Los Angeles Lakers 💜💛 (15-10) e San Antonio Spurs (3-20) tornano ad affrontarsi due giorni dopo la sofferta vittoria dei californiani, con i texani reduci da 18 sconfitte consecutive.

I gialloviola non dispongono di Anthony Davis (caviglia), D’Angelo Russell (influenza) e Cam Reddish (ginocchio) oltreché del lungodegente Gabe Vincent. Ham schiera Reaves, Christie, Prince, James ed Hayes. Pop – privo del solo Tre Jones – replica con Sochan, Branham, Vassell, Johnson e Wembanyama.

Leggi anche:

🏀 Spurs vs Lakers: Recap

L’avvio della squadra di Darvin Ham è pessimo: fioccano errori dal campo e palle perse ed il punteggio si muove solo da una schiacciata di James e un paio di canestri di Reaves. Viceversa, San Antonio è on fire da tre e colpisce con Vassell e Keldon Johsono (due triple a testa), mentre Wembanyama può permettersi il lusso di non tentare neppure una conclusione. 8-21 il punteggio con 6:46 sul cronometro.

Il francese alza la voce su entrambi i lati del campo e i ragazzi di Gregg Popovich dilagano: Osman segna due triple, Collins produce nel pitturato. I californiani arrancano – si vede anche il two-way player D’Moi Hodge – e solo grazie all’indomito Reaves la frazione non si chiude con un passivo storico: 22-42 per i texani. I Lakers hanno subito 87 punti negli ultimi due quarti giocati contro gli Spurs.

Gli speroni volano sul +25 con la tripla di Doug McDermott, poi i losangelini si schierano a zona e rallentano l’attacco dei padroni di casa. Reaves e Hachimura accorciano, poi James prende il controllo delle operazioni e si mette al servizio dei compagni: prima serve Austin e Rui, poi assiste l’and-one di Jaxson Hayes. Infine, dalla lunetta sigla il 38-51 a cinque minuti e mezzo dall’intervallo lungo.

Gli Spurs si rimettono in modo con Johnson e Malaki Branham, ma i Lakers sembrano entrati finalmente in partita: James segna altri cinque punti, poi serve sul perimetro Wood e Taurean Prince (due volte). Il quattro volte MVP colpisce dall’angolo contro il braccio proteso di Wemby, poi premia un taglio del lungo ex Mavs. L’and-one di Johnson chiude il tempo, con L.A. sotto 62 a 69.

🔄 I Lakers si spengono, gli Spurs controllano

Al rientro in campo Hayes sigla il -5, ma i texani sono determinati ad interrompere la peggiore losing streak della franchigia e allungano con le triple di Vassell e Victor Wembanyama. Ham richiama in panchina Christie e SideShow Jax ed il neo-entrato Rui Hachimura sigla sei punti consecutivi, ma San Antonio controlla agevolmente con Branham e il solito Vassell: 72-88 con 6:46 sul cronometro.

I Lakers sembrano sulle gambe, ma in un minuto dimezzano il vantaggio degli Spurs con due triple di Austin Reaves e una bimane di Wood, poi tornano sul -6 con altri quattro punti del Black Samurai e una running dunk di James. San Antonio replica con Osman e cinque punti di Zach Collins, per l’87 a 98 all’ultimo mini-break. I padroni di casa vincono il terzo quarto (25-29) per la seconda volta (!) in stagione.

Si riparte con un’altra schiacciata di LeBron James, che poi fallisce un easy layup e dal possibile -9 si passa al -14 con la tripla di McDermott. I californiani faticano, muovono il punteggio solo con Hachimura e subiscono l’allungo dei texani, alimentato dai canestri di Cedi Osman e Wembanyama. Gli angeleni sbagliano tutto e la schiacciata di Jeremy Sochan chiude la gara: 96-116 a 5:37 dalla sirena.

I Lakers danno spazio a Christie, Hodge e Colin Castleton, mentre negli Spurs Devin Vassell infierisce per incrementare il proprio bottino personale prima di lasciare spazio al georgiano con cittadinanza statunitense Sandro Mamukelashvili. La gara si chiude con L.A. sconfitta per 115 a 129, San Antonio torna al successo dopo un mese e mezzo.

📊 Stats & Box Score

James chiude con 23 punti (7/17 dal campo con 2/6 dall’arco e 7/10 dalla lunetta), 7 rimbalzi, 14 assist e 2 recuperi con 2 perse e -28 di Plus/Minus in 36 minuti sul parquet. Per LeBron season high per assist e pareggiato il massimo in carriera in un singolo quarto (9 nel secondo). Per Reaves 22 punti (8/18 al tiro con 4/10 da tre), 7 rimbalzi e 4 assist in 34 minuti.

In doppia cifra anche Hachimura (20+5+4 con 8/15 dal campo e 0/5 dall’arco), Wood (17+8+3) e Prince (12+3+1). Male Christie (2 punti con 1/6 al tiro e -28 di Plus/Minus) ed Hayes (8+7 con 5 falli), si vede pochissimo Vanderbilt (0/3 dal campo, 5 rimbalzi e 1 assist). A referto anche Hodge (5 punti e 3 assist) e Castleton (6+1+1).

Il top scorer degli Spurs è Devin Vassell (36+6+3 con 12/19 al tiro e nuovo career high). In doppia cifra anche Johnson (17+2+6 con 6/16 al tiro), Collins (16+6+1), Osman (15+2+6), Wembanyama (13+15+5 con 4 stocks), Branham (12+4+8) e Sochan (11+8+2).

Box Score at NBA.com

📺 Spurs vs Lakers: Highlights

🗨️ Post Game Quotes

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:30 🇮🇹) tra Lunedì 18 e Martedì 19 Dicembre per affrontare i New York Knicks alla crypto.com Arena.

In copertina: LeBron James e Victor Wembanyama durante la gara tra Spurs e Lakers del Frost Bank Center. (Lakers.com)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent