Importante vittoria casalinga per i Los Angeles Lakers, vittoriosi contro gli Oklahoma City Thunder, una delle squadre più in forma della Western Conference. I californiani hanno vinto grazie alle prestazioni di James e Davis – entrambi in doppia doppia – oltre alle brillanti prove di Reaves e Russell.

Al termine della gara, coach Darvin Ham ha parlato con i reporter in sala stampa, così come Austin Reaves e D’Angelo Russell, che però hanno risposto alle domande in combo. Ecco le loro impressioni post partita. Le parole di LeBron James ed Anthony Davis, invece, sono disponibili in quest’articolo.

Leggi anche:

🏀 Darvin Ham: «Grandissimo approccio difensivo»

Coach Darvin Ham ha sottolineato il buon momento di forma dei suoi ragazzi, evidenziando la necessità di serrare i ranghi in vista del finale di stagione. Nota di merito per la prestazione difensiva dei suoi ragazzi, capace di limitare l’attacco avversario.

«Abbiamo fatto una gran partita difensiva. Nel primo quarto loro sono riusciti ad entrare in ritmo, segnando diversi tiri, mentre noi abbiamo perso qualche pallone di troppo, forse per poca lucidità. L’aspetto positivo è che abbiamo retto: non siamo implosi o collassati sotto l’urto avversario ma abbiamo continuato a difenderci con ordine.»

«In alcuni frangenti ho pensato che fosse la miglior difesa vista in stagione: abbiamo lottato su ogni pallone per gran parte dell’incontro, ostacolando ogni loro possesso e non permettendo ai loro migliori tiratori di colpire. Siamo andati con ferocia al rimbalzo. Qualche errore è stato commesso, ma sono arrivati a fine partita.»

«Oltre all’eccellente fase difensiva, oggi siamo stati bravi a portare a termine giocate importanti in transizione. Blocchi di ottima fattura per creare spazi ai nostri uomini al tiro, che sono stati bravi a sfruttare le occasioni create per loro.»

L’allenatore dei Lakers ha proseguito elogiando il collettivo, lodato l’ottima prestazione collettiva della squadra, in particolar modo dato l’alto livello degli avversari e del loro All-Star, Shai Gilgeous-Alexander.

«Tutti hanno fatto un’ottima prestazione: AR è stato molto importante per noi, dovendo affrontare direttamente Shai. Riavere AD finalmente ai suoi livelli è stato fondamentale, anche per le sue abilità nel comunicare, così come LeBron. DLo è stato bravo nell’attirare i raddoppi su di sé, anche Rui è stato determinante, seppur abbia commesso un po’ troppi falli.»

«Anche i ragazzi della second unit hanno fatto davvero un’ottima prestazione: Taurean, Cam, Jaxson, Spencer anche loro hanno dato un gran contributo. Gilgeous-Alexander richiede delle attenzioni difensive extra, per cui bisognava cambiare spesso l’uomo in marcatura su di lui, ma tutti i ragazzi sono riusciti a limitarlo bene.»

«Ognuno di loro ha tirato fuori un ottimo rendimento, in termini di approccio alla gara e di mentalità mantenuta per tutti e 48 i minuti. Grandissima prestazione collettiva, con un’eccellente fase difensiva ed una squadra solida e sicura di sé nel giocare i propri possessi.»

Infine, Darvin Ham ha chiuso la sua conferenza elogiando la prestazione e l’importanza di LeBron James all’interno del roster, svelando i retroscena del pre-partita gialloviola.

«LeBron è fondamentale per il nostro gioco: controlla aspetti molto determinanti, specie nei duelli difensivi quando si trova sul nostro versante più debole. Oggi è stato determinante nei closeout e nel produrre occasioni per i suoi compagni. Quando è così concentrato sulla partita, il suo istinto, le sue abilità comunicative e la consapevolezza che da ai suoi compagni sono fondamentali.»

«Avevamo analizzato con cura i nostri difetti ed errori in sala film stamattina prima dello shoot around, e per questo dobbiamo ringraziare l’ottimo lavoro del nostro staff e dei nostri tecnici. Ed è stato molto importante, perché ci ha permesso di capire quali fossero le nostre debolezze e giocare ogni possesso in modo efficiente.»

💬Il commento di D’Angelo Russell e Austin Reaves

La sfida casalinga contro i Thunder ha rappresentato una tappa fondamentale per questo finale di stagione dei Lakers, ed averla vinta può dare una marcia in più ai gialloviola. Lo sanno bene Austin Reaves e D’Angelo Russell, che per l’occasione hanno condiviso la sala stampa rispondendo alle domande dei giornalisti.

Per prima cosa è stato chiesto ad AR cosa ne pensasse della prestazione del compagno al suo fianco, decisivo ai fini del risultato con le sue conclusioni da oltre l’arco.

«Il modo in cui ci aiuta, quando riesce a portare a termine delle scoring run tanto lunghe e determinanti, è davvero importante. Adoro vederlo giocare quando è in queste condizioni. Osservando i replay si può vedere che sia io che AD rimaniamo immobili quando prende palla lui: che fosse al tiro o che stesse servendo qualcuno di noi, sapevamo che il pallone sarebbe andato dentro se fosse provenuto dalle sue mani.»

«Abbiamo fatto tutti una grande gara, con un’ottima prestazione. LeBron ha fatto bene, creando molte giocate per noi e sfruttando gli spazi. Beh, io ho messo quattro triple su cinque tentativi, e se voi dite che la mia prestazione è stata messa in ombra dalle loro, sono il primo ad esserne felice.»

«Giocare contro squadre del calibro di OKC, anche se loro provenivano da un back-to-back, ci fa rendere conto di cosa siamo capaci. Siamo riusciti a rimanere concentrati dal primo all’ultimo minuto ed è un ottimo modo per poter proseguire il nostro cammino stagionale.»

Le domande seguenti sono state poste a DLo, ed hanno riguardato alcune situazioni di gioco, specialmente in fase offensiva. Inoltre, Russell ha parlato della qualità degli avversari, sottolineando i dettagli fondamentali nell’ottenere la vittoria, anche a livello personale.

«Alcune giocate le ho fatte senza nemmeno pensare. Che fosse al tiro o servendo un compagno. Ad esempio, con LeBron, sapevo già quando avrebbe attaccato il ferro. O quando era il mio momento di dover incidere sulla partita. Nell’occasione con LeBron non ho neppure guardato il canestro: tutti mi incitavano ad avanzare, io ho tirato ed è andata dentro. Un tiro fortunato.»

«OKC è una squadra davvero forte. Sono al secondo posto della Western Conference ed hanno davvero un grandissimo allenatore. Non si possono ammettere cali d’attenzione poiché giocano in maniera molto fluida. Osservando le loro scorse partite avevo capito che potevamo fare la differenza prendendo i rimbalzi. Infatti è stato un aspetto in cui siamo stati dominanti. Ci hanno concesso qualche spazio e siamo stati bravi a sfruttarli.»

«Per quanto riguarda me, cerco di essere quanto più solido ed efficiente. Sto cercando di standardizzare il mio modo di giocare ed il mio rendimento, ma ancora ho parecchio lavoro da fare. Ci sono ancora piccoli dettagli su cui lavorare: nei blocchi, nello sfruttare al meglio le occasioni. Sto provando a lasciare tutto il resto fuori dalla mia mente, senza farmi distrarre da nulla: l’unica cosa che conta per me è fare canestro. Ne ho parlato anche con AR e l’ho visto in netto miglioramento sotto quest’aspetto.»

Infine, la conferenza post gara del duo è stata chiusa con una domanda ciascuno: quella posta ad HilliBilly Kobe ha riguardato il dispendio di energie fisiche e mentali costituito da sfide di questo livello; invece a Russell è stato chiesto quanto sia stato duro e determinante limitare Shai Gilgeous-Alexander.

«[AR] Abbiamo giocato due partite a grande intensità, e questo ci ha tolto tante energie. Marcare Shai non è mai un lavoro facile: anche giocando molto bene in difesa è probabile che riesca comunque a far canestro. Ma con un approccio del genere siamo riusciti ad avere la meglio. LeBron ha dato il massimo, AD è stato finalmente al 100%. La cosa più importante è stata non vanificare l’importante lavoro difensivo fatto sin da inizio partita.»

«[DLo] Shai ha fatto almeno 30 punti contro ogni altra squadra: avergli reso il lavoro duro è stato un ottimo risultato per noi. Chiunque sia stato in marcatura su di lui ha fatto un gran lavoro, dimostrando che tutta la squadra è concentrata sugli obiettivi. Però, per quanto possa guardare i video che mi inviano gli amici per congratularsi, per me rimangono solo distrazioni: non approccio alle partite con questa attitudine da tifoso, una fan-mode che non comprendo. Sono solo distrazioni, ed io cerco di rimanere concentrato.»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:30 🇮🇹) tra Mercoledì 6 e Giovedì 7 Marzo per affrontare i Sacramento Kings alla crypto.com Arena.

In copertina: D’Angelo Russell e LeBron James durante la gara tra Lakers e Thunder alla crypto.com Arena di Los Angeles. (Marcio Jose Sanchez, AP Photo)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Categories:

Our Podcast
Most Recent