, nel vero senso della parola.


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent