Terza sfida stagionale tra Los Angeles Lakers 💜💛 (36-31) e Golden State Warriors (34-31). I losangelini hanno vinto dopo due overtime il primo match giocato San Francisco, i Dubs hanno dominato il secondo.

I gialloviola sono privi di Cam Reddish, Jarred Vanderbilt, Gabe Vincent e Christian Wood. Ham schiera Russell, Reaves, Hachimura, James e Davis; Kerr replica con Curry, Podziemski, Wiggins, Kuminga e Green.

Leggi anche:

🏀 Lakers vs Warriors: Recap

In avvio le due contendenti omettono – praticamente – la fase difensiva: i ragazzi di Darvin Ham muovono il punteggio con un paio di canestri di Reaves e Russell, gli ospiti catturano qualche rimbalzo offensivo e replicano con Andrew Wiggins e Kuminga (già in doppia cifra). Davis e James cercano di entrare in partita, poi entrambe le squadre sprecano un paio di possessi: 15-17 con 5:27 sul cronometro.

Gli Warriors continuano a sbagliare e i Lakers tentano l’allungo con due triple di LeBron, seguite da un paio di canestri di Hachimura. Thompson (otto punti a referto) rimette in moto la squadra di Steve Kerr, ma i losangelini restano avanti con AD e Prince. Un alley-oop di Jaxson Hayes chiude il quarto: 36 a 30. Nel mentre, The Brow è costretto a rientrare negli spogliatoi a causa di un colpo subito da Jackson-Davis.

Golden State prova ad annullare lo svantaggio con dieci punti consecutivi dello scatenato Klay Thompson, ma i padroni di casa restano avanti con le giocate di D’Angelo Russell e James, che completa anche un gioco da quattro punti. Curry segna il primo canestro della sua gara, poi Kuminga stoppa Christie: 48-44 a sette minuti dall’intervallo lungo.

Gli Warriors pareggiano con cinque punti di Steph e una bimane di Trayce Jackson-Davis, i Lakers replicano con James e Hachimura, poi tengono botta anche la small lineup schierata da Ham (DLo, AR, Dinwiddie, Prince e Rui). D’Angelo Russell segna da tre, Green serve Thompson sul perimetro e alza due alley-oop per Jonathan Kuminga. Il primo tempo si chiude con L.A. sotto 66 a 67.

🔄 Lakers piegati dagli Warriors

Al rientro in campo i losangelini – con Hayes al posto di Davis – collezionano turnover e sparacchiano dalla lunga distanza, consentendo alla squadra della Baia di allungare col duo Kuminga & Wiggins. Poco dopo, arriva l’ufficialità tanto temuta: Anthony Davis è out for the game. I canestri di James, Curry e Russell siglano il 75-78 con 5:58 sul cronometro.

Nel finale di quarto Stephen Curry si accende: prima colpisce due volte da tre (la seconda subendo il fallo), poi realizza il layup del massimo vantaggio (+12). I Lakers barcollano sotto i colpi degli Warriors, ma reagiscono con la tripla di Austin Reaves e un and one di James. I Dubs controllano con Podziemski e Jackson-Davis, L.A. non affonda grazie ai giochi a due tra Russell ed Hayes: 93 a 102 all’ultimo mini-break.

I losangelini faticano in attacco e muovono il punteggio solo con Prince e Max Christie; Golden State non brilla, ma controlla agevolmente coi pullup di Paul. Thompson segna la tripla che riporta i suoi sul +12, James – appena rientrato in campo – completa due giochi da tre punti prima dell’ennesima schiacciata (Wiggins) generata degli short roll di Draymond Green: 107-115 con 6:41 sul cronometro.

I Lakers tornano sul -4 con un gioco da tre punti di Reaves, gli Warriors raddoppiano il vantaggio coi giochi due tra Steph e Dray. LeBron James non molla: prima schiaccia con veemenza, poi segna in allontanamento. Dopo un altro canestro di Curry, il quattro volte MVP segna anche dall’angolo la tripla del teorico 120-124 con 2:07 sul cronometro. Teorico, per l’appunto.

😵‍💫 Finale di gara grottesco

Golden State sbaglia da tre e nella lotta a rimbalzo gli arbitri assegnano la rimessa agli ospiti. A questo punto, la gara si trasforma in una farsa. Ham chiede il challenge e lo vince, nel mentre viene annullata la tripla di cui sopra (James pesta la linea laterale? Le immagini non danno una risposta definitiva).

Il fischio precedente viene annullato, ma si riparte con una palla a due. Green commette infrazioni di passi ed esce fuori, ma occorre un’altra review – chiesta dai Lakers – per invertire la chiamata a favore degli Warriors. Si ricomincia ma per tre volte tre volte non riparte il cronometro dei 24″, dopo altri due tentativi si decide di procedere col conteggio manuale ad opera di Lawrence Tanter.

Venti lunghissimi minuti, durante i quali entrambe le squadre perdono il ritmo e per i losangelini passano 10″ della loro azione offensiva. Senza entrare nel merito della correttezza delle decisioni arbitrali, un finale indecoroso per una sfida del genere.

Finalmente si ricomincia, Curry ruba il pallone a James, Kuminga schiaccia e chiude la gara. LeBron raggiunge quota 40, poi Wiggins e Hachimura fissano il punteggio finale: 121-128. Gli Warriors si portano sul 2-1 in stagione e sorpassano i Lakers al nono posto.

📊 Stats & Box Score

James mette a referto 40 punti (15/23 dal campo, 3/5 dall’arco e 7/8 dalla lunetta), 8 rimbalzi, 9 assist, 1 recupero, 1 stoppata e 4 perse in quasi 38 minuti sul parquet. Per Davis 8 punti (3/6 al tiro e 2/2 ai liberi), 4 rimbalzi, 2 assist e 2 stocks in poco meno di 12 minuti.

Chiudono in doppia cifra Russell (23+3+13 con 3/10 dalla lunga distanza), Hachimura (14+4+2 con 7/10 dal campo), Reaves (11+3+3 con 4/13 al tiro e 3 perse. A referto anche Prince (8+2+3), Hayes (7+12), Dinwiddie (7+2) e Christie (3+1). DNP per Giles III, Lewis e Mays.

Il top scorer degli Warriors è Curry (31+6+5 con 12/24 dal campo). In doppia cifra anche Thompson (26+4+3 con 5/10 da tre), Kuminga (23+2+4), Wiggins (16+6+1) e Jackson-Davis (10+3+4). Per Green 6 punti, 12 rimbalzi e 13 assist.

Box Score at NBA.com

🗨️ Post Game Quotes

📺 Lakers vs Warriors: Highlights

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (3:30 🇮🇹) tra Lunedì 18 e Martedì 19 Marzo per affrontare gli Atlanta Hawks alla crypto.com Arena.

In copertina: LeBron James e Stephen Curry durante la gara tra Lakers e Warriors alla crypto.com Arena di Los Angeles. (Andrew D. Bernstein, NBAE via Getty Images)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent