Reduci dai bei successi in casa di Celtics e Knicks, i Los Angeles Lakers 💜💛 (26-25) chiudono il Grammy Road Trip in casa degli Charlotte Hornets (10-38), già battuti in California a fine dicembre e reduci da sette sconfitte consecutive.

I gialloviola sono privi di Jarred Vanderbilt, Gabe Vincent e Cam Reddish. La squadra del North Carolina non dispone di mezza squadra, poiché sono out LaMelo Ball, Gordon Hayward, Cody Martin, Mark Williams e Kyle Lowry. Ham conferma il quintetto composto da Russell, Reaves, Hachimura, James e Davis; Clifford replica con Smith, Miller, Black, Bridges e Richards.

Leggi anche:

🏀 Hornets vs Lakers: Recap

Charlotte parte bene e tocca il +7 con i canestri di Ish Smith – come sempre produttivo contro L.A. – e cinque punti di Miller, poiché in avvio la squadra di Darvin Ham segna col solo Russell. I californiani crescono e annullano lo svantaggio con James e Davis, poi piazzano il sorpasso con Reaves. Il ritmo della gara resta elevato: AD e LeBron segnano ancora, replica Bridges per il 20-17 con 5:45 sul cronometro.

Sia Lakers che Hornets omettono la fase difensiva, con l’eccezione di qualche hustle play di giocatori vogliosi di mettersi in mostra come Max Christie. I losangelini toccano il +8 con le giocate di Davis e cinque punti di Prince, i ragazzi di Steve Clifford restano in partita con le triple di Bridges (due) e Miller. Lo step back di DLo chiude il primo quarto, con L.A. avanti 37 a 29.

James capitalizza un paio di errori degli avversari per segnare il layup del +10, i padroni di casa fermano subito la gara e si rimettono in moto con la di McGowens e cinque punti di P.J. Washington. Anche D’Angelo Russell segna due volte da oltre l’arco, poi James accende lo Spectrum Center con due schiacciate vintage in pochi minuti: 57-44 a sei minuti dall’intervallo lungo.

I gialloviola alzano il ritmo: Christie ferma Bridges e stoppa Washington, poi schiaccia servito da Davis. L’ex Pelicans chiude l’alley-oop alzatogli da Reaves e continua a mettere in ritmo i compagni: prima DLo sul perimetro, poi James in transizione. I Lakers sprecano qualche pallone e gli Hornets accorciano con Bridges e Bryce McGowens. I canestri di Russell e Austin Reaves chiudono il tempo: 74 a 58 a metà gara.

🔄 I Lakers allungano, poi subiscono il rientro degli Hornets

I losangelini ripartono con i canestri di Rui Hachimura e Reaves, ma dopo una tripla di Russell alzano troppo il piede dall’acceleratore e consentono a Charlotte di accorciare (-12) con le giocate di Bridges e Miller. Il timeout chiesto da Ham scuote i californiani, che si rimettono in moto con James e Hachimura, entrambi assistiti da Reaves: 87-73 con 5:20 sul cronometro.

I gialloviola provano a piegare definitivamente la resistenza […] dei padroni di casa: Davis segna un paio di jumper, domina a rimbalzo e completa la tripla-doppia assistendo Christian Wood sul perimetro e nel pitturato. The Brow, poi, lancia Prince in transizione per il +21 Lakers, ma gli Hornets non gettano la spugna e replicano con le triple di Bridges, Miller e Nick Smith Jr.: 100-86 all’ultimo mini-break.

L’attacco di L.A. vive un passaggio a vuoto e Charlotte torna sul -10 con Richards e Miller. Russell e Taurean Prince rallentano il rientro dei padroni di casa, ma i losangelini sprecano ancora e consentono a P.J. Washington di segnare i canestri del 107-96 con 6:32 da giocare.

Gli Hornets accorciano ancora ispirati da Bridges, mentre i Lakers arrancano in attacco e muovono il punteggio solo col duo ‘Bron & The Brow. Il pubblico sostiene i padroni di casa e tornano sotto con Brandon Miller: la seconda scelta dell’ultimo draft segna due liberi, piazza una steal & fastbreak e replica due volte dalla lunga distanza ai canestri di Davis. 117 a 113 con due minuti da giocare.

Lo show del rookie dei calabroni viene fermato dal gioco da tre punti di LeBron James, ma nel ribaltamento di campo Miles Bridges piazza un and one riuscendo ad eludere la difesa di AD. James e DLo sbagliano da tre e Bridges tenta la tripla del -1, ma stavolta Anthony Davis ha la meglio e neutralizza il tentativo dell’ex Michigan State, chiudendo la gara.

Bridges forza il cambio difensivo, preferendo tentare la tripla contro Davis. Scelta sbagliata, Miles.

Reaves e Davis non sbagliano dalla lunetta, Bridges allo scadere segna il layup con cui scollina quota quaranta punti per la prima volta in carriera. 124 a 118 è il punteggio finale, Lakers Win!

📊 Stats & Box Score

Per James 26 punti (12/22 dal campo con 0/5 da tre, 2/3 dalla lunetta), 4 rimbalzi, 7 assist, 1 stoppata, 1 recupero e 4 perse in quasi 40 minuti sul parquet. Davis chiude con 26 punti (12/16 al tiro e 2/2 ai liberi), 15 rimbalzi, 11 assist e 3 stoppate con +16 di Plus/Minus in poco più di 37 minuti.

Russell mette a referto 28 punti (10/21 dal campo, 5/12 dall’arco e 3/3 dalla lunetta), 4 rimbalzi, 6 assist e 1 recupero. Reaves (9+4+11 con 0/5 dalla lunga distanza, 2 stocks e 5 turnover) si mette al servizio dei compagni ma spreca qualche pallone in maniera banale. Si vede poco Hachimura (9+5 con 4/6 al tiro). Dalla panca buone prove per Prince (9+4+1), Wood (11+6) e Christie (6+3), a referto anche Hayes (3 rimbalzi e 1 recupero).

Il top scorer degli Hornets è Bridges: 41 punti (career-high) con 16/26 dal campo e 4 assist. In doppia cifra anche Miller (33+4+3 con 5/11 dall’arco e 4 recuperi), Washington (15+8+4 con 6/14 al tiro) e McGowens (10+4+1).

Box Score at NBA.com

🗨️ Post Game Quotes

📺 Hornets vs Lakers: Highlights

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:00 🇮🇹) tra Giovedì 8 e Venerdì 9 Febbraio per affrontare i Denver Nuggets alla crypto.com Arena.

In copertina: Anthony Davis durante la gara tra Hornets e Lakers allo Spectrum Center di Charlotte. (Jacob Kupferman, AP Photo)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent