Reduci dal pesante blowout subito contro i Suns, i Los Angeles Lakers 💜💛 (19-20) tornano in campo contro i lanciatissimi Utah Jazz (20-20), vittoriosi in sette delle ultime otto gare disputate.

I gialloviola sono privi di Gabe Vincent e LeBron James (fermato da un problema alla caviglia sinistra), pertanto Ham schiera l’inedito quintetto composto da Russell, Reaves, Prince, Reddish e Davis. Hardy replica con Sexton, Dunn, Fontecchio, Markkanen e Collins.

Leggi anche:

🏀 Jazz vs Lakers: Recap

L’avvio della coppia Russell & Reaves è ottimo: i due esterni colpiscono dalla lunga distanza e realizzano sette punti a testa senza errori dal campo, i padroni di casa replicano con i canestri di Kris Dunn e Sexton. Entrambe le squadre omettono la fase difensiva per cui fioccano i canestri, Austin Reaves completa un gioco da tre punti, Utah risponde con le triple di Collins e Markkanen: 19-20 con 6:08 sul cronometro.

I Jazz raddoppiano sistematicamente Anthony Davis, ma il numero 3 dei Lakers riesce a servire i compagni, assistendo le triple di Christie e Prince. La squadra di Will Hardy fatica in attacco per qualche possesso e i californiani allungano con The Brow e Hachimura. Una schiacciata di Markkanen e una tripla sulla sirena di Russell chiudono la frazione, con i californiani avanti 39 a 31.

Entrambe le squadre sparacchiano dalla lunga distanza, per cui cercano maggiore fortuna nel pitturato: L.A. raggiunge la doppia cifra di vantaggio (+12) con le giocate di Rui e DLo, Utah resta in scia coi canestri di Kelly Olynyk e Clarkson. Christian Wood colpisce da tre e dalla lunetta, per il 53-43 a poco più di sei minuti dall’intervallo lungo.

I mormoni capitalizzano gli errori di AD (0/3 al tiro con 2 TO) con le triple di Collins e Clarkson, poi tornano ad un possesso di distanza con Collin Sexton. The Brow prova a farsi sentire in difesa, mentre Reaves e Taurean Prince rimettono in moto l’attacco angeleno. La gara vive una brutta fase, col punteggio mosso solo dalla lunetta fino all’and-one di Clarkson e il putback di AD per il 67-64 a metà gara.

🔄 Jazz incontenibili per i Lakers

I losangelini ripartono con Christie al posto di Reddish, fermato nuovamente dal problema al ginocchio. Davis segna un paio di canestri, poi assiste cinque punti di Russell; Utah replica con una tripla di Lauri Markkanen e le giocate di Sexton (col malcapitato Max battuto a ripetizione), D’Angelo Russell risponde dalla lunga distanza e battibecca con il Delta Center: 79-77 con 6:59 sul cronometro.

I ragazzi di Darvin Ham faticano in attacco e i mormoni sorpassano con le triple di Collins e Dunn, poi toccano il +7 con Keyonte George. Vanderbilt risponde al rookie dei Jazz, che replica punendo ancora la pigra difesa dei Lakers. Davis e Russell sono imprecisi, pertanto gli unici segnali di vita dal pianeta gialloviola arrivano da Hachimura. All’ultimo mini-break L.A. insegue 95 a 100.

I californiani non riescono a fermare l’attacco di Utah (entrambe le squadre difendono a zona per diversi possessi, quella angelena è a dir poco rivedibile) e restano in partita coi canestri di Rui Hachimura. I padroni di casa arrivano al ferro con Agbaji e John Collins. Reaves prova a supportare il compagno con un floater e un bell’assist per Prince, autore del 109-114 con 6:03 da giocare.

Ma il contributo di Austin si ferma qui, poiché – in linea con le difficoltà difensive di tutta la stagione – commette tre falli in un minuto e se ne torna in panchina. AD e DLo sprecano un paio di possessi e in transizione Sexton alza l’alley-oop con cui l’ex Jordan Clarkson sigla il +11 e chiude di fatto la sfida.

Russell e Wood incrementano il proprio bottino, ma i Jazz controllano senza troppi patemi gli ultimi sussulti dei Lakers. 125 a 132 è il punteggio finale: Utah sale al nono posto della Western Conference, L.A. esce nuovamente dalla zona Play-In.

📊 Stats & Box Score

Brutta prova per Davis, che mette a referto la seconda tripla doppia della sua carriera. Per The Brow 15 punti (5/21 al tiro e 5/6 ai liberi), 15 rimbalzi, 11 assist, 1 recupero, 4 stoppate e 6 perse con -12 di Plus/Minus in poco più di 39 minuti sul parquet.

Per Russell 39 punti (15/26 dal campo, 6/11 dall’arco e 3/3 dalla lunetta), 3 rimbalzi, 8 assist, 3 stocks e 3 turnover in quasi 41 minuti di gioco. In doppia cifra anche Reaves (19+4+2 con 7/8 al tiro e 6PF), Hachimura (17+3+1), Wood (15+9+1) e Prince (12+1+1). A referto anche Vanderbilt (5+3+1) e Christie (3 punti e 3 assist). Solo 11 minuti per Reddish, quasi 10 per Mays (1 rimbalzo, 2 assist e 0/2 al tiro).

Il top scorer dei Jazz è Markkanen (29+9+5 con 8/16 dal campo e 10/11 dalla lunetta). Chiudono in doppia cifra anche Sexton (27+4+5 con 8/13 al tiro e 10/10 ai liberi), Clarkson (21+4+4 con 6/18 dal campo), Collins (19+13) e George (19+3+3). Male Simone Fontecchio: 0/5 dal campo, 4 rimbalzi, 4 assist, 1 persa e 3 falli in quasi 24 minuti.

Box Score at NBA.com

🗨️ Post Game Quotes

📺 Jazz vs Lakers: Highlights

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:30 🇮🇹) tra Lunedì 15 e Martedì 16 Gennaio per affrontare gli Oklahoma City Thunder alla crypto.com Arena.

In copertina: Anthony Davis e Lauri Markkanen durante la gara tra Jazz e Lakers al Delta Center di Salt Lake City. (Spenser Heaps, AP Photo)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent