Dopo l’eliminazione dai Playoffs dei suoi Los Angeles Lakers, Darvin Ham si è presentato davanti ai microfoni per le classiche exit interviews di fine stagione.

Di seguito, i punti salienti della conferenza stampa dell’allenatore gialloviola, mentre le parole di LeBron James sono disponibili in quest’articolo.

Leggi anche:

💬 Darvin Ham: «Sono orgoglioso di questo gruppo»

Il coach losangelino ha ovviamente esordito parlando della sconfitta in Gara 5 che ha mandato ufficialmente i Denver Nuggets al secondo turno.

«È dura, ci sono state alcune circostanze sfortunate, AD si è fatto male e loro hanno fatto un buon parziale. Poi abbiamo sprecato il challenge a inizio partita, perdendo dunque un timeout che avremmo potuto utilizzare più in là. Loro sono una grande squadra, quella da battere, ma non potrei essere più orgoglioso di questo gruppo. Le cose si sono messe male, ma abbiamo vinto una partita in casa e combattuto fino alla fine. Gli intangibles sono nuovamente stati decisivi, abbiamo sbagliato qualche libero e concesso troppi second chance points… è andata così, impareremo da questo.»

«Sono stati due anni movimentati, tra la deadline del 2023 e la rincorsa che abbiamo fatto subito dopo… siamo riusciti a mantenere il core intatto e a riprovarci, anche se all’inizio è stato difficile. Questa è una franchigia incredibile, non potrei chiedere di meglio e nemmeno migliori uomini, da Rob Pelinka a Jeanie Buss.»

Su Anthony Davis c’è ben poco di negativo da dire: è stata la stagione con più gare giocate in carriera e ha disputato comunque degli ottimi Playoffs contro un avversario da incubo come Nikola Jokic:

«Ha cercato di combattere per la squadra, in Regular Season ha giocato tantissimo e si è dimostrato il tipo di persona che vuole sempre esserci per il suo gruppo, per tutto l’anno è stato così.»

Il focus è poi tornato sul finale di Gara, con Jamal Murray che ha segnato un altro game-winner a pochi secondi dal termine e con i gialloviola che hanno cercato invano di pareggiare.

«Non avevamo più timeout. Abbiamo cercato di coprire più campo possibile in poco tempo, TP [Taurean Prince] ha cercato un buon tiro, non so chi lo stesse marcando, ma in quella situazione è impossibile che si fischi qualcosa, a meno che non sia davvero evidente. Ci abbiamo provato, ma non ha funzionato.»

«Dobbiamo restare sani, le rotazioni sono solo un corollario di tutto ciò. Quando perdi tanti pezzi importanti nel corso dell’anno è difficile costruire quella continuità necessaria. Abbiamo avuto 2, 3, 4 giocatori fuori per molto tempo, e cercare di gestire un roster in questa situazione non è facile. Con giocatori sani, si può trovare un modo per tutto.»

Ora, alla fine, la stagione è terminata per davvero, e bisogna tirare le somme per prepararsi al meglio per la prossima. Darvin Ham ha detto la sua su queste ultime gare, per poi riassumere i suoi due anni da coach dei Lakers.

«Dobbiamo dormirci su, non si vuole mai parlare troppo con le emozioni in circolo. Guarderemo la partita per capire cosa avremmo potuto fare in modo migliore, e poi andremo avanti. Noi abbiamo vinto una battaglia in Gara 4, ma loro hanno vinto la guerra.»

«È dura, ora la mia mente è poco lucida, ma magari in futuro potrei dare una risposta migliore. Sono stati due grandi anni, tante buone cose sono state compiute, anche se si vuole sempre vincere. Non vogliamo più sentirci così, dunque proverò a controllare ciò che sono in grado di controllare… e spero di essere un migliore allenatore in futuro.»

In copertina: Darvin Ham parla con in media al termine di Gara 5 del primo turno della Western Conference tra Nuggets e Lakers alla Ball Arena di Denver del 29 Aprile 2024. (Lakers.com)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Vent’anni, torinese, appassionato di sport dalla nascita e di pallacanestro NBA da qualche anno dopo. Nel tempo libero studio Economia Aziendale.

Categories:

Our Podcast
Most Recent