Reduci dalle vittorie in back-to-back contro Clippers e Wizards, i Los Angeles Lakers 💜💛 (33-28) tornano in campo per affrontare i Denver Nuggets (41-19), già vittoriosi in entrambi i precedenti stagionali.

Serata speciale alla crypto.com Arena: la franchigia della California celebra la prima Girl Dad Night, LeBron James è a nove punti da quota 40.000 punti segnati nella regular season.

I gialloviola sono privi di Christian Wood, Jarred Vanderbilt e Gabe Vincent. I campioni NBA non dispongono di Vlatko Cancar e dell’ex Kentavious Caldwell-Pope. Ham conferma il quintetto composto da Russell, Reaves, Hachimura, James e Davis; Malone replica con Murray, Braun, Porter Jr., Gordon e Jokic.

Leggi anche:

🏀 Lakers vs Nuggets: Recap

La squadra di Michael Malone serve Jokic nel pitturato, poi soffre l’aggressività dei losangelini e trova il canestro “solo” con due triple di Porter Jr. Viceversa, dopo qualche errore in avvio i californiani si sbloccano con un paio di canestri di Anthony Davis, seguiti da una tripla di Reaves e sette punti di Hachimura. I layup di Russell e James fissano il 18-12 con 6:20 sul cronometro.

I Nuggets producono col solo Joker e i Lakers allungano: LeBron segna dall’angolo e alza un’alley-oop per AD, Austin Reaves (già 6 assist!) pesca Hachimura e segna il floater del +11. Ma Denver non si scompone e dimezza lo svantaggio con Aaron Gordon e Watson, poi il centro serbo segna anche di tabella. Una tripla di Holiday e due liberi di Davis chiudono il quarto, con L.A. avanti 33 a 27.

👑 40.000 punti per LeBron James

Si riparte con un layup di LeBron e altri cinque punti di Porter Jr., poi James attacca ancora il pitturato e dopo uno spin move appoggia di sinistro per il canestro con cui raggiunge quota quarantamila punti. Il quattro volte MVP serve DLo nell’angolo, poi Ham chiama timeout e gli consente di ricevere la meritata standing ovation dell’arena e la visione del video celebrativo. Pazzesco!

Le pepite provano ad accorciare col primo canestro di Murray e un’altra tripla di Justin Holiday, ma i gialloviola restano avanti con le giocate di D’Angelo Russell, che dopo un pullup completa un gioco da tre punti e realizza la tripla del 50 a 39 a sette minuti dall’intervallo lungo.

La gara è una sorta di “tira e molla”: i Nuggets dimezzano nuovamente lo svantaggio con l’energia di Christian Braun e i canestro della coppia Jokic & Gordon, i Lakers soffrono per qualche possesso poi riallungano con Davis e James. Nel finale Murray prova a mettersi in ritmo, L.A. replica con Davis e Cam Reddish. Un layup di Jokic e un libero di AD chiudono il tempo: 66 a 58.

🔄 I Nuggets rimontano i Lakers

Al rientro in campo Davis sigla il canestro del +10, poi l’attacco angeleno s’inceppa (due triple fallite da Russell e un paio di turnover di James) e produce solo una tripla di Hachimura. Denver coglie l’attimo e torna sotto coi canestri di Michael Porter Jr. (18 punti con 7/7 al tiro e quattro triple), Gordon e Murray. Darvin Ham ferma la gara sul 75-73 con 7:00 sul cronometro.

I Nuggets pareggiano con Murray, i Lakers si rimettono in moto con cinque punti di Reaves ma il momentum è nelle mani dei campioni NBA, che tornano avanti grazie a tredici punti consecutivi di Nikola Jokic, raggiungi con un incredibile fadeaway di tabella. Sette punti dell’ottimo Rui Hachimura mantengono la gara in parità: 89 pari a fine terzo quarto.

I californiani soffrono e muovono il punteggio solo con una tripla di Dinwiddie e una schiacciata di Hayes; Denver prova a scappare via con due canestri di Peyton Watson, seguiti dalle triple di Murray e MPJ. A togliere le castagne dal fuoco angeleno non può essere che LeBron James: prima segna due layup nell’affollato pitturato avversario, poi realizza la tripla del 101-99 a 7:34 dalla sirena.

I Lakers riescono a conservare la testa della gara con le giocate di Reaves, che realizza altri cinque punti e assiste due volte James. I Nuggets restano in scia con i canestri di Porter Jr., Jokic e Murray poi tornano avanti (+1) con le triple di Holiday e Gordon con meno di quattro minuti da giocare.

Nel finale, ancora una volta, emerge netta la differenza tra le due squadre. In una metà campo James perde un pallone, Davis viene stoppato da MPJ. Nell’altra, Jokic e Jamal Murray trovano il fondo della retina. AD e LeBron provano a fermare la mareggiata delle pepite, che dilagano con il serbo e il canadese. Un gioco da tre punti Gordon fissa il punteggio finale: 114 a 124.

I Lakers incassano l’ottava sconfitta consecutiva contro i Nuggets. Negli ultimi 3:49 i campioni NBA hanno piazzato un parziale di 16-4, riuscendo a segnare negli 8 possessi finali. Altro livello.

📊 Stats & Box Score

James chiude con 26 punti (12/20 dal campo, 2/5 dall’arco e 0/2 dalla lunetta), 4 rimbalzi, 9 assist, 3 recuperi e 3 perse in 37 minuti di gioco. Per Davis 17 punti (7/13 al tiro e 3/4 ai liberi), 11 rimbalzi, 2 assist e 3 stoppate in quasi 39 minuti sul parquet.

Ottime prove per Reaves (19 punti e 14 assist, nuovo career-high) e Hachimura (23+3+2 con 10/15 dal campo e 3/4 da tre). Si vede meno nel secondo tempo Russell (17+3+3 con 6/13 al tiro). A referto anche Reddish (3+2 con 1 recupero), Dinwiddie (3+1+3), Prince (2+1 con 1/6 al tiro) ed Hayes (4+4 con 2 stocks). DNP per Christie e Mays.

Il top scorer dei Nuggets è Jokic (35+10+7 con 16/25 dal campo). In doppia cifra anche Porter Jr. (25+10+4 con 10/10 al tiro e 5 triple), Murray (24+6+11), Gordon (18+9+5) e Holiday (13+2+3).

Box Score at NBA.com

🗨️ Post Game Quotes

📺 Lakers vs Nuggets: Highlights

📅 Next Game

I Los Angeles Lakers tornano in campo nella notte (4:30 🇮🇹) tra Lunedì 4 e Martedì 5 Marzo per affrontare gli Oklahoma City Thunder alla crypto.com Arena.

In copertina: LeBron James segna il 40.000 punto della sua carriera durante la gara tra Lakers e Nuggets alla crypto.com Arena di Los Angeles. (Kevork Djansezian, Getty Images)


Ascolta Lakers Speaker’s Corner, il podcast italiano dedicato ai gialloviola, su:


LeBron James ha superato Kareem Abdul-Jabbar, diventando il miglior realizzatore della storia della NBA. Leggi gli articoli dedicati al record del quattro volte MVP scritti dalla redazione di LakeShow Italia:


NBA & Lakers on the couch, minors & post on the court. 1987, Showtime!

Categories:

Our Podcast
Most Recent