Chiuso il 2023 con la brutta sconfitta contro i Pelicans, i Los Angeles Lakers 💜💛 (17-17) aprono il 2024 affrontando i Miami Heat (19-14), in back-to-back (L contro i Clippers) e già vittoriosi ad inizio novembre.

I gialloviola sono privi di D’Angelo Russell (coccige) e Rui Hachimura (polpaccio) oltreché del lungodegente Gabe Vincent. La franchigia della Florida non dispone di Jimmy Butler e Caleb Martin. Ham cambia ancora quintetto inserendo Reaves al fianco di Prince, Reddish, James e Davis. Spoelstra replica con Lowry, Herro, Jovic, Jaquez Jr. ed Adebayo.

Leggi anche:

🏀 Lakers vs Heat: Recap

Dopo essersi fatto uccellare da Kyle Lowry nel primo possesso della gara, Reaves prende le redini dell’attacco segnando cinque punti e servendo i compagni. Poi la squadra di Darvin Ham decide di mettere in scena The Turnover Horror (Lake)Show perdendo 8 palloni in sette minuti (di cui 3 nei 31″ dopo l’uscita di Austin), grazie ai quali Herro e Jaquez Jr. segnano i canestri del 9-20 con 5:05 sul cronometro.

Al rientro dal timeout i Lakers commettono il nono turnover (…a fronte delle dieci conclusioni tentate) ed invitano gli Heat a considerare l’eventualità di non considerare la partita come una schedule loss. Nonostante le percentuali pessime (32% dal campo) dei ragazzi di Erik Spoelstra, L.A. muove il punteggio solo con un paio di canestri di Jarred Vanderbilt e chiude il primo (bruttissimo) quarto sotto 18 a 25.

Ham schiera l’ennesima lineup discutibile della stagione (James con JHS, Christie, Reddish e Wood), che si rivela assolutamente incapace di attaccare la zona di Miami. Con entrambi gli attacchi improduttivi, emergono le difficoltà di Jalen Hood-Schifino, che – beffardamente – viene stoppato proprio da Jaime Jaquez Jr., uscito da UCLA e scelto subito dopo. A sei minuti dall’intervallo lungo L.A. insegue 25 a 33.

A causa degli infortuni Hood-Schifino (pick #17) ha giocato pochissimi minuti di basket “vero”, ma ad oggi il confronto con Jaquez Jr. (#18) e Podziemski (#19) è impietoso.

Dopo 18 minuti di basket orrendo la gara si vivacizza: i Lakers servono Davis e colpiscono da tre con Austin Reaves e Christie, gli Heat mantengono il controllo della gara coi canestri di Jovic e Tyler Herro. Tenuto conto del momento della squadra e l’approccio degli avversari, quello che è probabilmente il peggior primo tempo della stagione si chiude sul 45 a 53.

🔄 Gli Heat controllano i Lakers

Il tridente losangelino – Davis, Reaves e LeBron James – prova a ricucire le distanze, ma la deterrenza di The Brow viene vanificata dalle palle perse – due a testa per Austin e Reddish, che aggiornano a 19 il totale di squadra – che permettono agli Heat di restare avanti nonostante i tanti errori al tiro. Nikola Jovic segna il layup del 55 a 64 con 6:01 sul cronometro.

Gli Heat continuano a giocare una gara mediocre e i Lakers provano a ridurre lo svantaggio con qualche giocata d’energia – come la schiacciata di Max Christie su Adebayo – e soprattutto affidandosi al talento di Anthony Davis, che segna otto punti in un amen riducendo le distanze a soli tre punti. Un jumper di Bam chiude la frazione, con L.A. 67 a 72.

I losangelini si avvicinano ancora (-2) con James e Christian Wood, ma vengono subito respinti dalle triple di Jaquez Jr. e Robinson. Davis chiude un paio di alley-oop, Raeves segna la quarta tripla dei californiani, tuttavia Miami resta avanti con Love e Bam Adebayo: 82-93 con 6:23 sul cronometro.

I Lakers non hanno le forze, mentali in primis, per tentare la rimonta: Davis non viene più servito, mentre James commette diversi errori. Gli Heat eseguono con ordine e chiudono la partita con le triple di Richardson, Duncan Robinson ed Herro. I liberi di Christie fissano il punteggio finale: 96 a 110.

I losangelini tornano sotto al 50% di vittorie e rischiano di uscire dalla zona Play-In in caso di un successo degli Warriors. Per L.A. nove sconfitte nelle ultime dodici gare e un ambiente a dir poco esplosivo. La crypto.com Arena ha rumoreggiato per tutta la gara (sono arrivati dei boo durante una maldestra sequenza offensiva nel secondo quarto), James non ha parlato con i media al termine della gara.

📊 Stats & Box Score

Davis chiude con 29 punti (10/17 al tiro e 9/10 ai liberi), 17 rimbalzi, 6 assist, 3 recuperi, 5 stoppate e 5 perse in quasi 43 minuti sul parquet. Per James 12 punti (6/18 dal campo e 0/6 dall’arco), 6 rimbalzi, 9 assist e 2 turnover con -20 di Plus/Minus in poco più di 38 minuti.

Buona prova per Reaves (24+5+8 con 7/12 al tiro e 8/9 ai liberi), pessimi Prince (5 rimbalzi e 2 assist con 0/5 da tre) e Reddish (4 perse in 19 minuti). Dalla panca discreti Christie (14+5 con 5/12 dal campo) e Wood (13+8+3 con 5/10 al tiro), male Vanderbilt (4+2) e Hood-Schifino (0/4 in sei minuti). Quaranta secondi di garbage per Hayes.

Il top scorer degli Heat è Herro (21+6+4 con 7/19 dal campo e 3 recuperi). In doppia cifra anche Jaquez Jr. (16 punti e 8 assist), Adebayo (15+7+5 con 5/14 al tiro), Jovic (15+8+1 con 3/8 da tre), Robinson (13 con 3/12 dall’arco), Lowry (10+3+6), Love (10+14+3) e Richardson (10).

Box Score at NBA.com

📺 Lakers vs Heat: Highlights

🗨️ Post Game Quotes

🏆 Lakers vs Heat: Fan Survey

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:00 🇮🇹) tra Venerdì 5 e Sabato 6 Gennaio per affrontare i Memphis Grizzlies alla crypto.com Arena.

In copertina: LeBron James durante la gara tra Lakers ed Heat alla crypto.com Arena di Los Angeles. (Gary A. Vasquez, USA TODAY Sports)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent