Back-to-back per i Los Angeles Lakers 💜💛 (29-26), che ventiquattr’ore dopo il netto successo contro i Pistons volano a Salt Lake City per l’ultima sfida stagionale contro gli Utah Jazz (26-28). I losangelini hanno vinto in California la gara di fine novembre, mentre i mormoni hanno avuto la meglio tra le mura amiche a metà gennaio.

I gialloviola sono privi di LeBron James (load management), Max Christie, Cam Reddish, Jarred Vanderbilt e Gabe Vincent (saranno tutti rivalutati dopo l’All-Star Break). Ham schiera il quintetto composto da Russell, Reaves, Prince, Hachimura e Davis; Hardy replica con George, Sexton, Markkanen, Collins e Kessler.

Leggi anche:

🏀 Jazz vs Lakers: Recap

In avvio Utah prova a prendere il controllo delle operazioni sotto canestro, con la deterrenza di Walker Kessler e la presenza a rimbalzo di Markkanen. La squadra di Darvin Ham affida il controllo delle operazioni a Russell, poi tenta l’allungo con i canestri da oltre l’arco di Hachimura e Reaves (due volte): 19-15 con 6:08 sul cronometro.

I Lakers toccano il +10 con un’altra tripla del Black Samurai e sei punti consecutivi di Davis, ma i Jazz replicano immediatamente e tornano sotto con le giocate di Kris Dunn e George. Complici le tante assenze, nel finale di quarto si vedono i primi minuti non garbage del two-way player Dylan Windler. Un tap-in di Wood chiude la frazione, con L.A. avanti 34 a 28.

La partita è gradevole, con entrambi gli attacchi molto produttivi. I californiani mantengono la testa della gara con i canestri dalla lunga distanza di Windler e Spencer Dinwiddie, ma soprattutto grazie alle iniziative dell’ispirato Hachimura. Utah spreca qualche pallone, ma resta in scia con l’ex Talen Horton-Tucker e Collin: 54-44 a sei minuti e mezzo dall’intervallo lungo.

Nel finale di tempo i Jazz annullano il vantaggio dei Lakers, capitalizzano le seconde chance catturate da Collins e Kessler. Con D’Angelo Russell a mettere in ritmo – già 10 assist per lui – i losangelini resistono alla rimonta ispirata dalle triple dell’altro ex Jordan Clarkson. A metà gara L.A. conduce 70 a 69.

🔄 I Lakers seminano i Jazz nel terzo quarto

Al rientro in campo i padroni di casa piazzano il sorpasso con Collin Sexton, ma non riescono ad allungare a causa degli errori di Kessler. I losangelini si rimettono in moto dopo qualche possesso d’incertezza e tornano avanti con altre due triple di Rui Hachimura. Dalla lunetta AD sigla l’84-82 con 6:00 sul cronometro.

Le percentuali dei Jazz calano e i Lakers provano a piazzare l’allungo decisivo. Anthony Davis è inarrestabile: prima schiaccia in transizione, poi colpisce dalla media e dalla lunga distanza. Utah prova a resistere allo show di The Brow con Taylor Hendricks, ma i gialloviola allungano ulteriormente con AD e Austin Reaves, autore del gioco da tre punti che fissa il 108 a 92 all’ultimo mini-break.

I padroni di casa provano a rientrare in partita con un paio di canestri di Collins, seguiti dalle triple di George e Lauri Markkanen. I californiani tengono botta con Jaxson Hayes e Dinwiddie, poi ristabiliscono le distanze coi canestri dei rientranti Davis e Hachimura: 121-107 a 6:25 dalla sirena.

I Lakers piegano la resistenza dei Jazz con Hachimura e Reaves, poi toccano il +20 con Taurean Prince, obbligando Will Hardy al secondo timeout in meno di due minuti. Dopo un paio di canestri di Kessler arriva la giocata che riassume l’ottima prova dei californiani: DLo serve Rui per la tripla che vale il career-high di assist per il primo, di punti e canestri da tre per il secondo.

D’Angelo Russell pesca Rui Hachimura sul perimetro: 17 assist per DLo, sesta tripla e 36 punti a referto per il Black Samurai.

Un layup di Reaves sancisce l’avvio del garbage time, all’interno del quale trovano gloria Castleton, Sensabaugh e Samanic. Un libero di Yurtseven fissa il punteggio finale: 138 a 122, Lakers Win!

📊 Stats & Box Score

Davis mette a referto 37 punti (13/25 dal campo, 1/3 dall’arco e 10/13 dalla lunetta), 15 rimbalzi, 1 assist, 2 stoppate e 2 perse in 38 minuti di gioco. Per Hachimura 36 punti (13/19 al tiro con 6/8 da tre e 4/5 ai liberi), 2 rimbalzi, 1 assist e 1 stoppata con +25 di Plus/Minus in poco meno di 34 minuti sul parquet.

Ottime prove anche per Reaves (22+4+7 con 9/13 dal campo, 3 recuperi e 3 turnover) e Russell (11+9+17 con 4/8 al tiro e 2 perse), discreta prova per Prince (11+3+1). A referto anche Dinwiddie (10 punti, 4 assist e 2 recuperi), Wood (3+4+1 con 0/4 da tre), Hayes (4 punti, 1 assist e 2 recuperi) e Windler (3 punti con 1/4 dalla lunga distanza). Garbage time per Castleton (2) e Mays.

Il top scorer degli Jazz è Sexton (18 punti e 3 assist con 8/15 dal campo). In doppia cifra anche Clarkson (17+3+5), Markkanen (16+8+1), George (13+5+7), Kessler (12+7+1 con 3 stoppate), Dunn (12+1+3) e Collins (11+10+2).

Box Score at NBA.com

🗨️ Post Game Quotes

📺 Jazz vs Lakers: Highlights

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:00 🇮🇹) tra Giovedì 22 e Venerdì 23 Febbraio per affrontare i Golden State Warriors al Chase Center.

In copertina: Rui Hachimura durante la gara tra Jazz e Lakers al Delta Center di Salt Lake City. (Alex Goodlett, Getty Images)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent