Game 60: Los Angeles Lakers vs Golden State Warriors. In copertina: Austin Reaves e Klay Thompson (Ronald Martinez, Getty Images)

La ricorsa al Play-In dei Los Angeles Lakers 💜💛 (27-32) inizia con la sfida ai Golden State Warriors (29-29), già battuti a domicilio prima dell’All-Star Break.

I gialloviola hanno tutti gli effettivi a disposizione, per cui Ham conferma il nuovo starting five composto da Russell, Beasley, James, Vanderbilt e Davis. Kerr – privo di Stephen Curry, Andrew Wiggins, Andre Iguodala e Gary Payton II – replica con Poole, Thompson, DiVincenzo, Kuminga e Green.

🏀 Lakers vs Warriors: Game Recap

Le due contendenti sono titolari dei PACE più elevati della NBA, di conseguenza il ritmo è elevato fin dalla palla a due. I losangelini muovono il punteggio con otto punti di Malik Beasley, Golden State replica con le triple di Donte DiVicenzo e Thompson. James lascia a Russell il comando delle operazioni, mentre Davis attacca Green e disinnesca Poole: 14-13 dopo cinque minuti di gioco.

Con l’ingresso delle second unit la qualità dell’esecuzione cala, complice anche gli errori di Hachimura e la rim protection di Dray e AD. I Lakers regalano possessi (6 turnover) e trovano il fondo della retina solo dalla lunga distanza con Troy Brown Jr. e Bamba, gli Warriors hanno le polveri bagnate (35% dal campo con nove triple fallite) e restano in scia con Ty Jerome. Nei finale di quarto i gialloviola allungano con Dennis Schröder e i primi punti di James: 31-23 dopo dodici minuti di gioco.

La seconda frazione si apre con The Menace che alza l’alley-oop chiuso da LeBron e colpisce da tre, Golden State fatica in attacco ma accorcia con i canestri da tre di Jerome e JaMychal Green. La squadra di Darvin Ham aumenta l’intensità nella propria metà a campo e ristabilisce le distanze con Reaves, che dopo un bel reverse layup schiaccia in transizione: 41-33 a 7:53 dall’intervallo lungo.

La gara vive una fase di stasi e il punteggio si muove solo con l’and-one di Jonathan Kuminga e un putback di Anthony Davis, che poi premia anche il taglio di Vanderbilt. Il timeout chiesto da Kerr scuote gli Warriors, che tornano sotto con le seconde chance conquistate da Draymond Green, i canestri di Thompson e due triple di Jordan Poole.

Il primo tempo si chiude con L.A. avanti 59-56, mentre gli insider riportano la notizia che D’Angelo Russell non tornerà in campo a causa di una distorsione alla caviglia destra.

🔄 I Lakers travolgono gli Warriors

Al rientro i losangelini sono imprecisi nel pitturato ma difendono con intensità e allungano nuovamente con le triple di James e Beasley, seguite da sette punti consecutivi di HBK. Klay Thompson rallenta per un attimo la corsa dei gialloviola, che si distendono in transizione: Austin Reaves serve LeBron nell’angolo, poi segna il layup del 79-63 con 6:47 sul cronometro.

I Lakers alzano il piede dall’acceleratore e giocano con minore concentrazione su entrambi i lati del campo, consentendo agli Warriors di accorciare grazie ai rimbalzi offensivi catturati da Kevon Looney e ai canestri di Thompson. I padroni di casa fermano il parziale (2-11) dei campioni in carica col solito Reaves, che assiste anche Beasley e Bamba sul perimetro: 95-80 all’ultimo mini-break.

Gli angeleni toccano il massimo +20 con la settima tripla di Beasley e le giocate di LeBron James, che assiste Hachimura e segna in transizione. Steve Kerr ferma la gara, ma i suoi ragazzi non sembrano averne più e collezionano un errore dopo l’altro. Rui Hachimura schiaccia e segna il layup del 108-82, che sancisce l’inizio del garbage time a quasi otto minuti dalla sirena.

Nel finale i Lakers danno spazio a Reed, Lonnie Walker IV (due triple per lui) e Gabriel, mentre gli Warriors riducono il passivo con i canestri da tre di Patrick Baldwin Jr., Kuminga e Jerome. I losangelini vincono per 124 a 111 e tengono vive le speranze di accedere al Play-In.

Back to Top

📊 Stats & Box Score

Gara sottotono per James, autore di 13 punti (5/20 dal campo), 9 rimbalzi, 8 assist e 2 perse in poco più di 26 minuti di gioco. Davis (12+12+1 con 2 stoppate) alza la voce quando necessario. Il top scorer dei Lakers è Beasley (25+3+1 con 7/11 da tre e +26 di Plus/Minus), prova tutta sostanza per Vando (4+9+2) mentre gli esami eseguiti sembrano scongiurare infortuni gravi per Russell (2+4+3 con 8 minuti).

In doppia cifra anche Reaves (17+2+4 senza errori dal campo), Schröder (13 punti e 6 assist) e Bamba (10+13 con 2/4 da tre), meno incisivo Brown Jr. (3+4). Hachimura (14+1+2 con 5/9 al tiro) e Walker IV (10) incrementano il proprio bottino nel garbage time. A referto anche Reed (1+1+1) e Gabriel (1 fallo in sette minuti).

Il top scorer degli Warriors è Thompson (22+1+2 con 4/11 da tre). In doppia cifra anche Jerome (20+2+3), Poole (16+1+4 con 3/13 dal campo e -16 di Plus/Minus), Kuminga (10+3+5), Looney (10+15) e Baldwin Jr. (11). Per Draymond Green 6 punti, 11 rimbalzi, 5 assist e 2 stocks.

Box Score at NBA.com

^Back to Top

📺 Lakers vs Warriors: Highlights

🗨️ Post Game Quotes

Leggi le dichiarazioni dei protagonisti della gara tra Lakers e Warriors:

🚦 Plus & Minus

Leggi l’analisi degli aspetti positivi e negativi della partita del crypto.com Arena:

^Back to Top

🏆 Lakers vs Warriors: Fan Survey

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo (21:30 🇮🇹) Domenica 26 Febbraio per affrontare i Dallas Mavericks all’American Airlines Center.

^Back to Top


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent