In copertina: Russell Westbrook (Fernando Medina, NBAE via Getty Images)

I Los Angeles Lakers hanno battuto gli Orlando Magic nella prima parte del back-to-back che si completerà questa notte con la sfida contro gli Heat. I californiani hanno così interrotto la striscia di quattro sconfitte consecutive.

Leggi anche:

👑 LeBron elogia Westbrook e Banchero

Rispondendo alle domande dei media, LeBron James ha sottolineato l’importanza di una vittoria ottenuta contro un avversario in forma:

«È una vittoria importante per noi. Loro stavano giocando bene, avevano vinto otto delle ultime nove gare giocate battendo due volte i Boston Celtics.»

Il quattro volte MVP poi ha commentato le difficoltà dei Lakers a rimbalzo, acuite dall’infortunio di Anthony Davis:

«Tutti dobbiamo giocare e fare di più. La responsabilità ricade su ognuno di noi e stasera Russ sicuramente ha fatto la sua parte.»

«A rimbalzo subiamo il fatto di essere una squadra che manca di stazza e di centimetri. Stiamo cercando di tamponare con l’atletismo e lottando per la posizione.»

«Penso che Russ lo abbia sempre fatto nel corso della sua carriera, ha costantemente catturato tanti rimbalzi in più rispetto al suo ruolo. È fondamentale per noi.»

Ma il numero 6 gialloviola ha elogiato la prova di Westbrook non solo per il contributo sotto le plance:

«Quando Russ entra in campo, so che devo essere pronto a correre. Alzerà il PACE della partita grazie alla sua capacità di catturare i rimbalzi e spingere immediatamente la transizione. È molto chiaro: rimbalzo e contropiede, io devo solo correre al suo fianco.»

James ha parlato anche di Paolo Banchero, prima scelta assoluta dell’ultimo draft:

«Fin’ora è stato eccezionale, sta giocando alla grande. È un realizzatore a tre livelli poiché può segnare nel pitturato, dal mid-range e negli ultimi tempi anche della lunga distanza. Migliorerà sempre di più: partita dopo partita, allenamento dopo allenamento.»

«Indubbiamente hanno scelto un ragazzo veramente buono.»

Infine, LeBron ha risposto alla domanda sulla sua presenza al back-to-back contro la sua Miami:

«Lo saprò domani quando mi alzerò.»

💬 Ham sull’identità dei Lakers e il ruolo di Westbrook

Nel pre-partita c’erano timori sulla capacità dei Lakers di contrastare i Magic dal punto di vista atletico, dato che Orlando può contare su diversi atleti oltre i due metri. Darvin Ham è soddisfatto dello spirito con cui i suoi ragazzi hanno affrontato la gara:

«Ecco cosa dobbiamo essere, è la nostra identità. Questo è quello per cui stiamo lavorando duramente.»

«Ognuno di loro deve fare di più, non solo i nostri lunghi. Come squadra ciascuno di noi deve essere più concentrato e competitivo. Non possiamo sostituire un giocatore come Anthony Davis, ma quello che possiamo fare è condividere il carico. Come abbiamo mosso la palla è uno degli esempi di come si può superare la tempesta.»

Il coach dei Lakers poi ha parlato del momento di Westbrook, che ha messo a referto la terza tripla-doppia partendo dalla panchina:

«L’intesa tra Westbrook e James, soprattutto nelle situazioni di pick-and-roll, sta crescendo e migliorando e questo aiuta la squadra.

«Avrebbe potuto opporsi, invece ne abbiamo discusso per cercare l’equilibrio migliore perché nella NBA una lineup deve essere equilibrata. Non si tratta di capire se può partire in quintetto o se i suoi giorni da titolare sono finiti. Non è quello. Russ è ancora in grado di rispondere ai colpi subiti, dare una scossa dalla panca e alzare il ritmo insieme.»

«Per lui non è stato facile, ha passato momenti difficili. Ma complimenti a lui per aver fatto tutto quello che gli è stato chiesto.»

Infine, Ham ha elogiato anche le prove di Patrick Beverley e Troy Brown Jr., che in coppia hanno realizzato sette triple:

«Devono tirare, questa è la cosa fondamentale: quando sei libero, devi tirare. Credo in loro ed ho fiducia in quello che possono fare. Segnare o sbagliare, non importa. Bisogna essere aggressivi.»

🏀 Il commento di Westbrook e Brown Jr.

Contro i Magic Russell Westbrook ha chiuso con 15 punti, 13 rimbalzi e 13 assist. Nella storia della NBA Detlef Schrempf ha messo a referto tre triple-doppie partendo dalla panchina:

«Io sono un cestista. Posso fare qualunque cosa mi venga chiesta e continuerò a farla fino a nuovo ordine.

Cosa ricordo di Detlef Schrempf? Niente [ridendo]! Tranne che ha giocato per i Sonics, questo è tutto.»

Brodie poi ha parlato della sua prestazione e di come i Lakers devono affrontare l’assenza di Anthony Davis:

«Sapevano che stasera dovevamo andare forte a rimbalzo ed alzare il ritmo. Penso che abbiamo fatto un ottimo lavoro stasera. Quando ho il pallone tra le mie mani ho la responsabilità di rendere migliori i miei compagni e ne sono orgoglioso.»

«Non possiamo sostituire AD, lo sappiamo. Ma come squadra dobbiamo restare uniti e conquistare quante più vittorie finché non rientrerà.»

Nella gara di Orlando si è rivisto anche Troy Brown Jr.:

«Una delle chiavi è stata la discussione voluta da Patrick Beverley, che nell’intervallo ha voluto parlare di come affrontare il terzo quarto. Migliorare la nostra comunicazione è stato importante dopo la delusione di Dallas.»

«Vederlo sorridere, essere felice e fare il suo gioco è importante. Sono convinto che il Russ che ci serve sia quello che si diverte mentre gioca.»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (1:30 🇮🇹) tra Mercoledì 28 e Giovedì 29 Dicembre per affrontare i Miami Heat alla FTX Arena.


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


Categories:

Our Podcast
Most Recent