In copertina: LeBron James ed Anthony Davis nel corso di Gara 3 tra Lakers e Grizzlies alla crypto.com Arena (Ringo Chiu, AP Photo)

Vittoria schiacciante dei Los Angeles Lakers, che si aggiudicano Gara 3 grazie ad una storica e poderosa prestazione nel 1° quarto (chiuso 35-9). Sugli scudi Anthony Davis (31+17) e LeBron James (25+9), che portano i giallo-viola in vantaggio nella serie. Ai Memphis Grizzlies non serve a nulla l’esplosione di Morant nel quarto periodo, autore di 24 punti nella sola ultima frazione.

Leggi anche:

⚡ LeBron James: «Abbiamo eseguito il game plan già nei primi 12 minuti»

Intervistato a bordo campo, appena conclusa la partita, LeBron James parla del favoloso primo quarto dei Lakers:

«Abbiamo solo fatto quello che dovevamo, avevamo un game plan e lo abbiamo eseguito già nei primi 12 minuti. È importante per noi giocare bene, volevamo fare meglio rispetto a Gara 2 e ci siamo riusciti. Abbiamo ancora margini di miglioramento, e vogliamo metterli in pratica in Gara 4, sapendo che anche loro faranno lo stesso.»

Riguardo l’energia “donata” alla squadra dalla crypto.com Arena, il Re ritiene che:

«È stato incredibile. I tifosi ci hanno dato tanta energia, e noi abbiamo cercato ripagarli nello stesso modo con un grande effort. Credo che in tutto l’arco dei 48 minuti ci siamo riusciti.»

All’inevitabile domanda riguardo Dillon Brooks e la sua espulsione, LeBron risponde seraficamente che:

«Il mio focus era solo sul game plan. Ci sono ancora tante partite da giocare, questi episodi accadono e bisogna andare oltre. Ho protetto i miei gioielli (lo dice con una mezza smorfia, ndr) e ho pensato all’azione successiva.»

In vista di Gara 4, il numero 6 giallo-viola ha le idee chiare:

«Dovremo fare meglio in transizione, e lavorare meglio su Ja. Stanotte è stato straordinario. Se faremo un buon lavoro sul resto degli avversari, ci concederemo una buona chance di vittoria. Sta a noi controllare il tempo, non perdere palloni, ritornare velocemente in difesa in transizione e prendere i rimbalzi. Se faremo tutto questo, possiamo trovare la strada giusta per avere le migliori chances di andare sul 3-1.»

🧠 Anthony Davis: «Ho fatto in modo che fosse la loro difesa ad adeguarsi a me, non viceversa»

Intervistati in coppia in sala stampa, Anthony Davis e LeBron James, rispondono alle domande dei giornalisti. Inizia AD, commentando il primo quarto di gioco:

«È tutta questione di energia. Siamo scesi in campo con senso d’urgenza, sapendo che era una partita importante per noi. Era la prima partita di Playoffs davanti ai nostri tifosi al completo, che sono stati fantastici e noi ci siamo nutriti della loro energia. Siamo scesi in campo con l’intento di essere eccellenti su entrambi i lati del campo, e questo ci ha accompagnato lungo tutta la partita.»

Ritornando sulla “faida” con Dillon Brooks, LeBron risponde chiaramente che:

«Che cosa dovrei dire? Se ne sta parlando troppo, non devo rilasciare nessuna dichiarazione. Avevamo l’opportunità di tornare a casa e giocare bene sul nostro campo, lo abbiamo fatto e questa è l’unica cosa che conta. Abbiamo vinto, e cercheremo di fare lo stesso in Gara 4. Non so se Brooks dovrà essere sospeso, non è il mio lavoro stabilirlo. Indifferentemente al fatto se giocherà o meno la prossima partita, noi saremo comunque pronti.»

A LeBron viene chiesto se è o meno sorpreso dalla mancanza di rispetto dimostrata da Brooks nei suoi confronti. Il Re risponde così:

«Si commenta da solo. La cosa non mi tocca. Continuo a dire che il mio focus è sui miei compagni.»

A Davis viene chiesto un commento sulla sua prestazione e sul Dream Shake da lui tentato. The Brow risponde sorridendo:

«Si, era un piccolo Dream Shake, ci sto lavorando. Anzi, era un Bron Shake (lo dice indicando LeBron, ndr). Sono sceso in campo aggressivo, non mi è piaciuta la mia performance in Gara 2 e volevo dare di più. Non volevo aspettare i loro raddoppi e ho provato ad essere più veloce. Ho fatto in modo che loro si adeguassero a me, e non dover essere io ad adeguarmi a loro. Avranno un game plan diverso in Gara 4, ma il mio approccio e la mia aggressività non cambieranno.»

Riguardo l’importanza del riposo lungo l’arco della serie, James ritiene che:

«Ad adesso, bisogna pensare ad una partita per volta. È importante sfruttare i giorni di riposo, prendersi cura del proprio corpo, nutrirsi bene e dormire il più possibile. Non bisogna andare fuori ritmo. È la cosa più importante per me. Bisogna ricaricare le pile come dice sempre anche coach Ham, in questo modo lunedì avremo le stesse energie e lo stesso effort di stanotte.»

Ad un’ulteriore domanda su Dillon Brooks, riguardante il siparietto che li ha visti coinvolti nel prepartita, LeBron risponde sorridendo:

«Non gli ho parlato privatamente, tutti hanno visto. Era molto, molto pubblico. Preferisco questo modo. Loro sanno (lo dice indicando Davis, riferendosi quindi ai compagni, ndr) cosa devo fare. Questo non è il mio primo rodeo, in carriera ho già avuto a che fare con certi individui. È facile, molto facile… no basta, non mi fate iniziare a parlare di questo, è già abbastanza. Lui (dice indicando sempre Davis, ndr) ha fatto un’accidenti di partita. Parliamo di questo, non di altro.»

Riguardo la prestazione di Morant, il Re sostiene che:

«Questo ragazzo è veramente forte. È molto bravo ad attaccare il ferro e bisogna cercare di mettere il proprio corpo tra lui e il canestro per provare a lasciarlo sul perimetro. Stanotte però ha messo sei triple, quindi offensivamente può fare quello che vuole. Se loro segnano così tanto, anche noi dobbiamo metterci in testa che dobbiamo fare lo stesso e mettere pressione sulla loro difesa, ma quando i grandi giocatori giocano così, non c’è nulla che si possa fare per fermarli.»

All’interessante domanda riguardante i quintetti small, quando AD è in panchina, LeBron risponde che:

«Ovviamente lui (AD, ndr) è la nostra ancora difensiva. Quando dobbiamo fronteggiare una dribble drive motion, con AD sul campo siamo consapevoli che lui può sia stoppare che condizionare il tiro, o essere un’ulteriore aiuto. Ovviamente quando è fuori, io e Rui dobbiamo essere più solidi sul point of attack, perché c’è meno rim protection. Andare small ci rende un po’ più veloci, ma contro una squadra come Memphis che attacca continuamente il pitturato, dobbiamo contestare i tiri e prendere i rimbalzi, che è quello che abbiamo fatto stanotte. Questa notte hanno tirato 39 triple, e hanno preso 18 rimbalzi lunghi offensivi, dovremo fare un lavoro migliore in questo senso. Quando AD non è sul campo e non ci può dare 17 rimbalzi, dobbiamo essere più connessi collettivamente.»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:00 🇮🇹) tra Lunedì 24 e Martedì 25 Aprile per affrontare alla crypto.com Arena i Memphis Grizzlies nella Gara 4 del primo turno degli NBA Playoff.


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


Classe 1993, giusto in tempo per vedere i Lakers di Shaq e Kobe. Da lì nasce un amore incrollabile per l’NBA e i Gialloviola. Lavoro, studio e scrivo. Nel tempo libero cerco di capire cosa sia passato nella testa di Ron prima di prendere QUEL tiro.

Categories:

Our Podcast
Most Recent