L’All-Star Game dell’ennesimo record per LeBron James. Il quattro volte MVP – già miglior scorer della storia della Partita delle Stelle – colleziona la ventesima partecipazione alla manifestazione, staccando Kareem Abdul-Jabbar.

Nella conferenza stampa pre-partita James ha parlato delle sue condizioni di salute, della partecipazioni alle Olimpiadi, del suo futuro e del ritiro che si avvicina. In precedenza, LeBron ha commentato anche la presunta trattativa tra Lakers e Warriors.

Leggi anche:

👑 LeBron James: «Sono diventato più furbo»

Il quattro volte MVP è arrivato ad Indianapolis Domenica mattina, a differenza degli altri All-Star giunti Sabato. James ha spiegato che ha preferito restare a Los Angeles per curare il problema alla caviglia sinistra, a causa del quale ha saltato la gara dei Lakers contro i Jazz:

«Sto facendo delle terapie per rendere più forte la mia caviglia in vista dell’ultimo terzo di stagione. Non giocherò tutta la gara, sicuramente. Posso scendere in campo, giocare con questi giovani ragazzi, ma ad un certo punto concederò al mio corpo – soprattutto alla mia caviglia – un po’ di riposo.»

I reporter, poi, hanno chiesto al Prescelto come faccia ad essere così incisivo alla ventunesima stagione da professionista:

«La mia mente è più in forma di tutto il resto. Mi consente, qualche volta, di essere semplicemente il più furbo in campo, senza dovermi imporre fisicamente per 40 e 42 minuti. Posso scegliere i momenti in cui incidere.»

«Ad esempio, capire quando essere più aggressivo in attacco oppure meno, lasciando condurre la squadra a D’Angelo Russell o Austin Reaves, giocando off the ball. Poter disporre di una minaccia dominante come Anthony Davis da servire e vedere la reazione della difesa, per sfruttare quello che concede. Semplicemente credo di essere più intelligente nei secondi dieci anni della mia carriera rispetto ai primi dieci.»

🥇 Le Olimpiadi ed il Farewell Tour

Dopo aver parlato dell’evoluzione del gioco – dal tiro da tre all’importanza delle statistiche avanzate – e aver “aggirato” la domanda su chi avrebbe potuto ricoprire lo «stressante» ruolo di nuovo volto della lega, LeBron James ha ribadito la sua volontà di partecipare ai Giochi della XXXIII Olimpiade, che si terranno a Parigi dal 26 Luglio all’11 Agosto 2024.

«Prima di prendere l’impegno per le Olimpiadi, mi sono detto che tutto sarebbe difeso dal mio stato di forma. Allo stato attuale, sono abbastanza in salute per poter far parte della squadra e giocare ad alto livello.»

«Avendo dato la mia disponibilità per Team USA, farò il possibile affinché la mia mente, il mio corpo e la mia anima siano al meglio, per rappresentare il nostro paese con il massimo rispetto. Ma di una cosa sono sicuro, non dovrò reggere il carico da solo. Così come non l’ho dovuto fare nelle partecipazioni precedenti, nel 2004, 2008 e 2012. Proverò a fare del mio meglio nei minuti in cui sarò sul parquet.»

«Al momento non ho idea di quale sarà il roster definitivo, ma sulla base di alcuni nomi che dovrebbero esserci sono sicuro che non dovrò sostenere la pressione e il peso di trascinare la squadra.»

Al fianco del numero 23 gialloviola potrebbe esserci l’amico e compagno Anthony Davis, che nei giorni scorsi ha dichiarato di essere pronto a partecipare a Parigi 2024: «Ho detto al comitato che se mi chiederanno di partecipare, lo farò.»

Subito dopo, il quattro volte MVP ha commentato i recenti exploit realizzativi delle giovani stelle della NBA, ricordando che prestazioni del genere sono state fatte anche dal compianto Kobe Bryant. Poi, ha parlato del suo futuro:

«Non ho ancora definito quante stagioni giocherò ancora, ma so che non saranno molte. Mi hanno fatto questa domanda nei giorni scorsi: vorresti avere un farewell tour oppure un ritiro come quello di Tim Duncan?»

«Sono 50-50, sono onesto. Perché ci sono dei momenti in cui sento di doverlo ai miei fan, che hanno condiviso questo viaggio con me per più di due decenni. Ricevere il loro affetto in ogni città e cose del genere… Sembra cool.»

«Ma dall’altro lato, non sono mai stato a mio agio con l’accettare lodi e celebrazioni. Non ne ho mai parlato molto, ma è una strana sensazione per me. Per questo andare in ogni città come hanno fatto Michael, Kobe e tanti altri… Non so come mi sentirei, se mi piacerebbe. Non ne ho idea.»

🔝 LeBron James: «Spero di chiudere la carriera con i Lakers»

La prima decisione che LeBron James dovrà prendere riguarda l’esercizio della Player Option da 51 milioni di dollari per la stagione 2024/25. E in tal senso, il nativo dell’Ohio chiude la risposta sul ritiro con un importante endorsement ai Los Angeles Lakers:

«Sono un Laker e sono felice, davvero felice, di esserlo da sei anni e spero che le cose restino così. Ma non posso dire quanto ancora durerà e con qualche uniforme mi ritirerò. L’auspicio è che avvenga con i Lakers. È una fantastica organizzazione, con tanti grandi al suo interno. Non so come andrà a finire, ma sta per arrivare. Sicuramente.»

James poi ha detto che avrebbe lasciato subito Indianapolis, per ricevere ulteriori cure alla caviglia sinistra:

«Per noi, come Lakers, tutta la stagione è stata segnata dai problemi di salute. Proverò a fare ciò che è meglio per me e per il miglioramento della squadra.»

LeBron ha giocato solo il primo tempo, mettendo a referto 8 punti con 4/10 al tiro, 4 rimbalzi e 3 assist in poco meno di 14 minuti. Tuttavia, al termine della gara ha dichiarato che le terapie che sta ricevendo potrebbero costringerlo a saltare la gara contro gli Warriors.

«Potrebbe succedere, dipende dal processo di recupero. Quindi probabilmente, ma vedremo. Io mi sento bene. Non ho forzato molto stasera, voglio provare ad essere il più sano possibile. L’ultima parte di stagione è molto importante per noi. Devo assicurarmi di essere in salute.»

Infine, il Prescelto – prima della conferenza stampa ufficiale – ha partecipato ad Inside the NBA, commentando il report di ESPN sulla richiesta di trade avanzata dalla franchigia di San Francisco:

«Ne ho sentito parlare per la prima volta quando lo hanno fatto tutti quanti. A volte ci sono delle conversazioni che avvengono a porte chiuse, di cui non sei a conoscenza. Che siano reali o meno, in qualche modo ti arrivano, ma questa volta non è accaduto.»

James ha anche confermato che il figlio Bronny non ha ancora deciso se entrare nel draft al termine della stagione:

«Tocca a lui, dipende tutto dal ragazzo. Vedremo come si evolverà il processo, ma è ancora impegnato con la stagione regolare e il torneo della PAC-12 [una delle conference della NCAA, ndr] si avvicina. Valuteremo tutte le opzioni, ma toccherà a lui prendere la decisione.»

La Player Option, il possibile draft di Bronny e le Olimpiadi. L’off season 2024 di James sarà tutt’altro che riposante.

Gli highlights del ventesimo All-Star Game di LeBron James.

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:00 🇮🇹) tra Giovedì 22 e Venerdì 23 Febbraio per affrontare i Golden State Warriors al Chase Center.

In copertina: LeBron James ed Anthony Davis prima del 73esimo All-Star Game tenutosi alla Gainbridge Fieldhouse di Indianapolis. (Lakers.com)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent