I Los Angeles Lakers hanno vinto comodamente contro i Denver Nuggets l’ultima gara casalinga prima dell’All-Star Break. I Gialloviola hanno vinto cinque delle ultime sei partite giocate, portandosi a tre gare di distanza dai Kings (ottavi) e Mavericks (settimi, ma titolari del tie-breaker).

Al termine della gara coach Darvin Ham e Rui Hachimura hanno parlato con i media in sala stampa, mentre Spencer Dinwiddie ed Austin Reaves hanno parlato coi i reporter direttamente dagli spogliatoi. Le dichiarazioni di LeBron James ed Anthony Davis sono disponibili in questo articolo.

Leggi anche:

🎯 Darvin Ham: «Abbiamo ipotizzato tre scenari»

Coach Darvin Ham inizia la sua conferenza stampa parlando dell’inedita pausa di tre giorni intercorsa dal precedente back-to-back, grazie alla quale i Lakers hanno potuto trascorrere diverse ore in palestra ed inserire l’ultimo arrivato Dinwiddie.

Al termine di uno degli shootaround, Christian Wood ha dichiarato che la squadra vale il sesto posto nella Western Conference e proverà ad evitare il Play-In. L’allenatore gialloviola rivela che ha stilato tre possibili obiettivi da raggiungere – in termini di vittorie – entro la fine dell’anno:

«Ieri, prima di cominciare l’allenamento, abbiamo visto dei filmati. Alla fine della sessione, abbiamo proiettato una diapositiva con alcuni possibili scenari per le ultime 28 gare delle stagione, con i record necessari per raggiungere i nostri obiettivi. Dalla possibilità di giocare due gare di Play-In all’accesso diretto alla postseason.»

«Vorremmo chiudere con 28-0? Assolutamente. Ma è realistico? No. Quindi si tratta di essere realisti.»

«Abbiamo individuato una specie di tier, stratificandolo piuttosto che avere un numero secco come obiettivo. Credo che il messaggio sia passato, i ragazzi sono emozionati. Sappiamo come dobbiamo giocare e cosa affronteremo per cercare di realizzare uno di questi scenari.»

Il coach losangelino poi ha evidenziato come sia fondamentale gestire il minutaggio di Davis e LeBron James – out contro i Jazz – sottolineando l’importanza dell’innesto di Dinwiddie:

«Loro due hanno fatto il massimo quest’anno per essere sempre disponibili. È capitato molto raramente di averli entrambi seduti in panchina… Per cui poter contare sull’apporto di Spencer ci aiuterà molto. Non è un ragazzo difficile da inserire nel gruppo, è così poliedrico che troverà facilmente il suo posto.»

Ma nell’ultima gara casalinga prima dell’All-Star Break, la prestazione copertina è stata quella di Anthony Davis:

«È il nostro Ray Lewis [ex giocatore dei Ravens]. Il nostro capitano. Il nostro middle linebacker.»

«È stata la nostra ancora difensiva fin da quando sono arrivato ed è quello che è sempre stato, dal college ai professionisti. Stanotte non è stato differente. La sua attività, la sua capacità di aiutare i compagni, difendere tre contro uno, la sua intelligenza nel capire quando tentare la stoppata… È deciso a fare sempre questo tipo di giocate.»

Infine, Darvin Ham guarda con fiducia alla trasferta contro i Jazz:

«Domani affronteremo Utah e disputeremo un’ottima prestazione. Ci serve vincere questa gara, anche se sono felice per come stanno andando le cose in questo momento. Dobbiamo prenderci cura dei nostri affari.»

💬 Il commento di Dinwiddie, Hachimura e Reaves

L’ultimo arrivato Spencer Dinwiddie ha frequentato la William Howard Taft Charter High School, un’ora d’auto a nord della crypto.com Arena. Giocare per la prima volta nella sua città natale è stata un’esperienza emozionante:

«Un pubblico di fuoco. Elite.»

«Desideri sempre poter giocare davanti al pubblico della tua città, avere il tifo che ti sostiene. Non c’è nulla come questa fan base. Con i tanti successi e la cultura vincente che hanno costruito, ovviamente hanno degli standard molto elevati. Sanno quello che vogliono, la speranza è di riuscire a soddisfare le attese.»

The Mayor ha giocato 30 minuti, mettendo a referto 6 punti e 7 assist. I primi punti sono arrivati a fine terzo quarto con un gioco da tre punti, seguito da una tripla in stepback.

«I ragazzi hanno fatto un grande lavoro facendomi sentire subito accolto, per cui non ero per niente a disagio.»

«Credo sia stata una buona gara, abbiamo avuto 20 punti di vantaggio per la maggior parte dell’incontro. Per cui non credo che si possa valutare il mio impatto. Voglio dire, avrebbero vinto anche senza di me, ad essere sinceri. Ma è stato divertente scendere in campo.»

Rui Hachimura ha parlato delle buone prove dello starting five nelle ultime uscite:

«Come credo possiate vedere, c’è molta fluidità. Abbiamo già una buona chimica, l’ho già detto negli scorsi playoff: questa lineup è davvero buona. In attacco stiamo producendo, recentemente siamo una delle squadre migliori.»

«Dobbiamo continuare a migliorare la nostra intesa e raggiungere la postseason.»

Infine, Austin Reaves sottolinea l’importanza di chiudere il back-to-back con due vittorie:

«Dobbiamo sistemare le nostre cose e visto dove ci troviamo in questo momento non possiamo permetterci una pausa e lasciare per strada una partita.»

«Abbiamo bisogno di vincere queste due gare prima dell’All-Star Break in modo da costruire uno slancio da cavalcare anche dopo lo pausa. Dobbiamo avere la stessa intensità.»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (3:00 🇮🇹) tra Mercoledì 14 e Giovedì 15 Febbraio per affrontare gli Utah Jazz al Delta Center.

In copertina: Anthony Davis durante la gara tra Lakers e Pistons alla crypto.com Arena di Los Angeles. (Katelyn Mulcahy, Getty Images)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


C’è solo un Capitano, anzi due.

Categories:

Our Podcast
Most Recent