I Los Angeles Lakers hanno battuto i San Antonio Spurs, vanificando il “5×5 game” di Wembanyama, esaltato ed elogiato da tutti i gialloviola. Per i losangelini buone prove da parte di Russell (22 punti e 6 assist con il 42,9% da tre), Rui Hachimura (17 punti e 7 rimbalzi) e Reaves (doppia doppia mancata per un solo assist, pur con qualche errore di troppo).

Al termine della partita hanno parlato con i media coach Darvin Ham, D’Angelo Russell, Jaxson Hayes ed Austin Reaves. LeBron James ha parlato con i reporter subito dopo la sirena e direttamente dagli spogliatoi, le parole del quattro volte MVP sono disponibili in questo articolo.

Leggi anche:

💭 Darvin Ham: «Dopo l’All-Star break è tutto sottosopra»

Il coach gialloviola parla del ritorno di LeBron:

«È stato bello averlo di nuovo con noi. Abbiamo bisogno delle sue giocate e dei suoi tiri. In assoluto dopo l’All-Star break è tutto un po’ sottosopra, e tutti i ragazzi devono ritrovare un po’ di ritmo.»

Anche Darvin Ham non può sottrarsi dal commentare la prestazione di Victor Wembanyama:

«Come ho detto a Pop dopo la partita, la cosa che mi impressiona di più di lui, nonostante abbia un super talento in tante sfaccettature del gioco, è la sua natura competitiva. È un qualcosa che non si può allenare, è un ragazzo competitivo che fa giocate vincenti in continuazione. Ha un grande impatto difensivo, stoppa e altera i tiri e va a rimbalzo. Ripeto che, personalmente, le due caratteristiche innate di rimanere competitivo possesso dopo possesso e di compiere giocate decisive, sono le cose più importanti.»

Ham spiega dove la squadra deve ancora migliorare:

«Vorrei vedere la squadra forzare gli avversari all’errore e non mettere sé stessa nelle condizioni sbagliate: non tornare in transizione, concedere due o tre rimbalzi offensivi agli avversari o commettere fallo perché non si è nelle giuste posizioni. Sull’altro lato del campo dobbiamo fidarci del sistema, abbiamo tante armi, ma sono inutili se non stiamo attenti alle piccole cose come correre in transizione, non perdere palloni, mantenere lo spacing e fare i blocchi giusti. Dobbiamo fare cose semplici e pensare ai dettagli.»

🥵 Austin Reaves: «Possiamo battere chiunque»

Hillybilly Kobe commenta così la partita:

«Giocare in back-to-back è sempre difficile, ma farlo dopo l’All-Star break lo è di più. Stanotte non abbiamo giocato sempre bene, ma abbiamo lottato e alla fine siamo riusciti a vincere.»

Ad Austin Reaves viene chiesto come poter giocare contro Wembanyama. Questa la risposta del numero 15:

«Non ho risposte a questo. Non so quanto sia alto, credo 2,40 m. Ho cercato di fintare dei passaggi e girargli intorno per tirare ma… niente da fare. Mi piace molto come gioca, diventerà molto forte. Le sue braccia sono dappertutto, in un’azione pensavo di poter segnare un facile layup ma mi ha stoppato, e non ho idea di quanti tiri mi abbia stoppato, ho perso il conto. Ho cercato di fintare passaggi e cambiare l’angolatura dei floaters. Contro di lui devo cambiare il mio gioco, e anche di molto.»

Tornando a parlare della squadra, Reaves ritiene che:

«Dopo la scorsa partita abbiamo parlato di che tipo di squadra vogliamo essere e che identità vogliamo avere, nell’ottica di migliorarci. Abbiamo capito cosa fare per vincere e cosa funziona per davvero. Difensivamente avere AD fa la differenza grazie al suo essere così dominante. Sentiamo di star giocando nel modo giusto, facciamo circolare la palla e prendiamo buoni tiri. Possiamo battere chiunque.»

🧊 D’Angelo Russell: «L’anno scorso pensavamo partita per partita. Dobbiamo fare lo stesso.»

Intervistati in coppia, Jaxson Hayes e D’Angelo Russell commentano la vittoria contro San Antonio. D-Lo ritiene che:

«Loro sono ben allenati, continuano a fare ciò che devono e contro di loro non è mai finita. Avversari con questo tipo di mentalità ci consentono di rimanere concentrati e lottare per vincere.»

All’inevitabile domanda su Wembanyama, Hayes risponde che:

«Ha iniziato un lungo percorso. Lo abbiamo incontrato per la prima volta a dicembre e adesso è più bilanciato e attacca di più il ferro.»

Facendo un paragone con lo scorso anno, Russell ritiene che:

«L’anno scorso abbiamo giocato pensando partita per partita, ed era facile per ognuno capitalizzare al meglio ogni incontro. Ricordo Vando, Rui e Reaves vincere delle partite, ovviamente così come LeBron, AD e il sottoscritto. Ognuno ha messo il proprio nelle vittorie, e penso che lo stesso stia accadendo ora.»

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo Domenica 25 Febbraio (21:30 🇮🇹) per affrontare i Phoenix Suns al Footprint Center.

In copertina: Victor Wembanyama ed Austin Reaves durante la gara tra Lakers e Spurs alla crypto.com Arena di Los Angeles. (Sean M. Haffey, Getty Images)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


Categories:

Our Podcast
Most Recent