Quarta vittoria nelle ultime cinque partite per i Los Angeles Lakers, che battono anche i Cleveland Cavaliers col punteggio di 121 a 115. Dopo la gara LeBron James, Anthony Davis, Austin Reaves e coach Darvin Ham hanno parlato della gara ai microfoni. Buona lettura!

Leggi anche:

👑 LeBron James: «Tutti sono essenziali»

LeBron James, autore di una prestazione non memorabile al tiro (22 punti con 1/9 da 3), ha subito elogiato l’ottima prestazione di Anthony Davis:

«Ci aspettiamo sempre molto da lui, vogliamo che sia aggressivo su entrambi i lati del campo. È stata la sua partita, ha difeso bene i lunghi avversari nel pitturato e li ha attaccati nel modo giusto.»

«Bisogna essere consapevoli e capaci di trovarlo. È presente nel 95% dei nostri pick-and-roll ed è protagonista in transizione. Abbiamo schemi apposta per lui, ma anche senza tirare può rendersi impattante, toccando la palla in altri modi.»

Non può mancare, poi, la classica domanda sul ritorno a casa sua, Cleveland:

«Il pensiero principale è stato quello sulla vittoria, per continuare a migliorare come Lakers. Ma è sempre speciale tornare qui, così come a Miami, ma qui l’emozione è maggiore perché ho trascorso undici anni con Cleveland e ho vinto un titolo per questa città. È qualcosa che non dimenticherò mai. Alzare lo sguardo e vedere il mio nome su quasi tutti i banner è molto bello.»

Si è poi parlato di Max Christie, sempre più in fiducia e autore di buonissime prestazioni, e della generale importanza di ogni membro del roster gialloviola.

«Quando il tuo coach ti dà fiducia, ti aiuta. Max ha fatto tanti passi avanti e affrontato tanti grandi giocatori, come Mitchell stasera, che è un “three level scorer” e sa essere pericoloso. Ma Christie ha fatto un buon lavoro e ha segnato tiri molto importanti per noi.»

«Abbiamo costruito il roster in modo che io e AD non dovessimo portare tutto il peso addosso. Stasera abbiamo segnato molti canestri assistiti, la panchina ha fatto un ottimo lavoro, abbiamo bisogno di tutti.»

Infine, un parere anche sulla “rinascita” di Tristan Thompson e sul possibile impatto che può ancora avere ai Cavs:

«Ha passato del tempo con noi lo scorso anno, è un veterano che può aiutare i giovani ad avere successo. “Double T” ha già dimostrato tutto alla Lega.»

〰️ Anthony Davis: «Hanno avuto fiducia in me»

Anthony Davis è tornato protagonista con 32 punti (season high) e 13 rimbalzi. Anche lui, come James, ha fatto i complimenti a Christie, per poi soffermarsi sulla sua partita e su come la fluidità offensiva l’abbia aiutato.

«Max vuole vincere, gioca duro e accetta le sfide come questa, specialmente nel finale. Ha fermato due volte l’attacco avversario, è molto per un ragazzo al secondo anno.»

«Ball movement? Se non si ha un buon tiro, bisogna andare avanti e aiutare i compagni, senza stress e cercando il tiro migliore. È qualcosa che ricerchiamo continuamente. […] Quest’oggi i ragazzi e l’allenatore hanno avuto fiducia in me e mi hanno affidato molto la palla. È stato bello, come ho detto il movimento di palla e il playmaking mi hanno permesso di avere più spazio.»

Sul giocare con due lunghi, con l’alternanza di Jaxson Hayes e Christian Wood, Davis ha parlato così:

«Mi sono trovato molto bene con Jaxson, anche Cleveland ha giocato con due lunghi, abbiamo fatto lo stesso e ci è andata bene.»

💬 Austin Reaves: «Basta sbeffeggiare AD. Caduta? Sto bene»

15 punti, 5 rimbalzi, 10 assist e tanto effort per un rilassato Austin Reaves ai microfoni.

«Non importa come, basta aiutare la squadra, qualunque sia il modo. Abbiamo fatto un buon lavoro portando a casa la vittoria. A livello di playmaking, loro hanno giocato molto con due lunghi, nel pitturato abbiamo cercato di dare la palla a AD, e Hayes ha lavorato bene tagliando spesso dall’angolo e dal fondo per aiutarlo.»

Tra un ennesimo elogio per Max Christie e l’altro, si è sottolineato come I TRENTAQUATTRO assist di squadra, con 7 giocatori su 8 in doppia cifra, siano indubbiamente stati un segno di buona pallacanestro. E, ovviamente, è sempre una buona occasione per mettere a tacere gli hater di Davis.

«Ogni extra pass, ogni momento di altruismo ci fa bene. Quando tutti sono coinvolti acquisiscono fiducia e giocano meglio.»

«Tutti sono bravi a seppellire AD quando gioca una partita no. La sua influenza va oltre ciò che la gente spara su Twitter basandosi solo sulle statistiche base. È sempre importante per noi, quando è così efficiente diventa un mostro sia in attacco che in difesa.»

In merito alla caduta nel finale, Reaves ha poi rassicurato tutti.

«Tranquilli, sto bene, mi hanno chiesto come mi sentissi. Appena mi sono girato ho visto tutti i miei compagni attorno a me. Ho pensato “va bene dai, ora tiratemi su!”»

🆙 Ham: «Ci siamo concentrati di più in difesa»

Darvin Ham si è detto felice del progressivo miglioramento della difesa, che ha concesso sempre meno punti di quarto in quarto.

«La difesa si è concentrata di più sulla palla, loro hanno tanti grandi attaccanti, ci hanno messo pressione, abbiamo dovuto comunicare, essere aggressivi nei pick and roll e fare più attenzione sulla palla.»

«Gli abbiamo fatto arrivare più palloni, abbiamo avuto bisogno di ogni suo punto. Mobley e Allen giocano duro, abbiamo dovuto fare nel nostro meglio e farli muovere tanto. Non abbiamo forzato nulla con AD, è stato lui a giocare sfruttando il ritmo trovato.»

Anche il coach, ovviamente, ha parlato (in modo più profondo) della gara di Christie

«Ha affrontato grandi giocatori, anche lui è stato essenziale. La cosa migliore è che più gioca, più fiducia gli arriva. Lavora davvero tanto, guarda un sacco di video, e il lavoro paga sempre, come accaduto oggi. […] Chiediamo a tutti di eseguire diverse letture a seconda delle tante situazioni in cui ci si trovare Max ha fatto così. Ha tagliato diverse volte in modo intelligente e ha anche segnato due triple.»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (1:00 🇮🇹) tra Lunedì 27 e Martedì 28 Novembre per affrontare i Philadelphia 76ers al Wells Fargo Center.

In copertina: LeBron James durante la gara tra Cavaliers e Lakers e Mavericks alla Rocket Mortgage FieldHouse di Cleveland (Sue Ogrocki, AP Photo)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Vent’anni, torinese, appassionato di sport dalla nascita e di pallacanestro NBA da qualche anno dopo. Nel tempo libero studio Economia Aziendale.

Categories:

Our Podcast
Most Recent