I Los Angeles Lakers 💜💛 (30-26) ripartono sfidando per la seconda volta i Golden State Warriors (27-26). Nel precedente match di fine gennaio a San Francisco, i losangelini hanno vinto dopo due overtime.

I gialloviola sono privi di LeBron James (potrebbe rientrare contro gli Spurs), Christian Wood, Cam Reddish, Jarred Vanderbilt e Gabe Vincent. La squadra della Baia non dispone di Chris Paul e Gary Payton II. Ham conferma il quintetto composto da Russell, Reaves, Prince, Hachimura e Davis; Kerr replica con Curry, Podziemski, Wiggins, Kuminga e Green.

Leggi anche:

🏀 Warriors vs Lakers: Recap

In avvio la squadra di Steve Kerr è on fire dalla lunga distanza e realizza cinque delle sei conclusioni tentate (tre con il solo Curry). I ragazzi di Ham reggono l’urto con Davis e Russell, poi accorciano con le triple di Reaves e Rui Hachimura. Poi entrambe le squadre sprecano qualche pallone e per un paio di possessi il punteggio resta invariato: 16-19 con 5:35 sul cronometro.

Gli Warriors continuano a sbagliare – sette errori consecutivi – e i Lakers piazzano il sorpasso (+3) con le giocate di Reaves e Davis. Ma l’allungo dei ragazzi di Darvin Ham viene neutralizzato da Stephen Curry, che segna altri cinque punti (16 totali con 4/5 da tre) e serve Looney nel pitturato. I canestri di Russell e Kuminga chiudono il quarto, con L.A. sotto 28 a 31.

L’inedita second unit gialloviola guidata da Russell riporta avanti i losangelini, sfruttando l’energia di Jaxson Hayes e cinque punti di Prince. Golden State non si scompone e si affida a Trayce Jackson-Davis: il rookie incide nella propria metà campo e, soprattutto, segna 13 punti consecutivi capitalizzando gli assist del duo Thompson & Curry: 42-44 a sette minuti dall’intervallo lungo.

Con il rientro degli starter la gara resta equilibrata: i Lakers muovono il punteggio con Davis ed Austin Reaves, gli Warriors replicano con Green e Curry. Ma nel finale di tempo gli angeleni sprecano qualche possesso, consentendo ai Dubs di correre in transizione ed allungare con le triple (due) di Brandin Podziemski e cinque punti di Curry. I canestri di DLo e Wiggins fissano il 56 a 67 a metà gara.

🔄 Gli Warriors controllano i Lakers

Il secondo tempo si apre con le triple di Reaves e Jonathan Kuminga, poi Golden State non trova il canestro per qualche minuto, ma i losangelini fanno peggio e sprecano possessi con Russell e Hachimura. L’unico a produrre è Anthony Davis (tre canestri consecutivi), ma è troppo poco: i padroni di casa controllano con Kuminga e Green (da tre): 65-77 con 7:02 sul cronometro.

L’attacco dei Lakers resta poco produttivo e gli Warriors provano a chiudere la gara (+17) con Curry e Wiggins, a segno in transizione dopo aver stoppato AD. Reaves ferma il parziale dei Dubs, poi Davis e Taurean Prince provano a riaprire la gara, ma il mini-parziale angeleno viene respinto da Quinones e Klay Thompson. Sulla sirena, Kuminga segna il canestro dell’82-98 all’ultimo mini-break.

L.A. prova ad accorciare con le triple di Christie e D’Angelo Russell (due), ma Golden State controlla senza patemi grazie a nove punti consecutivi realizzati da Andrew Wiggins. Dinwiddie completa un gioco da tre punti, poi Kuminga e Jackson-Davis (due volte) schiacciano punendo gli sciagurati blitz della difesa losangelina: 96-115 a poco meno di sei minuti dalla sirena.

Ham capisce che non c’è storia e svuota la panchina, imitato un paio di minuti dopo da Kerr. Nel garbage time trovano gloria Mays, Christie, Santos e Robinson. Una tripla di Jalen Hood-Schifino fissa il punteggio finale: 110 a 128.

📊 Stats & Box Score

Davis chiude con 27 punti (11/19 al tiro e 5/6 ai liberi), 15 rimbalzi, 1 assist, 3 stoppate e 3 perse in quasi 33 minuti sul parquet. Reaves (16+2+4 con 7/11 dal campo) l’unico a supportare The Brow, mentre Russell paga una brutta serata al tiro (18+5+9 con 6/15 al tiro e 2 recuperi).

Male Hachimura (8+4+1 con 3 stocks e -28 di Plus/Minus in 32 minuti), impalpabile Prince (12+3+2). A referto anche Dinwiddie (5 punti e 3 assist), Christie (9+3+6) ed Hayes (7+7+1). Garbage time per Hood-Schifino (4+1), Mays (4 punti) e Windler (1 rimbalzo e 1 assist).

Il top scorer degli Warriors è Curry (32+1+8 con 6/13 dall’arco). In doppia cifra anche Wiggins (20+3+2), Jackson-Davis (17+5+1), Kumina (12+3+3) e Podziemski (10+9 con 3/12 al tiro). Draymond Green chiude con 8 punti, 7 rimbalzi e 5 assist; per Thompson 3 punti con 1/9 dal campo.

Box Score at NBA.com

🗨️ Post Game Quotes

📺 Warriors vs Lakers: Highlights

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:30 🇮🇹) tra Venerdì 23 e Sabato 24 Febbraio per affrontare i San Antonio Spurs alla crypto.com Arena.

In copertina: Anthony Davis e Moses Moody durante la gara tra Warriors e Lakers al Chase Center di San Francisco. (Lachlan Cunningham, Getty Images)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent