I Los Angeles Lakers sono tornati ad assaporare il gusto amaro della sconfitta contro i Brooklyn Nets, vittoriosi alla crypto.com Arena nonostante le buone prove di LeBron James ed Anthony Davis, entrambi in doppia doppia.

Nel post gara, le due stelle gialloviola hanno parlato alla stampa direttamente dagli spogliatoi, come spesso avvenuto nelle ultime uscite stagionali. Ecco le impressioni della coppia losangelina, mentre le dichiarazioni di Darvin Ham, D’Angelo Russell ed Austin Reaves sono disponibili in questo articolo.

Leggi anche:

👑 LeBron James: «Cam Thomas ha fatto la differenza»

Nella sconfitta dei Lakers contro i Nets, il quattro volte MVP ha chiuso con 24 punti (9/22 dal campo), 11 rimbalzi, 5 assist e 4 turnover. LeBron James ha parlato dagli spogliatoi, analizzando la gare ed elogiando la prestazione degli avversari, in particolare di Cam Thomas, autore di 33 punti.

«Innanzitutto, Cam Thomas ha fatto la differenza. Inoltre, la nostra difesa ad un certo punto è come se non sia stata più capace di reggere all’urto e reagire. Dopo un primo quarto da 37 a 28 per noi, il secondo è stato abbastanza equilibrato. Dagli spogliatoi sono uscite due squadre diverse: Cam ha messo molta pressione su di noi, aiutando i Nets a dominare il terzo quarto per 38 a 22.»

«Avere di fronte una squadra che riesce a trovare il proprio ritmo ed imporlo è sempre complicato. A tratti ho pensato che fossimo un passo indietro rispetto a loro, nel marcare i loro tiratori in fase difensiva. I Nets hanno tirato molto bene, attaccando bene il pitturato e dal perimetro. Ripeto, hanno giocato una gran gara dopo l’intervallo.»

The Choosen One ha continuato ad analizzare la sfida, toccando vari aspetti e non potendo esimere sé stesso ed i propri compagni da colpe per la brutta prestazione offerta nel secondo tempo:

«Abbiamo provato vari schemi e tattiche in entrambe le fasi, con alterne fortune. Ci hanno concesso qualche occasione, che da un certo punto in poi non abbiamo saputo sfruttare. Loro sono stati molto compatti in uscita dagli spogliatoi, riuscendo ad essere decisivi al tiro sia dal perimetro che nel pitturato. E poi, come ho già detto, hanno avuto Cam Thomas: oggi è stato la loro marcia in più.»

«Non si tratta solo di un calo fisico. A questi livelli non può trattarsi solo di un calo fisico. Anche perché tutti li hanno, è normale, ma ci si riprende. E soprattutto, da solo non può giustificare i 38 punti subiti nel terzo quarto.»

LeBron ha sottolineato i momenti chiave della sfida e specificato come e quanto ha intenzione di lavorare per rimettere subito in carreggiata i suoi Lakers:

«In certi momenti della partita loro sono stati concreti, noi abbiamo tirato davvero in maniera pessima, come se il pallone pesasse un quintale. In quei momenti, che si sono rivelati fondamentali, loro hanno tirato in maniera eccellente, noi abbiamo sbagliato quasi tutto. Poco altro da aggiungere.»

«Da domani mi metterò a lavoro in palestra, sul campo e soprattutto in sala film per analizzare la partita e fare in modo che questo risultato e questa prestazione non influiscano sulla prossima, ed in generale i prossimi eventi in calendario. Questo è l’unico modo che conosco per rispondere a queste sconfitte.»

…anche se la chiosa finale di James lascia piuttosto interdetti i cronisti, che gli chiedono come recuperare la fiducia dopo una sconfitta del genere.

«Guardando i playoff della NFL domani, è quello che farò io.»

〰️ Anthony Davis: «Non possiamo permetterci certi errori»

Anche Anthony Davis ha parlato alla stampa dagli spogliatoi. The Brow ha parlato di come avrebbero dovuto controbattere all’ottima prestazione di Cam Thomas e dei Nets nel terzo quarto, esponendo le proprie opinioni anche sulla mancanza di continuità nei risultati.

«Dovevamo segnare di più. E ovviamente cercare di marcarlo meglio, senza lasciargli spazio per tirare e cadere nelle sue finte. All’inizio avevamo provato ad abbassare il pace, ma lui ha continuato ad andare. Una volta raggiunto il ritmo ha condizionato anche i suoi compagni, e tutti hanno iniziato a metter dentro tiri importanti.»

«In generale, dopo l’intervallo la nostra fase difensiva è stata un colabrodo, in particolare durante il terzo quarto. Per noi è stata dura, non siamo riusciti a reagire anche perché abbiamo sbagliato tanto anche sotto il loro ferro.»

«Non riuscire a sfruttare le gare casalinghe e costruire una winning streak è frustrante, dopo aver vinto due partite contro avversari importanti. Stasera ad un certo punto siamo scesi in campo senza grinta, quasi inermi. E lo si nota dai loro 38 e 30 punti negli ultimi due quarti.»

L’ex Pelicans ha proseguito la sua analisi della partita concentrandosi sulle carenze difensive mostrate, specialmente dal terzo quarto:

«C’è qualcosa in comune tra oggi le sconfitte del mese scorso. Molte cose hanno influito sul corso della partita. Provenivamo da due grandi vittorie ed una prima parte di gara ad altissimo livello, ed è assurdo aver praticamente abbassato totalmente la guardia nel terzo quarto, senza alcuno stimolo difensivo.»

«Una volta trovato il ritmo non hanno fatto altro che fare punti, spesso privi di marcatura: da oltre l’arco, jumper dal pitturato, schiacciate avendo preso il rimbalzo offensivo… Nel terzo quarto siamo stati difensivamente assenti.»

«Sbagliando praticamente tutto in difesa abbiamo compromesso anche la fase offensiva. Loro sono stati molto presenti al rimbalzo, sotto entrambi i ferri. Alzare il ritmo gli ha ridato fiducia nei loro mezzi e a quel punto i canestri sembravano più larghi per loro.»

Infine, AD ha parlato del lavoro in vista delle prossime sfide stagionali ripartendo dalle certezze avute in qui, e quindi dalla fase difensiva.

«Abbiamo commesso diversi errori di comunicazione tra noi, che hanno causato problemi nel difendere sui blocchi. E soprattutto, abbiamo perso dei palloni in maniera scellerata, spesso in transizione. È del tutto insensato.»

«Dopo le recenti prestazioni, non possiamo permetterci di giocare come nel terzo quarto odierno. È frustrante perdere così dopo certe prestazioni: abbiamo dimostrato il nostro vero valore e adesso commettiamo errori tanto banali quanto imperdonabili.»

«Per evitare batoste nelle prossime sfide dovremo solo rimanere concentrati e lavorare duro. Abbiamo avuto qualche problema in avvio di gara qualche volta, dovremo rimanere concentrati per evitare di scendere in campo con in testa questa prestazione. Siamo una squadra difensivamente solida, dobbiamo tenerlo a mente: concentrarci su questo per tornare a vincere.»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:00 🇮🇹) tra Domenica 21 e Martedì 22 Gennaio per affrontare i Portland Trail Blazers alla crypto.com Arena.

In copertina: LeBron James durante la gara tra Lakers e Nets alla crypto.com Arena di Los Angeles. (Tyler Ross, NBAE via Getty Images)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Categories:

Our Podcast
Most Recent