Il 4 Maggio Vanessa Bryant ha condiviso un post su Instagram, con cui ha rivelato che lei e la sua famiglia hanno ospitato un camp di basketball per ragazze e ragazzi in memoria di sua figlia Gianna, scomparsa con suo padre Kobe Bryant nel 2020 e che avrebbe compiuto diciotto anni il 1 Maggio.

«Per celebrare quello che sarebbe stato il 18esimo compleanno di Gianna, la Mamba & Mambacita Sports Foundation in collaborazione con la Nike, i Lakers e la Southern California ha ospitato un camp speciale per condividere lo spirito di mia figlia PLAY GIGI’S WAY con i ragazzi e le ragazzi dell’area di Los Angeles. Adoriamo amato vedere la loro passione per il basket abbracciando gioia, curiosità e competitività. Senza mai per scontata ogni opportunità, proprio come Gigi.»

Vanessa Bryant
https://platform.twitter.com/widgets.js

Nella clip, si vede Vanessa posare tra tanti bambini per una foto insieme alle figlie Natalia, Bianka e Capri. Ogni bambino indossava una maglietta con la scritta Mambacita tra le ali di angelo sul davanti con e “Gigi” – il nickname di Gianna – sulla schiena. La moglie di Kobe poi ha parlato e scattato foto con i giovani fan, oltre a firmare palloni al campo.

Il 5 Maggio poi ha postato un video riassuntivo dell’evento, in cui Vanessa Bryant dice: «Siamo qui per celebrare il 18esimo compleanno di Gigi. Quindi sono felice di vedervi tutti qui per giocare con gioia e curiosità come faceva lei.» Ai partecipanti è stato donato un pallone da basket e le nuove scarpe che la Nike ha dedicato a Gianna: le Kobe 8 Mambacita.

Le scarpe sono caratterizzate dalla presenza di farfalle nere su sfondo bianco con accenti dorati, incluso un pendente a forma di cuore con il logo Mambacita. Il design include anche il nome di Gigi e il numero 2, il numero della sua maglia da basket, scritto in lettere nere sul tallone della scarpa.

Leggi anche:


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


«Ho sempre detto che volevo essere ricordato come un giocatore che non ha sprecato del tempo, non ha perso un giorno. Mi sentivo fortunato nell’avere quel talento naturale. Allo stesso tempo, non l’ho mai dato per scontato. Vorrei essere ricordato come una persona con talento ma che ha dato il meglio e ha vissuto ogni giorno come se fosse il dodicesimo. Credo sia un messaggio davvero potente da avere sperando che i giocatori che sono qui ora e quelli che verranno dopo sceglieranno di incarnare.»

Kobe Bryant

Con indosso la canotta numero 8 prima e 24 poi, Kobe Bryant ha scritto la storia della NBA e dei Los Angeles Lakers. Black Mamba Forever.

Categories:

Our Podcast
Most Recent